Covid in Italia, l'aumento dei contagi desta preoccupazione nel CTS

"Trend in crescita, situazione potrebbe sfuggire di mano"

Redazione Irno24 30/07/2020 0

Notizie non proprio rassicuranti sull'epidemia da Covid provengono da fonti del Comitato Tecnico Scientifico del Governo, preposto a "guidare" l'esecutivo nel superamento della situazione emergenziale.

Fra gli esperti che lo compongono, infatti, i contagi in risalita degli ultimi giorni "destano preoccupazione e richiedono massima attenzione".

Sempre secondo il CTS, "il trend dei nuovi positivi è in crescita ed esiste il rischio che la situazione possa sfuggire di mano, come avvenuto già in altre nazioni".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 18/04/2021

Le regole della zona arancione: spostamenti, congiunti, seconde case, negozi, sport

Da Lunedì 19 Aprile, come già più volte annunciato, la Campania ritorna in zona arancione. Ecco un riepilogo delle attività consentite e delle restrizioni che caratterizzano il colore "intermedio".

SPOSTAMENTI

Libertà di spostamento all’interno del Comune di residenza/domicilio. Resta il divieto di uscire dalla Regione, se non per comprovati motivi autocertificati. È sempre consentito il rientro nel luogo di domicilio e/o residenza.

VISITE AI CONGIUNTI

Entro i confini del Comune, le visite tra le mura domestiche sono consentite una sola visita al giorno per massimo 2 persone, esclusi i figli under 14 e i disabili conviventi.

SECONDE CASE

È possibile recarsi nelle seconde case fuori dal Comune e dalla Regione (possedute in base ad un contratto di affitto, di compravendita e/o donazione anteriore al 14 gennaio 2021), da soli o insieme al proprio nucleo familiare convivente. L’abitazione deve essere disabitata.

COPRIFUOCO

Divieto di uscire nella fascia oraria del coprifuoco dalle ore 22.00 alle ore 05.00. Chi esce senza motivo rischia la multa da 400 a 1.000 euro.

NEGOZI APERTI

Oltre ai supermercati e agli alimentari al dettaglio, alle edicole, alle librerie e ai tabacchi, e agli altri negozi essenziali, sono aperti tutti i negozi, anche quelli considerati non essenziali (ad esempio l’abbigliamento per adulti). Il Governatore De Luca ha rimodulato gli orari con apposita ordinanza.

Nei weekend e nei giorni festivi e prefestivi, all’interno dei centri commerciali restano chiusi tutti i negozi, ad eccezione di supermercati e farmacie siti al loro interno. Gli esercizi di ristorazione restano chiusi al pubblico tutto il giorno e tutti i giorni. Sono consentiti l’asporto (fino alle 22.00, ma le bevande solo fino alle 18.00) e la consegna a domicilio (senza limitazioni orarie).

ATTIVITA' CHIUSE

Restano chiusi cinema, teatri, musei, mostre, palestre, piscine e circoli.

SPORT

Riprendono gli sport individuali come tennis, golf. Sport e attività motoria sono liberi e si possono praticare entro i confini comunali e, se non ci sono strutture nel luogo di residenza, anche in un Comune limitrofo.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/10/2020

Covid, Speranza: "Reagire subito se vogliamo evitare numeri insostenibili"

"Sono giorni difficili. La curva del contagio cresce nel Mondo. E in tutta Europa l’onda è molto alta. Dobbiamo reagire subito e con determinazione se vogliamo evitare numeri insostenibili. Per questo abbiamo firmato un nuovo DPCM con misure restrittive volte a ridurre le occasioni di contagio. Ogni scelta comporta sacrifici e rinunce. Ne sono consapevole.

Ma dobbiamo intervenire con fermezza se vogliamo contenere il virus nel tempo che manca all’arrivo di vaccini e cure efficaci e sicuri. In primavera abbiamo dimostrato di essere un grande Paese. Ce la faremo anche questa volta, ma solo con l'indispensabile contributo di tutti". Lo afferma il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

Leggi tutto

Redazione Irno24 11/03/2022

De Luca: "Basso livello vaccinazioni tra profughi ucraini, massima attenzione"

"Abbiamo avuto, presso il Covid Residence dell’Ospedale del Mare di Ponticelli, 1653 arrivi di persone a cui attribuire lo status di 'straniero temporaneamente presente'. Abbiamo fatto a costoro all’incirca 1600 tamponi, 203 sono risultati positivi al Covid. Il livello di vaccinazione tra i profughi ucraini, e più in generale tra i cittadini che vengono dai paesi dell’Est di quell’area, è bassissimo.

Dobbiamo quindi fare molta attenzione affinché non si diffondano focolai Covid. Anche tra i bambini che arrivano il livello di vaccinazione per la difterite, poliomielite, tetano, morbillo e la pertosse è molto basso. Quindi, per i profughi che arrivano dobbiamo fare un lavoro attento di screening e prevenzione per tutte queste patologie.

Le vicende di questi giorni pertanto ci obbligano a fare i conti con un’altra emergenza e per questo non possiamo distrarci. Dobbiamo seguire in maniera attenta gli arrivi". Lo ha dichiarato il Governatore della Campania, De Luca.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...