Gestori senza mascherina, sanzionato bar di Torrione

All'ingresso mancavano informazioni di sicurezza e termoscanner

Redazione Irno24 27/09/2020 0

Alla luce dell'aumento di casi di Covid, i controlli delle forze dell'ordine nella movida salernitana sono stati particolarmente intensi. A Torrione, un bar è stato multato perchè i gestori non indossavano la mascherina e non avevano predisposto all’ingresso nè le necessarie informazioni sulle misure anti-Covid nè il dispositivo per il rilevamento della temperatura. Inoltre, sono state sanzionate 4 persone per mancato uso della mascherina all'aperto.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 08/11/2021

Iniziano i lavori sul Ponte Asa fra Salerno e Pontecagnano

Si è tenuta oggi la cerimonia di consegna dei lavori del ponte sul torrente Asa, fra Salerno e Pontecagnano, interdetto al traffico veicolare. Hanno partecipato il Presidente della Provincia, Michele Strianese, l’Onorevole Piero De Luca, il Sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara, il Consigliere provinciale delegato alla viabilità, Antonio Rescigno.

“La consegna lavori del ponte Asa - dichiara Strianese - è un momento molto importante per tutti noi. La Provincia ha fatto uno sforzo straordinario per il miglioramento della sicurezza della SP 175, sia in merito al viadotto sul torrente Asa che per la riqualificazione della SP 28. E in queste ore partono altri lavori sulla strada Litoranea-Piana del Sele, lotto 2, dal Km 11+280 al 19+300 per l’importo di oltre 150mila euro.

Lavoriamo in stretta sinergia istituzionale, grazie anche all'impegno dell’On. Piero De Luca, per rilanciare la zona e migliorare la sicurezza di questa strada strategica della Litoranea. Ringrazio per la preziosa collaborazione il sindaco Giuseppe Lanzara e tutti i rispettivi tecnici, per la Provincia tutto il settore Viabilità e Trasporti diretto da Domenico Ranesi.

Entro la prossima estate 2022 i lavori saranno terminati per cui consegneremo ai residenti, agli operatori turistici e ai commercianti una mobilità decisamente migliorata. A loro va il mio ringraziamento per i sacrifici e i disagi, sicuro che presto saranno ripagati da un solido ritorno economico e maggiore occupazione su tutta l’area”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 06/05/2021

Picchiato dipendente di Salerno Pulita, la solidarietà della Fiadel

Ha destato sconcerto il pestaggio ai danni di un operatore di Salerno Pulita da parte di uno sconosciuto nella giornata di mercoledì. Il dipendente stava svuotando le campane del vetro in via Vernieri, quando è stato avvicinato dall’energumeno che lo ha malmenato.

L’uomo ha riportato lesioni gravi, tra cui frattura di costola e mascella, al punto da costringerlo a farsi refertare all’ospedale Ruggi di Salerno. In seguito ha sporto denuncia in Questura. Nella circostanza anche un altro operatore è stato coinvolto, anche se fortunatamente senza conseguenze serie.

«Non solo questi lavoratori compiono il loro dovere con grande tenacia e responsabilità, ma addirittura vanno anche incontro ad episodi inauditi e vigliacchi come quello appena accaduto – è la denuncia di Angelo Rispoli, segretario Fiadel Salerno – Un’aggressione con gravi conseguenze ma che nonostante tutto non hanno trasformato in una rissa.

Ricordiamo ancora una volta che il personale della società è sottodimensionato e parliamo spesso di dipendenti in età avanzata, per dare un’idea del contesto in cui svolgono il loro lavoro, comprese le attrezzature inadeguate e fatiscenti del Consorzio di Bacino, vecchie di 15 anni. Sono operatori che arrivano da anni di lotta per i loro diritti e non meritano anche questo».

Quindi la chiosa: «Da 50 giorni Salerno Pulita non ha un amministratore delegato. La nostra solidarietà ai lavoratori è la migliore risposta a chi specula per qualche voto. Ci auguriamo la loro pronta guarigione e invitiamo sindaco e amministrazione a manifestare la stessa vicinanza a queste persone».

LO SCONCERTO DI "SALERNO PULITA"

Leggi tutto

Redazione Irno24 01/06/2020

Strianese: "La Festa della Repubblica ci ricordi che siamo un Paese che sa rialzarsi"

"Quest’anno sarà un 2 giugno un po’ diverso, più sobrio sicuramente, ma comunque unitario. È il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica italiana, che ci ricorda che il referendum del 1946, dopo la seconda guerra mondiale, sancisce la fine della monarchia e la nascita della Repubblica nel nostro paese". Lo scrive il Presidente della Provincia, Michele Strianese.

"Ora, nel particolare periodo storico che sta vivendo l’intera nazione, il Ministero della Difesa ha deciso che non si svolgerà la tradizionale parata lungo i Fori imperiali delle forze armate. Ci saranno solo le Frecce tricolori nel cielo di Roma il 2 giugno 2020 che chiuderanno nella Capitale il loro volo, dopo aver attraversato tutta Italia. La Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) ha effettuato una serie di sorvoli, toccando tutte le regioni italiane e abbracciando simbolicamente con le loro bellissime scie tricolori tutta la Nazione, in segno di unità, solidarietà e di ripresa.

Quindi il giro d’Italia delle Frecce Tricolori si concluderà simbolicamente il 2 giugno, con il sorvolo di Roma portando il tricolore con vari passaggi sulla città durante la cerimonia di deposizione di una corona di alloro presso l’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica. Ci uniamo sicuramente all’orientamento del Ministero della Difesa che vuole quest’anno una festa della Repubblica molto ristretta, senza persone per strada e senza ospiti nelle caserme italiane.

L’Abbraccio Tricolore che avvolgerà tutta Italia sia auspicio di ripresa economica e sociale del nostro paese, dopo l’emergenza sanitaria che ancora non è conclusa, ma in netto miglioramento. Sia il segno di un abbraccio simbolico a un paese che sta soffrendo, ma che non verrà lasciato solo. Tutti noi, rappresentanti delle Istituzioni, non lasceremo solo nessuno dei nostri cittadini che ora sta affrontando difficoltà. Comuni, Province, Regioni e Stato siamo tutti allineati per dare risposte concrete: sviluppo economico e lavoro dove sono venuti meno, salute pubblica a tutte le nostre comunità, supporto alle famiglie in difficoltà, alle imprese, a tutti i comparti colpiti dalla crisi.

La festa della Repubblica ci ricordi che siamo un Paese che sa rialzarsi come ha fatto ogni volta e come è accaduto anche dopo la seconda guerra mondiale. Tutte le Istituzioni, e ognuno di noi che ne è a capo, sta lavorando per dare risposte alle esigenze e ai problemi dei nostri cittadini. La nostra Repubblica italiana è la casa di tutti e il nostro Abbraccio Tricolore arrivi con energia a tutto un popolo in difficoltà. Buona festa della Repubblica, a nome mio e di tutto il Consiglio provinciale".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...