Rapine e furti nei negozi del centro storico di Salerno, in carcere 45enne

Minuziose indagini condotte dai Carabinieri da Novembre 2021 a Maggio 2022

Redazione Irno24 21/06/2022 0

In data 17 giugno 2022, ufficiali di PG in servizio presso la Compagnia CC di Salerno hanno eseguito un'ordinanza cautelare applicativa della detenzione in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno, su conforme richiesta della Procura, nei confronti di un 45enne, già pregiudicato, al quale risultano contestati numerosi reati di rapina e furto aggravato verificatisi presso molteplici esercizi commerciali del centro storico di Salerno.

Il provvedimento cautelare scaturisce dall'attività d'indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Salerno Principale, i quali, da novembre 2021 a maggio 2022, attraverso la ricerca e raccolta di denunce e testimonianze, analisi delle immagini di centinaia di telecamere pubbliche e private, analisi dei tabulati telefonici e accertamenti bancari, hanno individuato il presunto autore di circa 30 rapine e furti.

Le azioni delittuose sono state perpetrate sia di giorno sia in orario notturno, sempre con lo stesso modus operandi; facendo leva sull'effetto sorpresa, nonchè sulla velocita e sull'aggressività delle proprie condotte, il 45enne aveva come principale obiettivo dipendenti e proprietari di attività commerciali, dalle quali sottraeva costosi generi alimentari ed articoli di pelletteria, personal computer e accessori di elettronica, telefoni cellulari, borse e portafogli.

Ed ancora, l'uomo era solito impossessarsi del denaro contante presente nelle casse dei negozi poiché, dopo aver individuato i relativi registratori di cassa, si faceva consegnare il contenuto minacciando il dipendente o il proprietario, per poi scappare a piedi per le strette vie del centro storico.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 14/02/2022

"Orto Condiviso" al penitenziario di Eboli, il contributo di Coldiretti Salerno

Al via il progetto di agricoltura sociale “Orto Condiviso” realizzato nella Casa di Reclusione di Eboli e nato dalla collaborazione tra il penitenziario, la Coldiretti Salerno e l’associazione di volontariato Gramigna di Pago Veiano (BN). L’agricoltura sociale è uno strumento che offre opportunità di riabilitazione, integrazione per persone che vivono situazioni svantaggiate, di marginalità, di esclusione sociale. Con l’orto condiviso, i detenuti cureranno lo spazio incolto all’interno della cinta muraria del Castello Colonna, guidati dagli esperti di Coldiretti Salerno che metteranno a disposizione anche semi, piantine e tutte le attrezzature necessarie.

“Il progetto – spiega il presidente di Coldiretti Salerno, Vito Busillo – sarà scandito da incontri settimanali durante i quali saranno fornite ai partecipanti le nozioni sulle varietà da coltivare e mostrate, concretamente, le attività così da poterle svolgere poi in autonomia.

I detenuti parteciperanno ad ogni fase del progetto, dalla pulizia dello spazio assegnato, alla preparazione del terreno, concimazione e preparazione dei solchi per la messa a dimora delle piantine e delle sementi. La formazione sulla cura dell’orto sarà accompagnata dalla realizzazione di schede informative sulle singole piante coltivate”. In occasione dell’avvio del progetto, Coldiretti Salerno ha anche donato alla struttura penitenziaria di Eboli pacchi solidali con prodotti a Km zero.

Leggi tutto

Redazione Irno24 05/08/2020

Caritas di Salerno a sostegno della popolazione di Beirut

Una violenta esplosione si è verificata ieri nel porto di Beirut, in Libano, spazzando via parte della città e provocando, secondo un primo bilancio provvisorio, circa cento morti e quattromila feriti. Gli ospedali della capitale, già sotto pressione a causa del Covid, non riescono a far fronte all’emergenza, anche perché danneggiati dalla potente onda d’urto sprigionatasi dopo l’esplosione.

In Libano è presente anche un folto contingente di militari italiani, dai quali è giunta la prima richiesta di aiuto per la popolazione. La catastrofe ha toccato anche la Chiesa libanese, causando ingenti danni alla cattedrale e spazzando via la sede della Caritas.

Un accorato appello alla solidarietà verso i cittadini di Beirut è stato lanciato da padre Michael Abboud, nuovo direttore di Caritas Lebanon, e da padre Charbel Obeid, segretario del patriarca. La Caritas di Salerno Campagna Acerno, oltre a esprimere solidarietà ai fratelli libanesi, promuove una raccolta fondi per sostenere questa fase di emergenza assoluta.

“Come Caritas di Salerno e a nome della Chiesa salernitana – dichiara il direttore don Marco Russo – abbiamo il dovere di soccorrere questi nostri fratelli, già duramente provati dall’emergenza Covid e dalle tensioni politiche che attanagliano quella parte del Mondo. Con il contributo di tutti gli uomini di buona volontà, possiamo dare almeno un po’ di sollievo alle migliaia di persone che hanno perso tutto in questa esplosione, e agli ospedali che sono al collasso”.

Si può contribuire con un bonifico su: ARCIDIOCESI SALERNO – CAMPAGNA – ACERNO, IBAN IT31O0311115201000000007928, CAUSALE PRO LIBANO

Leggi tutto

Redazione Irno24 30/11/2021

Vertenza "Ruggi d'Aragona", Uil Fpl Salerno fa il punto della situazione

Stabilizzazione del personale precario, gestione delle fasce economiche per il pagamento dei lavoratori e attività di pulizia del plesso del "Ruggi". Questi sono i temi che la Uil Fpl Salerno tratterà nella conferenza stampa di giovedì 2 dicembre, alle ore 11, presso l'aula Scozia dell'ospedale "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona", in via San Leonardo.

All'incontro, che si terrà nel rispetto delle norme anti-Covid, prenderà parte Donato Salvato, segretario generale della Uil Fpl provinciale, il segretario del comparto Sanità, Angelo Rambaldi, la segretaria aziendale del "Ruggi", Lucia Rallo, e l'intera segreteria confederale del sindacato di categoria della Uil.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...