Serva padrona e Raffaello inaugurano ultima settimana di "Feste al Massimo"

Spettacoli in diretta streaming il 28 e 29 Dicembre

Redazione Irno24 28/12/2020 0

"La serva padrona", di Giovan Battista Pergolesi (lunedì 28 dicembre ore 20.00), e Raffaello, di e con Vittorio Sgarbi (martedì 29 dicembre ore 20.00), inaugurano l'ultima settimana di programmazione della rassegna online "Feste al Massimo", organizzata dal Comune di Salerno-Teatro Verdi con il sostegno della Regione ed il supporto della Società Scabec.

Sarà il Maestro Daniel Oren a dirigere "La serva padrona" con la regia di Riccardo Canessa, che mette in scena lo spettacolo con inserti a cura di Ivano Caiazza. L'appuntamento con il "Raffaello" (musiche di Valentino Corvino) è la prosecuzione del percorso di esplorazione che il critico d'arte Sgarbi compie da qualche anno sull'opera e la vita dei grandi della pittura italiana, a partire da Caravaggio.

Questi i canali streaming dove seguire gli spettacoli

FACEBOOK REGIONE CAMPANIA  
https://www.facebook.com/RegCampania

PAGINA UFFICIALE SCABEC
https://m.facebook.com/scabecspa

FACEBOOK TEATRO VERDI
https://www.facebook.com/TeatroVerdiSalerno

YOUTUBE TEATRO VERDI
https://www.youtube.com/user/TeatroVerdiSalerno

FACEBOOK COMUNE DI SALERNO
https://www.facebook.com/ComuneSalerno

FACEBOOK SINDACO DI SALERNO
https://www.facebook.com/vincenzo.napoli.7359

PORTALE CULTURA COMUNE DI SALERNO
https://cultura.comune.salerno.it/

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 17/10/2020

Presentata l'edizione 2020 di "Linea d'Ombra", proiezioni in presenza e online

Presentata, nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno, la 25esima edizione di Linea d’Ombra Festival, in programma dal 24 al 31 ottobre. L'evento, diretto da Peppe D’Antonio e Boris Sollazzo, quest'anno accorcia le distanze e diventa ibrido. Il pubblico potrà scegliere se seguire le proiezioni in presenza, previste tra la Sala Pasolini e la Fondazione Filiberto Menna, o da casa attraverso una piattaforma dedicata. Stessa formula anche per chi deciderà di partecipare in veste di giurato. In questo modo ognuno vivrà il proprio festival.

Cinque sono le sezioni in concorso: Passaggi d’Europa, LineaDoc, CortoEuropa, VedoAnimato, VedoVerticale. Sono aperte le iscrizioni per la Giuria Open, entro il 22 ottobre bisognerà inviare una mail a giuria@lineadombrafestival.it. I giurati di CortoEuropa dovranno prenotare giorno per giorno sul sito del festival il proprio posto in sala, entro i limiti di capienza previsti. Le sezioni VedoAnimato e VedoVerticale saranno fruibili solo on line e per le giurie non si prevedono limiti d’iscrizione.

Queste le parole del sindaco Napoli, presente all'incontro introduttivo: "Dal 1996 la città di Salerno ospita un festival di prestigio internazionale, Linea d’Ombra. Nonostante la cultura non sempre abbia avuto vita semplice in questi anni, Linea d’Ombra esiste e resiste, supportato anche dallo stesso Comune di Salerno che, insieme alla Regione, ne apprezza il programma e le finalità.

Si tratta, dunque, di un appuntamento da non perdere, da vivere – questa volta – con una maggiore consapevolezza degli spazi e dei luoghi per via di questa pandemia. Ma sappiamo bene che la cultura, in qualsiasi forma sia essa declinata, non teme ostacoli e, come sempre, avrà la meglio anche su questo tempo di incertezze e paure".

