Da Egitto 800 tonnellate di pomodoro contaminato, operazione del RAC di Salerno

Denunciati i titolari di un'azienda dell'Agro, leader nel settore conserviero

foto di archivio

Redazione Irno24 08/06/2021 0

Nei giorni scorsi, i Carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare (RAC) di Salerno, della Sezione Operativa Centrale del Comando per la Tutela Agroalimentare, hanno condotto l’operazione "Scarlatto Due", nell’ambito di un’articolata indagine diretta dalla Procura di Nocera Inferiore, retta dal Dott. Antonio Centore, alla quale ha concorso anche l’Aliquota Carabinieri della locale Sezione di Polizia Giudiziaria.

I Militari hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo d’urgenza, emesso dal Pubblico Ministero, Dott. Angelo Rubano, e convalidato dal G.I.P., Dott.ssa Daniela De Nicola, che, accogliendo le risultanze investigative fornite dal Reparto Specializzato dell’Arma e interdicendo l’immissione nel circuito commerciale di prodotto non conforme alle prescrizioni di produzione, ha vincolato un ingente quantitativo di concentrato di pomodoro di provenienza egiziana presso un’azienda dell’Agro Nocerino Sarnese, leader nel settore conserviero.

In particolare, il provvedimento ha interessato una partita di semilavorato di pomodoro di ben 821 tonnellate, del valore di circa un milione di Euro. I plurimi elementi indiziari lasciano ritenere che il materiale alimentare sequestrato sia largamente interessato dalla contaminazione di pesticidi, presenti in misura maggiore a quanto normativamente consentito, sussistendo così il concreto rischio di nocività per la salute umana.

La merce era stoccata in migliaia di fusti metallici contenenti ognuno mediamente 250 kg di prodotto, in attesa di essere lavorata e confezionata, solitamente in barattoli e tubetti di diversi formati, per essere successivamente collocata sul mercato – prevalentemente estero – sempre come doppio o triplo concentrato di pomodoro. L’ingente materiale sequestrato è ciò che residua di una partita di semilavorato ben più cospicua; infatti è stato accertato che già alcune centinaia di tonnellate sono state commercializzate in Paesi UE ed extra UE. Campioni del materiale in sequestro sono stati inviati per le analisi presso laboratori specializzati.

Per le condotte rilevate, i titolari dell’azienda, i fratelli A.P. e A.D., sono stati denunciati sia per frode in commercio (la fattispecie applicata tende difatti a tutelare l’interesse concernente l’ordine economico in relazione alla lealtà e alla moralità del commercio, assicurando così la buona fede negli scambi commerciali), che per commercio di sostanze alimentari nocive.

"Il sequestro di concentrato di pomodoro proveniente dall’Egitto - commenta Coldiretti - conferma l’allarme per l’importazione di cibi di bassa qualità con il rischio che vengano spacciati come Made in Italy.

L’operazione segue di poche settimane il sequestro di migliaia di tonnellate di concentrato di pomodoro straniero inserito nel ciclo produttivo come pomodoro 100% toscano e conferma l’allarme per l’aumento delle importazioni in Italia di derivati di pomodoro del 23% nel primo bimestre del 2021 soprattutto dalla Cina con quantitativi che sono però praticamente raddoppiati dall’Egitto (+83%) rispetto allo scorso anno.

L’operazione è stata presentata all’indomani della Giornata Mondiale Onu della Salubrità Alimentare, promossa da Fao e Oms il 7 giugno con l’Italia che si classifica tra i Paesi più sicuri al mondo secondo la Coldiretti. In Italia sul totale dei 297 allarmi alimentari che si sono verificati nel 2020 sulla base delle elaborazioni del sistema di allerta Rapido (Rassf), solo 51 (17%) - sottolinea Coldiretti – hanno riguardato prodotti con origine nazionale, 146 provenivano da altri Stati dell’Unione Europea (49%) e 100 da Paesi extracomunitari (34%)".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 12/03/2020

"Triste vedere Salerno deserta, ma avanti così e tornerà a risplendere"

Così scrive su facebook il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, nel commentare alcune foto scattate durante un giro di controllo in città Giovedì sera. "Siamo tutti tristi nel vedere la nostra bella città, sempre vivace e piena di luce, così deserta.

Ma è necessario continuare così. Voglio ringraziare la popolazione per il senso di responsabilità manifestato in queste ore. Andiamo avanti tutti insieme per la salute nostra, dei nostri cari, della città.

Rispettiamo le indicazioni e le limitazioni. Se ciascuno farà il suo dovere con disciplina Salerno e l’Italia torneranno presto a sorridere e risplendere. Coraggio".

Leggi tutto

Redazione Irno24 14/09/2020

Aggiornamento Asl 14 Settembre, 2 casi Covid a Salerno

Sono 9 i positivi al Coronavirus rilevati nel salernitano fra le ore 18 del 13 Settembre e le ore 18 del giorno 14, secondo quanto comunica l'Asl nel consueto aggiornamento: 2 a Salerno città, 2 ad Angri, 1 a Caselle in Pittari, 1 a Campagna, 1 a Eboli, 1 a Nocera Inferiore, 1 a Serre.

Leggi tutto

Redazione Irno24 01/09/2020

Aggiornamento Asl 1 Settembre mattina, 6 casi Covid a Salerno

Nell'aggiornamento quotidiano riguardante l'emergenza Coronavirus, l'Asl di Salerno fa sapere che nella mattina del 1° settembre sono stati registrati 7 positivi nel salernitano, di cui 6 nel capoluogo e 1 a Baronissi. Si tratta - specifica l'azienda - di contatti singoli di casi positivi rilevati in precedenza, già isolati e monitorati.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...