La Regione rivede qualcosa, attività in presenza per nidi e asili

Richiesta dei Sindaci pervenuta all'unità di crisi

Redazione Irno24 16/10/2020 0

A integrazione dell’Ordinanza regionale n. 79, su richiesta dei Sindaci pervenuta all'Unità di Crisi attraverso l'ANCI, e in attesa di specifici congedi parentali per i genitori, da domani - 17 ottobre - è consentita, anche in presenza, l’attività di nidi e asili con bambini di età compresa nella fascia della fascia 0-6 anni. Lo comunica la Regione Campania.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 13/08/2020

Unità Crisi: "Incoraggiare permanenza, assurdo portare risorse fuori e importare contagio"

"I turisti stranieri, che peraltro aiutano la ripresa della nostra economia, vengono controllati negli aeroporti e alle frontiere - recita una nota dell'unità di crisi regionale - Inoltre vengono ulteriormente controllati negli alberghi e nelle strutture di accoglienza e non hanno ovviamente relazioni capillari con le nostre comunità.

I nostri concittadini partiti per lavoro o per vacanza, quando rientrano, hanno ovviamente attività di relazioni ampie e incontrollate con familiari, conoscenti, amici​ e possono dunque diventare agenti imprevedibili di contagio, come è già accaduto ripetutamente.

Si ritiene utile incoraggiare in questa fase la permanenza in Italia per dare respiro alle nostre strutture turistiche. Sarebbe davvero assurdo portare risorse all’estero e importare il contagio in Italia. Ovviamente, chi certifica di aver già fatto il tampone può normalmente rientrare senza problemi. In ogni caso ci si può rivolgere all’Asl di appartenenza o al medico di famiglia - non agli ospedali - e farlo rapidamente.

Siamo in un momento cruciale, nel quale si decide se proseguire nel ritorno a una vita normale controllata o si debba tornare a chiusure dolorose. Si richiede pertanto ad ogni cittadino collaborazione e comprensione, per non interrompere il percorso verso la normalità".

Leggi tutto

Redazione Irno24 12/05/2020

Covid-19, pagamento acconti per la sanità privata campana

La Giunta regionale, nella seduta di oggi, per scongiurare lo stato di crisi della sanità privata e per tutelare i livelli occupazionali, ha stabilito che le Aziende Sanitarie Locali, per le mensilità di marzo, aprile e maggio 2020, assicurino comunque il pagamento di acconti fino all’80%, nonostante la drastica riduzione della produzione a causa delle misure di contenimento dell’epidemia.

Tale misura si applica agli erogatori privati di prestazioni di laboratorio di analisi e di altre prestazioni di specialistica ambulatoriale, agli stabilimenti per l’assistenza termale, agli erogatori di prestazioni di riabilitazione estensiva in regime semiresidenziale e ambulatoriale/domiciliare, di riabilitazione specialistica ambulatoriale di recupero e rieducazione funzionale (FKT) ed ai centri diurni per persone disabili, anziani e affetti da demenza. Gli acconti così erogati saranno, poi, conguagliati con le mensilità successive.

Leggi tutto

Redazione Irno24 31/03/2020

Covid-19, il bollettino del 31 Marzo in Campania

L'Unità di crisi della Regione Campania comunica i dati al 31 Marzo: Positivi di oggi 164, tamponi di oggi 1566; totale complessivo positivi Campania 2231, totale complessivo tamponi Campania 15728.

Questa la ripartizione dei tamponi:

  • Ospedale Cotugno di Napoli: 298 tamponi di cui 16 positivi
  • Ospedale Ruggi di Salerno: esaminati 198 tamponi di cui 17 positivi
  • Ospedale Sant'Anna: stati esaminati 48 tamponi di cui 5 positivi
  • Presidi Ospedalieri Aversa e Marcianise: esaminati 104 tamponi di cui 15 positivi
  • Ospedale Moscati di Avellino: esaminati 114 tamponi di cui 9 positivi
  • Azienda Universitaria Federico II: esaminati 57 tamponi di cui 9 positivi
  • Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno: esaminati 700 tamponi di cui 84 positivi
  • Ospedale Santa Maria Della Pietà di Nola: esaminati 17 tamponi di cui 6 positivi
  • Ospedale San Pio di Benevento: esaminati 30 tamponi di cui 3 positivi
Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...