Asl Salerno, attivo portale E-CUP per prenotare visite e pagare ticket

Per accedere codice fiscale e ultime 10 cifre della TS

Redazione Irno24 16/04/2021 0

L’Asl Salerno ha attivato la piattaforma E-CUP, il Cup on-line che consente di prenotare visite e prestazioni e pagare il ticket in maniera comoda e autonoma. Alla piattaforma si accede dalla home page del sito www.aslsalerno.it, cliccando su Cup-Ticket.

Sarà possibile: prenotare visite specialistiche ed esami di diagnostica strumentale (RX, TC, RM, ECO) erogate dalla ASL Salerno, muniti della Ricetta Elettronica (NRE) rilasciata dal proprio Medico curante (Medico di medicina generale/Pediatra di libera scelta); gestire/modificare una prenotazione; effettuare il pagamento del relativo ticket sanitario con il sistema PagoPA o app IO; stampare o ricevere via e-mail l’Avviso di pagamento da utilizzare presso tabaccherie, ricevitorie o agenzie abilitate oppure utilizzando la piattaforma home banking e presso gli ATM/Bancomat abilitati al circuito CBill.

Per accedere al servizio bisogna inserire il Codice Fiscale e le ultime 10 cifre del Numero di Tessera Sanitaria (valida). Si riceverà un SMS sul cellulare indicato, si completerà l'autenticazione e si procederà con le operazioni desiderate. Il servizio di prenotazione on-line è riservato, al momento, ai soli cittadini residenti in Campania. I cittadini residenti in altre regioni possono prenotare mediante il Call Center CUP al numero 0892875028.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 31/03/2021

Indagine Asl Salerno su titolazione anticorpale del personale vaccinato

L’Asl Salerno promuove uno screening per rilevare la titolazione anticorpale su tutto il personale dipendente. Un’indagine che serve a misurare la quantità di anticorpi prodotti dell’organismo dopo la somministrazione del vaccino Pfizer, al fine di valutare la misura della reazione immunitaria venutasi a creare nella persona vaccinata a protezione dal Covid.

Lo studio coinvolgerà circa 9.000 operatori sanitari di tutte le categorie e sarà uno dei più ampi condotti ad oggi in Italia. Il monitoraggio sarà effettuato a 15-30 giorni dalla seconda somministrazione del vaccino (dose di richiamo) e successivamente a 90 giorni, ed a 6 mesi di distanza, valutando in tal modo l’andamento della risposta immunitaria e l’entità dell’immunizzazione protettiva.

Ad essere dosati saranno gli anticorpi diretti verso il recettore RBD della proteina virale Spike, ossia gli anticorpi che neutralizzano il Covid. I primi dati della ricerca saranno disponibili a partire dalla seconda metà di aprile.

Leggi tutto

Redazione Irno24 16/02/2021

Placenta percreta, due gravidanze a rischio salvate al Ruggi nello stesso giorno

Il reparto della gravidanza a rischio dell'ospedale di Salerno si conferma un'eccellenza sanitaria italia. Due interventi eccezionali, avvenuti entrambi lo scorso 3 febbraio, hanno vista impegnata l'équipe diretta dal dottor Mario Polichetti. La signora Rita Parrilli, 29enne di San Mango Piemonte, si trovava al terzo cesareo ed era affetta da placenta percreta. Nonostante questo, però, ha dato alla luce Davide, un bel bambino di 2.940 grammi, senza complicazioni.

La seconda paziente, invece, è Julieann Esquierra. Anche lei è stata operata, sempre mercoledì scorso, per la stessa patologia della signora Parrilli. La donna, di origini filippine, risiede a Salerno e ha dato alla luce una bimba, Alexia Benedetta, di 2600 grammi che gode di ottima salute.

"L’eccezionalità dell’intervento - spiega Polichetti - è che questa patologia particolarmente drammatica è stata affrontata per due volte nello stesso giorno. Inoltre, le due donne sono state dimesse lo stesso giorno dopo la necessaria degenza. Un intervento multidisciplinare, eseguito in collaborazione con l’équipe urologica, diretta dal dottor Umberto Greco. Il reparto della gravidanza a rischio dell'ospedale di Salerno è uno dei pochi centri in Italia dove si effettuano questi interventi e si conferma il punto di riferimento per il trattamento".

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/08/2021

Tumore vescica, nuovo farmaco a Pagani: cure in partnership con urologia Salerno

Il Polo Oncologico dell’Ospedale “Tortora” di Pagani continua a dimostrarsi capace di erogare una assistenza all’avanguardia a favore dei cittadini portatori di neoplasia, intercettando e rendendo disponibili le innovazioni farmacologiche in ambito oncologico “in anteprima”.

Attingendo ai fondi AIFA e attraverso un complesso lavoro di tipo clinico e amministrativo, che ha coinvolto la Direzione Generale di Salerno, la Direzione Sanitaria del DEA di Nocera, il Servizio di Farmacia dell’Ospedale di Pagani, il team di oncologi guidato dal prof. Giuseppe Di Lorenzo, Direttore dell’UOC di Oncologia, è riuscito a somministrare con successo, al di fuori di uno studio sperimentale e nel contesto della pratica clinica, l’ultimo ritrovato nell’ambito della cura del tumore alla vescica, fornendo ad un paziente privo di altre opzioni terapeutiche una possibilità di cura.

Il Polo Oncologico è tra i primi in Italia ad ottenere questo straordinario risultato. Il farmaco innovativo, chiamato Enfortumab Vedotin, è un coniugato farmaco-anticorpo, composto da un anticorpo monoclonale anti-Nectina-4, unito alla Monometil Auristatina, un farmaco che distrugge i microtubuli.

L’Enfortumab Vedotin ha permesso di ottenere una percentuale di risposta obiettiva del 44% e una riduzione del rischio di morte del 30% rispetto alla chemioterapia standard nello studio clinico che ha portato all’approvazione di questo farmaco da parte dell’EMA.

Il paziente ha espresso gratitudine e sta bene dopo la prima somministrazione. Il team del prof. Di Lorenzo valuterà tutti i pazienti eleggibili a questo e ad altri trattamenti innovativi per il tumore alla vescica disponibili presso il Polo Oncologico, come l’Avelumab, il Durvalumab, il Cetrelimab anche grazie alla stretta partnership con le Urologie dell’ASL di Salerno ed all’Anatomia Patologica di Pagani.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...