Inquinamento ambientale, denunciati titolari di 5 aziende conciarie di Solofra

Solo nel mese di maggio sono stati effettuati 6 controlli

Redazione Irno24 28/05/2020 0

Continuano i controlli dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino alle aziende del polo conciario di Solofra, finalizzati al contrasto delle potenziali fonti inquinanti del bacino idrografico del fiume Sarno. Solo nel mese di maggio sono stati effettuati 6 controlli. All’esito degli accertamenti effettuati sono state deferite in stato di libertà 5 persone, in qualità di legali rappresentanti di altrettante aziende conciarie, mentre solo due controlli sono risultati conformi. Sono state elevate anche 5 sanzioni amministrative per un importo complessivo di 12.500 euro.

L’attività, eseguita di iniziativa dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) di Avellino, unitamente ai Carabinieri delle Stazioni Forestale di Serino e Forino, ha permesso di accertare l’illecito smaltimento di imballaggi contaminati da sostanze pericolose nonché di contenitori di sostanze chimiche utilizzate per la lavorazione delle pelli.

Oltre alla denuncia, per i titolari di 4 aziende sono scattate sanzioni amministrative per la mancata annotazione dei rifiuti sul registro di carico e scarico. Un analogo illecito smaltimento di rifiuti è stato accertato anche in una quinta azienda dove l’accesso ispettivo ha permesso altresì di rilevare che dal 2018 la stessa società non provvedeva allo smaltimento/recupero di un ingente quantitativo, pari ad oltre 110 metri cubi di rifiuti, in violazione dei limiti temporali e quantitativi previsti dalla legge.

Tali rifiuti, sottoposti a sequestro, risultavano depositati in maniera non omogenea, miscelati tra di loro e senza indicazione del previsto codice C.E.R. (Codice Europeo dei Rifiuti). Anche per l’amministratore di quest’ultima azienda, oltre alla sanzione amministrativa, è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 19/04/2021

Solofra, scuole chiuse fino a revoca dell'ordinanza del primo cittadino

Con ordinanza n° 43 del 18 Aprile 2021, il sindaco di Solofra, Michele Vignola, dispone la chiusura di tutti gli edifici scolastici presenti sul territorio comunale di ogni ordine e grado, sia pubblici che privati, nonchè la sospensione delle attività didattiche in presenza, dal 19 Aprile 2021 e fino a revoca del presente provvedimento.

L'ORDINANZA INTEGRALE

Leggi tutto

Redazione Irno24 10/11/2020

Solofra, identificato presunto responsabile di investimento anziana

È stato rintracciato e denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Solofra il conducente dell’utilitaria che nel primo pomeriggio di domenica scorsa, nel pieno centro della città conciaria, avrebbe investito un’anziana del posto, trasportata dal 118 all’ospedale “Moscati” di Avellino.

Grazie all’indagine immediatamente avviata e particolarmente incisiva, condotta attraverso l’acquisizione di utili informazioni e l’analisi degli elementi raccolti in sede di sopralluogo, i Carabinieri sono riusciti a raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di un uomo di Solofra, proprietario dell’auto che è stata sottoposta a sequestro. Alla luce delle evidenze emerse, è quindi scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura di Avellino per “omissione di soccorso”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 01/06/2020

Illecito smaltimento di imballaggi contaminati, altre 4 denunce a Solofra

Continuano i controlli dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino alle aziende del polo conciario di Solofra, finalizzati al contrasto delle potenziali fonti inquinanti del bacino idrografico del fiume Sarno. All’esito degli accertamenti, eseguiti di iniziativa dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) di Avellino, unitamente ai Carabinieri della Stazione Forestale di Forino, altre 4 persone sono state denunciate alla Procura di Avellino.

L’accesso ispettivo ad un opificio ha permesso di riscontrare l’illecito smaltimento di imballaggi contaminati da sostanze pericolose nonché di contenitori di sostanze chimiche utilizzate per la lavorazione delle pelli. Oltre alla denuncia, a carico del responsabile dell’azienda è scattata la sanzione amministrativa per la mancata annotazione dei rifiuti sul registro di carico e scarico.

L’attività permetteva altresì di constatare la realizzazione di locali senza rispettare le distanze dai confini di proprietà nonché l’assenza di aree destinate a verde privato: i relativi accertamenti evidenziavano presunte responsabilità di altre 3 persone, anch’esse deferite in stato di libertà alla medesima Autorità Giudiziaria.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...