De Luca scrive al Governo: "Crisi al Sud sta per esplodere in maniera drammatica"

Poi chiede un piano che consenta di avere i risultati dei tamponi entro le 24 ore

Redazione Irno24 25/03/2020 0

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha scritto al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute, al Ministro degli Affari Regionali e al Ministro per il Sud:

"La comunicazione di questi ultimi giorni relativa alla epidemia è gravemente fuorviante. Il richiamo a numeri più contenuti di contagio al Nord, rischia di cancellare del tutto il fatto che non solo la crisi non è in via di soluzione, ma che al Sud sta per esplodere in maniera drammatica. I prossimi dieci giorni saranno da noi un inferno.

Siamo alla vigilia di una espansione gravissima del contagio, al limite della sostenibilità. La prospettiva, ormai reale, è quella di aggiungere alla tragedia della Lombardia quella del Sud. Per noi è questione di ore, non di giorni. Abbiamo fatto con migliaia di operatori, sforzi giganteschi per poter reggere.

Ma non si può scavare nella roccia con le mani nude. Dobbiamo registrare il fatto che dal punto di vista delle forniture essenziali per il funzionamento dei nostri ospedali, in queste settimane da Roma non è arrivato quasi nulla. Il livello di sottovalutazione è gravissimo. Non si è compreso che gli obiettivi strategici sono due: contenere il contagio al Nord; impedire la sua esplosione al Sud".

De Luca, inoltre, ha verificato questa mattina la situazione reale relativa alla lavorazione dei tamponi. E' stato rilevato in questi giorni che in alcuni territori della regione i tempi di lavorazione dei tamponi sono eccessivamente lunghi, e del tutto incompatibili con la necessità di dare alle persone interessate risposte chiare sulla positività o negatività degli esiti.

Il Presidente ha incaricato il Direttore generale del Cotugno, Maurizio Di Mauro, insieme con il Direttore Generale del Dipartimento Salute, Antonio Postiglione, di mettere a punto in giornata un piano che consenta di avere i risultati dei tamponi entro e non oltre le 24 ore.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 29/03/2020

Bollettino Campania 28 Marzo, 170 positivi su 1086 tamponi

Questo il bollettino emesso dall'Unità di Crisi della Regione Campania nella tarda serata di Sabato 28 Marzo. Sono stati esaminati 1086 tamponi, di cui 170 sono risultati positivi. Il totale dall'inizio dell'emergenza parla di 11679 tamponi effettuati, di cui 1752 positivi.

Ecco la ripartizione in dettaglio delle analisi del 28 Marzo

  • Ospedale Cotugno di Napoli: esaminati 426 tamponi di cui 73 positivi
  • Ospedale Ruggi di Salerno: esaminati 242 tamponi di cui 16 positivi
  • Ospedale Moscati di Aversa: esaminati 25 tamponi, nessuno positivo
  • Ospedale Moscati di Avellino: esaminati 117 tamponi, di cui 21 positivi
  • Ospedale San Paolo di Napoli: esaminati 63 tamponi di cui 16 positivi
  • Az. Osp. Federico II di Napoli: esaminati 67 tamponi di cui 13 positivi
  • Ospedale Santa Maria della Pietà di Nola: esaminati 62 tamponi di cui 11 positivi
  • Az. Osp. San Pio di Benevento: esaminati 25 tamponi di cui 10 positivi
  • Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno: esaminati 59 tamponi di cui 10 positivi
Leggi tutto

Redazione Irno24 26/02/2020

De Luca: "Inviato dal Cotugno allo Spallanzani un tampone, tecnicamente un caso probabile"

"È stato inviato dal Cotugno allo Spallanzani un tampone, tecnicamente un caso probabile. Attendiamo di sapere dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità se si tratta di un caso positivo o meno".

Lo si apprende dalla pagina facebook di Vincenzo De Luca, Governatore della Campania.

Si tratta di una giovane di Montano Antilia, piccolo paese in provincia di Salerno, di rientro dal Nord Italia.

Leggi tutto

Redazione Irno24 24/02/2020

CRI Campania: "Finti test porta a porta con intento di sciacallaggio"

A seguito di alcune segnalazioni pervenute dai Comitati territoriali, il Comitato Regionale Campania della Croce Rossa Italiana informa la cittadinanza che non è stata emanata alcuna attività “porta-a-porta” per effettuare test con tampone orale per la rilevazione di contagio di Coronavirus COVID-19.

Tali attività non hanno perciò nulla a che vedere con Croce Rossa Italiana e gli individui che le realizzano, benché in divisa, non appartengono alla nostra Associazione e hanno il solo scopo di introdursi in maniera illegittima nelle abitazioni, con intenti di sciacallaggio. Si raccomanda dunque, nel caso si riceva una visita, di non accogliere in casa suddetti individui e di contattare immediatamente le forze dell’ordine.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...