Mascherine facoltative all'aperto dal 22 Giugno, lo ribadisce la Regione

Si va verso il ritorno delle attività lavorative "in presenza"

Redazione Irno24 20/06/2020 0

A breve sarà pubblicato un provvedimento ricognitivo di alcune norme già previste dalle precedenti ordinanze, con specifico riferimento all'uso delle mascherine e alla ripresa delle attività lavorative "in presenza" nel rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza. Come annunciato, e come già stabilito nella precedente ordinanza, dal 22 giugno 2020 in Campania non è più obbligatorio ma facoltativo l'uso delle mascherine all'aperto.

Resta invece obbligatorio l'uso delle mascherine al chiuso (mezzi pubblici, negozi, supermercati) e in tutte le situazioni di assembramento o dove non vi è la possibilità di mantenere il distanziamento di almeno un metro. Nel provvedimento si affronta anche il tema dello smart working, con l'indicazione di facilitare progressivamente la ripresa delle attività lavorative "in presenza" sempre nel rispetto delle norme di sicurezza.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 12/03/2020

Nuova ordinanza di De Luca sugli esercizi commerciali

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato un'ordinanza, la numero 13 del 12 Marzo 2020, che dispone ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Si tratta di precisazioni inerenti l'attività - sul territorio campano - degli esercizi commerciali, già disciplinata a livello nazionale dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell'11 Marzo.

ECCO L'ORDINANZA INTEGRALE

Leggi tutto

Redazione Irno24 04/04/2020

Le pasticcerie devono restare chiuse, lo chiarisce la Regione

Arrivano continue segnalazioni di attività dei laboratori di pasticceria e prodotti dolciari - fa sapere la Regione in una nota - con assembramenti di persone e mobilità incontrollata. Nel rispetto delle ordinanze già emanate, è necessario chiarire che sono sospese le attività e i servizi di ristorazione, fra cui pub, bar, gastronomie, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie anche con riferimento a consegne a domicilio. La sospensione riguarda anche le vendite online e le attività dei laboratori di pasticceria, che quindi non possono rimanere aperti.

Leggi tutto

Redazione Irno24 31/07/2020

De Luca valuta ordinanze su pullman dall'est e documento di identità al ristorante

"Dobbiamo tenere gli occhi aperti, fare attenzione, stiamo valutando quotidianamente la situazione, non è drammatica a condizione che ci sia senso di responsabilità da parte di tutti i cittadini". Esordisce così il Governatore De Luca, interpellato dai giornalisti sull'emergenza sanitaria in atto.

"C'è stato un rilassamento preoccupante e grave in queste settimane e rischiamo di non arrivare nemmeno al mese di Settembre. Stiamo valutando altre due misure da prendere, altre ordinanze da fare. La prima riguarda gli arrivi in Campania dei pullman dall'est Europa; continuano ad arrivare da Ucraina, Romania, Bulgaria senza nessun controllo, abbiamo rilevato che la gran parte dei focolai sono di importazione, vengono dai paesi esteri. Vogliamo fare in modo che nessuno scenda da un pullman senza un controllo preventivo.

La seconda misura che vorremmo prendere è l'obbligo per chi va al ristorante di fornire la carta d'identità, almeno per ogni tavolo ci deve essere una persona che fornisce la carta, abbiamo verificato che ci sono degli imbecilli, irresponsabili che danno generalità false.

E' capitato in un ristorante sulla costiera sorrentina che avendo trovato un cliente positivo, abbiamo telefonato con le strutture sanitarie ai numeri che ci erano stati dati dagli altri clienti, erano numeri falsi. Come si può essere così irresponsabili? Probabilmente faremo questa ordinanza, per rendere perlomeno obbligatoria l'esibizione del documento, affinchè ci sia una persona certificata cui fare capo in caso di problemi.

Si apre l'anno scolastico, ci stiamo preparando sia alle vaccinazioni di massa, sia ai vaccini antinfluenzali, sia agli screening sierologici che cercheremo di fare a tutto il personale scolastico (180mila test); ma è evidente che se non scatta un nuovo senso di responsabilità nei cittadini, il lavoro rischia di essere pregiudicato: mascherine sempre, se stai da solo a passeggiare non c'è problema, ma se c'è assembramento ti devi mettere questa benedetta mascherina, unica forma di protezione che abbiamo".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...