De Luca chiede il lockdown totale e preannuncia quello campano

"Siamo ancora in tempo, ma ad un passo dalla tragedia"

Redazione Irno24 23/10/2020 0

"Oggi siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci per far fronte ad una situazione diventata pesante - spiega De Luca in diretta streaming - Non c'è più un'ora di tempo da perdere. L'ordinanza che va in vigore oggi (la n° 83 del coprifuoco, ndr) è già superata dai dati del contagio.

Procederemo in direzione della chiusura di tutto in Campania. Avevamo immaginato una misura parziale ma non basta più. Per l'Italia deciderà il Governo, per la Campania faremo quello che è giusto per noi. Oggi siamo ancora in tempo, non siamo ancora alla tragedia, ma siamo ad un passo". Il bollettino di oggi è pesante: 2280 casi su 15800 tamponi, il 14.5% rispetto al 12 del giorno precedente.

Poco prima della diretta, in una nota stampa, De Luca si era espresso anche in merito ad un lockdown nazionale, che chiederà al Governo: "I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di provvedimento parziale. È necessario chiudere tutto, fatte salve le categorie che producono e movimentano beni essenziali (industria, agricoltura, edilizia, agro-alimentare, trasporti). E' indispensabile bloccare la mobilità tra regioni e intercomunale. Non si vede francamente quale efficacia possano avere in questo contesto misure limitate. In ogni caso la Campania si muoverà in questa direzione a brevissimo".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 29/04/2020

De Luca: "Lunedì 4 Maggio nessun esodo incontrollato"

"Ho avuto un colloquio con il Ministro dell'Interno Lamorgese - scrive il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca - in relazione al previsto esodo verso la Campania del 4 maggio e giorni successivi. Ho espresso fortissima preoccupazione rispetto al fatto che arrivi di massa e incontrollati possano determinare espansione del contagio e vanificare i sacrifici fatti per due mesi dai nostri concittadini.

Ho chiesto al Ministro che il Governo nazionale ribadisca che gli arrivi da altre regioni dovranno essere motivati da ragioni di lavoro o sanitarie e comunque autocertificati. Per quello che riguarda la Campania, rimarrà fermo l'obbligo vigente per chiunque venga da fuori regione di segnalare all'Asl di competenza il proprio arrivo, così da poter procedere a controlli nel 15 giorni successivi.

Invito fin d'ora i sindaci a segnalare alle Asl e alla Regione gli arrivi nell'ambito dei propri territori. E' questa una funzione essenziale per consentire di tenere la situazione epidemiologici sotto controllo. Confermo che saranno mantenuti i controlli preventivi nelle stazioni ferroviarie e ho sollecitato il Ministro a esercitare analoghi controlli ai caselli autostradali e nelle stazioni di partenza".

Leggi tutto

Redazione Irno24 29/10/2020

Unità di crisi regionale raccomanda chiusura cimiteri 1 e 2 Novembre

L'Unità di Crisi Regionale, di concerto con l'ANCI Campania, ritiene che, salva ogni ulteriore determinazione in conseguenza dell’andamento della situazione epidemiologica quotidianamente rilevata, debbano essere assunte le seguenti determinazioni in vista della commemorazione dei defunti, nei giorni 1 e 2 novembre:

1. Al fine di evitare assembramenti, nei giorni 1 e 2 novembre 2020, è fortemente raccomandata la chiusura dei cimiteri. 2. In subordine, a condizione che ciascun Sindaco abbia preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle attività con l'andamento della situazione epidemiologica nel proprio territorio, l'accesso al cimitero può essere svolto nel rispetto delle seguenti specifiche minime:

  • individuazione di specifici protocolli o linee guida comunali, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio;
  • l'accesso al cimitero avvenga con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno del cimitero più del tempo necessario;
  • venga esposto all'ingresso del cimitero un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente;
  • venga vietata ogni forma di assembramento;
  • venga garantita una differenziazione tra ingresso ed uscita mediante opportuna segnaletica;
  • venga controllato l'obbligatorio utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie ed il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  • venga misurata la temperatura all'ingresso e vietato l'accesso per i soggetti con febbre (maggiore di 37,5°);
  • venga fornito ai frequentatori gel idroalcolico o qualsiasi altro presidio per l'igiene delle mani;
  • vengano disciplinate e controllate le modalità di spostamento da e per il cimitero, con mezzi di trasporto pubblici o privati;
  • vengano controllate anche le aree esterne al cimitero ove avviene la vendita dei fiori;
  • venga garantito il rispetto di quant'altro previsto dalla normativa nazionale e regionale vigente.
Leggi tutto

Redazione Irno24 22/12/2020

Bollettino 22 Dicembre, in Campania 791 positivi e 3mila guariti

L'unità di crisi regionale ha diffuso, come avviene quotidianamente da molti mesi, il bollettino relativo ai contagi da Covid-19 in Campania. Il bollettino riguarda il 22 Dicembre ma il riscontro temporale, è sempre importante ricordarlo, si riferisce alle ore 23:59 del giorno prima (21 Dicembre).

- Positivi del giorno: 791
- Tamponi del giorno: 10185
- Deceduti del giorno: 25
- Guariti del giorno: 3039
- Posti letto di terapia intensiva occupati: 118
- Posti letto di degenza occupati: 1529

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...