Leggi tutto

Redazione Irno24 20/08/2020

Salerno, le esilaranti donne di Rosalia Porcaro all'Arena del Mare

Venerdì 21 Agosto, l’Arena del Mare di Salerno, ore 21:15, ospita l’attrice partenopea Rosalia Porcaro (ingresso euro 15 + prevendita, biglietti su www.postoriservato.it, oppure dalle 19,30 presso il botteghino) che proporrà il suo spettacolo al titolo “Donne”. Si tratta di una carrellata di figure femminili, una più esilarante dell’altra.

Dal monologo della escort che dichiara “se volete fare carriera nella vita, preoccupatevi dello studio e della cultura, perché fare le zoccole è difficilissimo”, passando per Veronica, operaia di una fabbrica di “borze”, schiava di una “datore di lavoro” di cui non capisce le vessazioni, scambiandole per attaccamento affettivo. Innamorata di Genni, ha continui scontri con la suocera, che la ritiene una pessima donna di casa perché, fra le altre manchevolezze, “non sa preparare ‘o purpe affugat’”.

Ovviamente tutte loro sono Rosalia – grande mattatrice dello spettacolo – che per la gioia del pubblico vestirà anche i panni della suocera, che incattivita dalla vecchiaia continua a lodare spropositatamente i figli e a inveire contro il resto del mondo, compreso il marito disoccupato. Ci sarà poi Natasha e le nuove gag scritte durante il periodo del lockdown.

Allora il pubblico ascolterà le donne della Porcaro scambiarsi confidenze sui virologi, sui politici, sui giornalisti, faranno previsioni e si porranno domande importanti come “E’ meglio il Covid 19 e il Plasma, o il Conad 19 e Plasmon?”. Domande alle quali sarà chiamato a rispondere anche il pubblico presente in sala, che come spesso accade negli spettacoli della Porcaro, sarà coinvolto attivamente durante la serata.

Leggi tutto

Redazione Irno24 15/07/2020

"I Vitelloni" penultimo atto della rassegna dedicata a Fellini al Delle Arti

Terzo appuntamento, domani 16 luglio alle ore 20, con la mini rassegna cinematografica organizzata nell’ambito della XXXII edizione del Premio Charlot e dedicata al grande regista italiano Federico Fellini. La serata si terrà al cinema teatro Delle Arti di Salerno. Domani sera alle ore 20, ed in replica venerdì 17 sempre alle ore 20, si terrà la proiezione de I Vitelloni, film diretto da Fellini ed uscito nelle sale nel 1953.

La pellicola ottenne nello stesso anno il Leone d’argento al Festival di Venezia ed ancora nel 1954 ai nastri d’argento vinse come miglior regia, miglior produzione e miglior attore non protagonista (Alberto Sordi). Nel 1958 ottenne la candidatura agli Oscar per la sceneggiatura che fu scritta dallo stesso Fellini con Ennio Flaiano e Tullio Pinelli.

Il film fu proiettato per la prima volta in forma privata presso Porta San Paolo a Roma alla presenza di giornalisti, produttori e critici che accolsero la pellicola con freddezza. Ma Fellini si riscattò poco dopo. Infatti I Vitelloni fu il suo primo film distribuito anche all’estero e divenne nel giro di poco tempo campione d’incassi in Argentina ed ottenne molti consensi in Francia e Gran Bretagna.

Il film è incentrato sulle vicende di un gruppo di cinque giovani: l'intellettuale Leopoldo (Leopoldo Trieste), il donnaiolo Fausto (Franco Fabrizi), il maturo Moraldo (Franco Interlenghi), l'infantile Alberto (Alberto Sordi) e l'inguaribile giocatore Riccardo (Riccardo Fellini). I cinque sono giovani uomini tra i 20 ed i 30 anni, vivono nella piccola cittadina di Rimini tra la bella vita dell'Italia ricostruita, luci notturne, donne, vacanze, automobili.

I cinque sono tutti single, disoccupati e mantenuti. Ma tutto è destinato a cambiare quando l'asprezza della vita si paleserà loro sotto forma di una famiglia allargata stanca di portarseli appresso, tra alti e bassi i cinque verranno catapultati nella vita vera, con tutto quel che ne consegue nel bene e nel male.

Per assistere alla proiezione gratuita del film è obbligatoria la prenotazione telefonando ai numeri 089221807 oppure 3274934684.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...