Anche a Salerno il nuovo street cocktail che omaggia il "cazzimbocchio"

Da storica bevanda rinfrescante a vero e proprio trend dell'estate

Redazione Irno24 27/08/2022 0

La costiera amalfitana rende omaggio al solleone estivo col “cazzimbocchio”, una bevanda tradizionale corredata da sciroppi e pezzi di frutta, a seconda dei propri gusti, radicata nella cultura campana già dagli inizi degli anni ’50, quando, prima della larga diffusione del frigo, nei chioschi degli acquafrescai si potevano scorgere sempre, tra canovacci di lino o di cotone, le famose stecche di ghiaccio.

Dinanzi a questi chioschi, uomini con il fisico segnato dal traino dei carrettini, sui quali erano sistemate le stecche, preparavano il rinfresco: erano di forma parallelepipeda, della lunghezza al massimo di un metro. I carretti si fermavano dinanzi al chiosco e, avvolto in un sacco di iuta, c’era il ghiaccio da consegnare. Dapprima serviva a rinfrescare le bibite, ma dopo diventò utilissimo per dare vita appunto al “cazzimbocchio”.

Lungo le spiagge vesuviane erano solite ritrovarsi folle di fanciulli che circondavano l’ambulante di turno, il quale grattava il ghiaccio con l’apposito attrezzo e, non essendoci all’epoca il bicchiere monouso, depositava il tutto nel palmo dei bambini, versando infine lo sciroppo al gusto desiderato. Ancora oggi esiste qualcuno che tiene in vita la tanto buona e fresca “rattata” o “cazzimbocchio” che dir si voglia, fatta con quel semplice oggetto metallico simile ad una pialla, che conserva all’interno il ghiaccio grattato ma ora si versa tutto nel bicchiere monouso.

Ed è proprio tra le vie e le piazze di Agropoli (Piazza della Mercanzia), Paestum (Via Magna Graecia, 839), Ravello (Piazza Duomo, 2) e Salerno (Via Salvador Allende e Piazza Flavio Gioia, 26) che in questi giorni il “cazzimbocchio” è diventato il trend dell’estate grazie alla realizzazione di un innovativo “street cocktail al cucchiaio”.

Ma in che cosa consiste questo drink? La creativa ricetta prevede, come da tradizione, l’utilizzo di ghiaccio tritato arricchito da circa 3 ml di Hendrick’s gin e 6 ml di sciroppo a disposizione in tre varianti, ossia limone, cetriolo e rosa. A livello di preparazione, inoltre, è importante mettere in risalto il fatto che il ghiaccio viene tritato grossolanamente e lasciato riposare per un breve lasso di tempo. Altro punto da ricordare: il “cazzimbocchio” va consumato in fretta perché, se si scioglie, perde tutta la sua unicità.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 27/08/2022

Viaggio in Norvegia, verso una meta tra le più desiderate dai viaggiatori

Qual è una delle tendenze di viaggio dell'estate 2022? Di certo la riscoperta del mondo, legata alla voglia di viaggiare e scoprire nuove mete. Il periodo della pandemia da Covid-19, con le restrizioni legate ai viaggi, ha messo a dura prova i travellers; ma ora che l'emergenza sanitaria sembra essersi calmata, i viaggiatori non vedono l'ora di ripartire verso l'estero e provare nuove avventure.

La conferma arriva anche dall'azienda di consulenti di viaggio italiana CartOrange che, con la sua analisi sulle tendenze di viaggio estive, non lascia spazio a dubbi: i travellers cercano esperienze uniche. Ovviamente, però, è ferma l'idea di partire in sicurezza e con serenità. Proprio per questo, l'ideale è prenotare un tour con una travel company online come Tramundi, per essere certi di essere sempre aggiornati su ogni novità e partire senza nessuna incertezza. Il vantaggio è che il viaggio di gruppo è l'ideale per stringere nuove amicizie e condividere esperienze, magari verso una delle mete di tendenza per l'estate come la Norvegia.

Un viaggio in Norvegia, sempre per CartOrange, è il più desiderato dai viaggiatori e la grande scoperta dell’estate 2022 perché qui si possono vivere esperienze uniche tra i fiordi, mantenendo il contatto con la natura e aggiungendo un tocco di adrenalina al viaggio. L'ideale è salire a bordo del treno con tutto il gruppo per ammirare i fiordi dal finestrino, passando per gli spettacolari paesaggi nordici dell’altopiano di Hardangervidda, dove la neve è perenne, la cascata di Kjossfossen, i fiordi di Aurlandfhord, Naeroyfjord e Hardanger, noto per i suoi frutteti.

Grazie ad un tour organizzato, si può aggiungere poi una tappa in bicicletta per raggiungere piccoli paesini, come Osa, e cascate spettacolari per poi fermarsi a fare un pic-nic con una visuale stupenda. Se si amano le città, invece, un gran tour della Scandinavia è ciò che ci vuole. Dalla Norvegia alla Svezia, passando per la Danimarca, si potrà fare tappa alla capitale Oslo e alla meravigliosa città museo Ålesund, insieme ad una guida locale, per poi dirigersi fuori dai confini norvegesi, verso Copenhagen e Stoccolma.

Per ammirare il lato più selvaggio della Norvegia, poi, non bisogna lasciarsi sfuggire una vacanza alle isole Svalbard, ricche di ghiaccio, piccole case di pescatori, natura incontaminata e paesaggi incontaminati, spesso abitati dagli orsi polari. Un viaggio nella città norvegese a nord del Circolo Polare Artico, non distante da Tromsø, centro culturale artico dal sapore magico. Meraviglioso d'inverno, questo luogo è abitato dal popolo sami, renne e un tocco di magia, e può essere un'ottima tappa anche per l'estate, soprattutto per chi sta cercando luoghi meravigliosi in cui vivere fantastiche esperienze.

Leggi tutto

Redazione Irno24 09/08/2022

Monte San Liberatore fra Salerno e Cava, "terrazza" sulla Costiera

Fra gli itinerari di trekking più interessanti del salernitano c'è da segnalare l'ascesa al Monte San Liberatore, sulla cui cima è presente - oltre all'eremo dedicato al Santo Martire - una grande croce in ferro, eretta da un benefattore negli anni 50, che viene illuminata nelle ore notturne.

Il Monte "raccorda" i territori di Salerno, Cava e Vietri, è alto 466 metri e, soprattutto nelle giornate di cielo terso, offre una panoramica impareggiabile su Salerno e la Costiera Amalfitana.

Dispone di diversi sentieri per approdare alla sommità: uno fra questi, lungo 9 km andata e ritorno, si inerpica da Rione Canalone a Salerno, lasciandosi man mano alle spalle le abitazioni della zona. Raggiungere la croce richiede almeno un minimo di allenamento, perchè l'ultimo tratto di ascesa è piuttosto impegnativo.

Leggi tutto

Redazione Irno24 02/07/2022

Riprende "yoga in parco" a Baronissi, appuntamento il 3 Luglio

Al via, domenica 3 luglio, l’edizione 2022 dell'evento “yoga in parco”, organizzato dal Comune di Baronissi e diretto, come gli scorsi anni, dalla docente Anna Gaita. Lo rende noto il sindaco Valiante. L’appuntamento, aperto a tutti, è alle 9.30 al Parco del Ciliegio; basta avere con sè una stuoia e la voglia di star meglio col proprio corpo e con la propria mente.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...