Redazione Irno24 06/12/2019 0

A Baronissi un Presepe Vivente speciale con figuranti d'epoca

Sabato 7 Dicembre 2019, a Baronissi rivive la magia del Natale con il caratteristico Presepe Vivente in Villa Comunale che si animerà grazie a cento figuranti in costume d’epoca, che riapriranno antiche botteghe e cantine per riproporre mestieri del passato. Dalle ore 18.00, sarà possibile ammirare gli antichi lanaioli, le lavandaie, il “castagnaro”, il ciabattino, lo scalpellino, le ricamatrici, le filatrici, le antiche massaie al lavoro. Nel corso dell’evento si apriranno le botteghe degli artigiani e inizierà il viaggio di Maria e Giuseppe fino alla grotta, dove sarà rappresentata la natività fino all’arrivo dei Re Magi.

La straordinarietà di questo “speciale” Presepe Vivente è l’unione tra tutti i presepi viventi della città: per la riuscita dell’evento – coordinato dal direttore artistico Gaetano Stella – si “fonderanno” i presepi viventi dell’associazione Alvaa di Aiello Acquamela, gli Aggregati di Sant’Antonio di Fusara, la parrocchia di Santa Maria delle Grazie e Santo Stefano protomartire di Caprecano, i Cavalieri dell’Irno e i giovani dell’Azione Cattolica e della Parrocchia S. Agnese in Sava. Sarà un’autentica immersione tra fede e le radici più antiche del villaggio, dove il tempo sembrerà essersi fermato.

L’evento sarà un’occasione per ammirare il presepe dipinto di Mario Carotenuto allestito in Villa Comunale dalla Bottega San Lazzaro e le luminarie artistiche. L’Abete di Natale che sarà acceso per le Luci dell’Irno darà il benvenuto ai visitatori. Negozi aperti fino a tarda sera con il trenino natalizio gratuito messo a disposizione dall’Associazione Baronissi Food & Beverage e dai commercianti della città che attraverserà le principali strade cittadine per accompagnare grandi e piccini.

foto tratta dalla pagina social Comune Baronissi

Leggi tutto

Redazione Irno24 06/12/2019 0

Al Giullare un "Orlando" fra teatro, musica e danza

Un grande classico rivisitato con gli sguardi incrociati del teatro, la musica e la danza è la proposta di Teatrisospesi per Sabato 7 Dicembre 2019, alle ore 21, e Domenica 8, alle 18.30, al Teatro del Giullare di Salerno, con il suo “Orlando”, ispirato all’Orlando Furioso di Ariosto. La direzione del progetto e la coreografia sono di Serena Bergamasco che insieme a Carlo Roselli ha curato la regia.

Lo spettacolo, che è realizzato in collaborazione con DuoDanza, prevede la musica dal vivo dell’Hartmann Trio (Daniele Apicella, Gabriele Pagliano e Carlo Roselli). In scena ci saranno Enzo Capasso, Antonetta Capriglione, Marica Cordella, Francesca Fiore, Nicol Memoli, Maria Celentano, Mara Fiore, Claudia Marchese, Carmen Prisco e Raffaela Sorvillo. Trucco di scena, Flavia Raucci; storytelling fotografico, Massimiliano Iannone; foto di scena, Massimiliano Mona; video, Matteo Cinque.

Ad aprire l’azione del testo è un atto di sovversione: una donna, messa al palio, fugge rompendo gli equilibri di un’intera società e di chi la abita, ma la perdita dell’equilibrio può condurre ad un passo in avanti o a infrangersi in un crollo. È su questo gioco di equilibrio e di fatalità che si sviluppa l’azione scenica. La perdita e il recupero, la crisi e la rinascita, la letteratura e il vissuto, il passato e il presente sono esplorati e animati da suoni e da corpi che danno forma, dimensione, consistenza allo spazio: non il castello di Atlante, ma una casa nel bosco. Un filo ci conduce attraverso questa dimensione, a reggere il capo di questo filo c’è una donna che non potrà sottrarsi dal fare i conti con la presenza silenziosa, ma mai passiva del Caso.

Info e prenotazioni 3347686331 - info@piccoloteatrodelgiullare.eu

Piccolo Teatro del Giullare, via Incagliati 2, Salerno.

Leggi tutto

Redazione Irno24 05/12/2019 0

Green Metric 2019, UNISA premiata per la sostenibilità ambientale

Infrastrutture, energia, gestione dei rifiuti e delle risorse idriche, trasporti e formazione in tema di ambiente. Sono questi i sei indicatori presi in esame dall’indagine UI Green Metric World University Rankings 2019, i cui risultati sono stati resi noti in queste ore. Lo studio Green Metric è elaborato annualmente dall’Università dell’Indonesia (UI), per misurare l’impegno delle istituzioni accademiche, a livello mondiale, nello sviluppo di soluzioni universitarie “rispettose dell’ambiente”.

L'Ateneo di Salerno, nell’indice generale che contempla 800 istituzioni accademiche, si posiziona al 112° posto tra le università mondiali, recuperando oltre 100 posizioni rispetto al 2018 (214° posto). Tra gli indicatori su cui l’Ateneo ha mostrato una performance particolarmente positiva vi sono la pianificazione energetica implementata per i due campus e i programmi di ricerca e formazione sui temi della sostenibilità (corsi, pubblicazioni scientifiche, eventi tematici).

“L’impegno che il nostro Ateneo profonde in termini di miglioramento e di riduzione dell'impatto ambientale delle proprie attività, contribuisce a delineare il profilo di quello che intende essere sempre più un Campus Sostenibile - dichiara il rettore Vincenzo Loia - La strategia che abbiamo messo in atto punta in particolare ad aumentare le già buone prestazioni energetiche, incrementando la produzione da fonti rinnovabili (è in corso di chiusura il Bando per l'ampliamento del parco fotovoltaico); a gestire in modo sempre più efficiente le risorse idriche e il ciclo dei rifiuti, nonché a sensibilizzare la nostra comunità sulla fondamentale importanza del rispetto ambientale.

