Salerno, con l'estate tornano le "gare" di skatebord fra i pedoni

La segnalazione di una lettrice che percorre piazza Scozia per raggiugere via Irno

foto di archivio

Redazione Irno24 19/06/2023 0

Una nostra lettrice di Salerno, residente in via Nizza, ci segnala la ripresa, con l'incedere dell'estate, dopo la "pausa invernale", delle evoluzioni in skateboard nei pressi delle scalinate di piazza Scozia, a ridosso della rotatoria che collega via Farao con via Irno.

Scrive la signora: "Da via Nizza, dove abito, mi reco spesso a fare la spesa in un supermercato di via Irno, per raggiungere il quale percorro il lastricato pedonale sulla sinistra di piazza Scozia, dove sorgono anche alcune scalinate. Soprattutto nel tardo pomeriggio, la zona è frequentata da ragazzini che provano le loro evoluzioni sullo skateboard, totalmente incuranti dei pedoni.

Non si tratta di professionisti, ovviamente, e non di rado i loro tentativi si concludono con maldestri atterraggi che rendono lo skate ingovernabile e fuori controllo. Spesso mi è capitato di vedere quelle tavole con pattini proiettarsi in mezzo alla strada, fra le auto, o direttamente fra i piedi dei passanti, col rischio di colpire e ferire qualcuno. Di certo non sono oggetti leggeri, e acquistando velocità possono impattare duramente e creare danni.

Fra l'altro, è anche fastidioso il rumore che lo skate provoca quando ricade sulla strada, dopo i salti e le evoluzioni che i ragazzi tentano. Spero che vengano incrementati i controlli perchè non è ammissibile praticare un sport del genere in mezzo alle persone, anziani e bambini compresi".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 28/08/2021

Lungaggini per rinnovare la carta d'identità a Salerno, il racconto di un lettore

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un nostro lettore di Salerno, alle prese con il rinnovo della carta d'identità, particolarmente laborioso a causa del sottodimensionamento del personale comunale preposto ai servizi anagrafici, ancora più accentuato dalle ferie estive.

"Il giorno 23 Agosto sono andato all'ufficio anagrafe di Pastena perché dovevo rifare la carta di identità prossima alla scadenza, ma ho avuto una brutta sorpresa: davanti a me c'era una fila di oltre 50 persone. Ho atteso un po' per vedere quanto tempo ci volesse, ma dopo un po' ho dovuto desistere perché il mio turno non sarebbe mai arrivato prima della chiusura.

Mi sono recato due giorni dopo all'ufficio di Fuorni (foto in basso, ndr), dove ho trovato meno gente (probabilmente perchè più defilato), e dopo circa un'ora e mezza di fila sono riuscito ad effettuare il rinnovo del documento. Mentre attendevo, un dipendente comunale è uscito fuori per avvisare che l'ufficio avrebbe chiuso alle 12:50, invitando quindi a regolarsi se restare o meno, tenendo conto che per il disbrigo della pratica carta di identità servono circa 10 minuti.

Ed è qui che ho scoperto una cosa sconfortante: gli impiegati attivi sono due, ma solo uno sportello si occupa di carte di identità, perchè il Ministero (così hanno risposto ad una signora che chiedeva delucidazioni) ha inviato un solo apparecchio adatto allo scopo".

Leggi tutto

Redazione Irno24 23/10/2023

Salerno, "bolle" su pavimento in gomma del sottopasso di via Santi Martiri

Da un nostro lettore, residente a Salerno, in via Dalmazia, ci arriva la segnalazione (accompagnata dalla foto che pubblichiamo) dello stato di precarietà in cui versa la pavimentazione in gomma che ricopre uno dei due tratti pedonali del sottopasso di via Santi Martiri.

"Fra la gomma e il cemento sottostante - fa notare il lettore - sono presenti delle grosse bolle d'aria che ostacolano il cammino, creando un percorso accidentato in cui è molto facile incespicare. E' già da un po' di tempo che il tratto interessato si presenta in queste condizioni".

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/08/2023

A Salerno persiste il problema di chi rovista nell'indifferenziato

Tutt'altro che risolto, a Salerno, il problema dei cosiddetti "cercatori di metalli", cioè coloro che rovistano nell'indifferenziato, il giovedì sera, alla ricerca di oggetti da rivendere. Un nostro lettore, residente in via Dalmazia, ci scrive: "Sembrava che, inizialmente, il cambio del giorno di conferimento dell'indifferenziato (dal lunedì al giovedì, ndr) avesse disorientato quei personaggi che squarciano le buste e rovistano al loro interno, disseminando al di fuori dei carrellati i rifiuti non ritenuti "interessanti".

Invece, dopo un po' di settimane di calma, da qualche tempo si è tornati al delirio più totale. Nella zona dove abito, il giovedì sera è tutto un carosello di "rovistatori", quasi esclusivamente di nazionalità straniera. Muniti di carrellino della spesa, o di zaino, ne arrivano anche 4-5 diversi per ogni carrellato, a distanza di pochi minuti l'uno dall'altro. Una situazione insostenibile".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...