Grazie all'attività del gruppo di docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti impegnato sulle Politiche di sostenibilità, stiamo lavorando per migliorare le nostre performance partendo dal presupposto che al ruolo istituzionale delle Università si associa un duplice impegno: essere sostenibili e impegnarsi per la sostenibilità”. Rispetto all'indice degli atenei italiani, UNISA si colloca al 9° posto guadagnando tre posizioni sull’anno precedente e configurandosi come primo ateneo del Centro-Sud.

foto tratta da unisa.it

Leggi tutto

Redazione Irno24 05/12/2019 0

La Caritas di Salerno al fianco della popolazione albanese

La Caritas di Salerno-Campagna-Acerno, accogliendo l’invito di Caritas Italiana, ha attivato i suoi canali per fronteggiare l’emergenza terremoto che ha colpito l'Albania. Ad oggi, sono 51 le vittime del sisma di magnitudo 6.4 che nel Novembre scorso ha colpito l’Albania; oltre 2000 le persone ferite. Secondo un primo bilancio preliminare del governo, sono oltre 10.000 le persone che al momento risultano sfollate, senza un’abitazione in cui rientrare. Un numero che non rappresenta la drammaticità della situazione: secondo un'analisi Caritas, le persone potrebbero essere circa 30.000.

Emerge l'urgente necessità di tende, letti, coperte, vestiti e cibo per bambini da 0 a 3 anni, articoli per l'igiene e medicine per i malati.
Caritas Albania, con il supporto di Caritas Italiana e Caritas Europa, sta lavorando alla definizione di un piano di risposta all’emergenza, che servirà per raccogliere i fondi necessari per affrontare i bisogni più urgenti.

A tal proposito, la Caritas di Salerno-Campagna-Acerno organizza una raccolta fondi. Si potrà aderire all’iniziativa inviando una donazione all'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno (IBAN IT 31 O 031111 5201 00000000 7928) oppure all'Associazione Misericordiando Salerno (IBAN IT 60 O 0311115201 0000000 10898. In entrambi i casi è necessario indicare nella causale TERREMOTO IN ALBANIA.

Caritas Salerno non effettua alcuna raccolta diretta, né manda in giro propri operatori per questi scopi.

foto tratta da caritas.it

Leggi tutto

Redazione Irno24 05/12/2019 0

Ricco calendario per gli appuntamenti fiscianesi del 2020

È stata presentata, a Palazzo di Città di Fisciano, la programmazione degli eventi pensati dalla Pro Loco per il 2020. Grazie alla collaborazione con l'Amministrazione Comunale, è stato possibile stilare un calendario che rendesse protagoniste tutte le frazioni ed accontentasse tutte le fasce di età.

Ad aprire la presentazione il sindaco, Vincenzo Sessa: "Il senso della Pro Loco è promozione del territorio e soprattutto creazione di manifestazioni ed eventi che mettano insieme le varie realtà presenti. Questa mattina presentiamo il calendario 2020. Le attività partiranno il 6 Gennaio con la premiazione del concorso dei presepi, un appuntamento storico".

Presente alla conferenza anche la consigliera Valentina Iannone, che ha evidenziato come le attività in programma siano state pensate per toccare tutti i mesi dell'anno, tutte le fasce di età e tutte le frazioni. La programmazione ricalcherà in parte quanto già fatto l'anno scorso, come l'Estate Fiscianese, che nell'ultima edizione ha riscontrato un grande successo, o il Carnevale da organizzare a Lancusi con l'aiuto di tutte le associazioni del territorio. La frazione di Penta sarà scenario di una manifestazione prevista in primavera e di un corso di fotografia di base e di disegno di base. Un occhio particolare sarà riservato anche alla formazione con l'attivazione di un corso di inglese, che lo scorso anno ha visto più di 30 iscritti.

"L'appoggio dell'amministrazione comunale è fondamentale per poter fare una programmazione così ricca - ha dichiarato il presidente della Pro Loco, Donato Aliberti - parte in questo periodo anche la campagna tesseramento ed invitiamo chiunque ne abbia voglia ad entrare a far parte del nostro gruppo per la valorizzazione del territorio".

Leggi tutto

Redazione Irno24 05/12/2019 0

Reddito di inclusione, 8 cittadini al lavoro per 6 mesi

Otto nuovi tirocini formativi sono stati attivati al Comune di Baronissi grazie al Bando REI (reddito di inclusione) curato dal Consorzio Sociale Valle dell’Irno. Gli 8 nuovi occupati lavoreranno per 6 mesi in attività di pubblica utilità al Comune: “Abbiamo scelto da tempo di investire in misure di attivazione lavorativa e inclusione sociale - spiega il sindaco Gianfranco Valiante - con la prospettiva non solo di garantire un sostegno al reddito per i meno abbienti ma di offrire a ciascuno la possibilità di misurarsi con il mondo del lavoro. I beneficiari della misura avranno da oggi la possibilità di lavorare per 6 mesi, accompagnandoli nella crescita professionale e formativa.

Le persone più adulte che da tempo sono tagliate fuori dal mondo del lavoro hanno bisogno di rafforzare le conoscenze e competenze necessarie ad affrontare con la giusta motivazione un delicato percorso di reinserimento sociale e lavorativo. I tirocini sono uno strumento di politica attiva dell’Ente che in questo periodo tra Rei e Borse lavoro ha occupato ben 16 nuove unità lavorative”.

foto tratta da Pixabay - attribuzione non richiesta

Leggi tutto

Cerca...