Covid-19, Regione proroga classificazione strutture ricettive alberghiere

Casucci: "Nostra intenzione è semplificare procedure e oneri"

L'Assessore Casucci

Redazione Irno24 14/01/2021 0

Su proposta dell’Assessore alla Semplificazione e al Turismo, Felice Casucci, la Giunta Regionale ha stabilito che la classificazione delle strutture ricettive alberghiere produce effetti fino alla cessazione dello stato di emergenza da Covid-19. Pertanto, in applicazione della legge 24 aprile 2020, n. 27, i provvedimenti di autorizzazione in scadenza possono considerarsi validi sino fino alla cessazione dello stato di emergenza da Covid-19. Sulla base delle nuove disposizioni in materia di emergenza, la Giunta valuterà l’adozione di ulteriori misure.

“La nostra intenzione – ha dichiarato Casucci – è di semplificare le procedure e gli oneri a carico degli operatori del settore e delle amministrazioni comunali, senza per questo venire meno alla esigenza di garantire un’offerta ricettiva qualificata. Al di là di misure di carattere contingente, necessarie per fronteggiare l’evoluzione dello stato di emergenza, stiamo lavorando per rafforzare l’azione di programmazione regionale e di semplificazione normativa e per definire le azioni volte al rafforzamento, alla crescita e al rilancio del sistema turistico regionale”.

Questo tempo di proroga sarà destinato alla concertazione, con le categorie e gli enti locali, per aggiornare la normativa di riferimento e per giungere ad un sistema di classificazione delle strutture alberghiere e all'aria aperta che sia attualizzato e soprattutto finalizzato ad affiancare il territorio nella predisposizione di strumenti di verifica e controllo di attività che costituiscono oggi più che mai il biglietto di presentazione della Campania dal punto di vista della sicurezza e della qualità del sistema di accoglienza dell'intero comparto.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 20/10/2020

De Luca annuncia il coprifuoco da Venerdì e la riapertura delle elementari

"Ci prepariamo a chiedere il coprifuoco, il blocco di tutte attività e della mobilità dalle ore 23 a partire da questo fine settimana". E' quanto afferma il Governatore De Luca in occasione della visita al Covid Residence dell'Ospedale del Mare a Napoli.

"Volevamo partire dall'ultimo fine settimana di Ottobre (come lo stesso De Luca aveva annunciato nella diretta streaming di Venerdì scorso, ndr) ma partiamo adesso. Dalle ore 23 di Venerdì in Campania si chiude tutto, come è stato chiesto anche in Lombardia".

Contestualmente, il Presidente della Regione ha anche dichiarato che verranno autorizzati da subito progetti speciali scolastici per bambini disabili e autistici e - da Lunedì 26 - anche le attività delle scuole elementari.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/09/2020

De Luca: "Pronto a chiudere tutto se la curva dei contagi sale ancora"

Primo appuntamento in streaming post rielezione per il Governatore De Luca. Un punto della situazione, rispetto ad altri recenti, indubbiamente più delicato perchè la curva dei contagi da Covid in Campania non accenna a declinare. "Siamo in una fase delicata - dice De Luca - se non avremo dati tranquillizzanti fermeremo movida e luoghi di ritrovo; ci troviamo in piena epidemia, se la curva continua a salire chiuderemo tutto". Nell'ottica di una politica di rigore, il Presidente della Regione ha ribadito la necessità di comportamenti corretti, alla luce anche della recente ordinanza che impone nuovamente le mascherine all'aperto. "Dobbiamo fare un grande sforzo, essere responsabili per evitare ripercussioni sulle nostre famiglie e sull'economia".

Leggi tutto

Redazione Irno24 23/10/2020

De Luca chiede il lockdown totale e preannuncia quello campano

"Oggi siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci per far fronte ad una situazione diventata pesante - spiega De Luca in diretta streaming - Non c'è più un'ora di tempo da perdere. L'ordinanza che va in vigore oggi (la n° 83 del coprifuoco, ndr) è già superata dai dati del contagio.

Procederemo in direzione della chiusura di tutto in Campania. Avevamo immaginato una misura parziale ma non basta più. Per l'Italia deciderà il Governo, per la Campania faremo quello che è giusto per noi. Oggi siamo ancora in tempo, non siamo ancora alla tragedia, ma siamo ad un passo". Il bollettino di oggi è pesante: 2280 casi su 15800 tamponi, il 14.5% rispetto al 12 del giorno precedente.

Poco prima della diretta, in una nota stampa, De Luca si era espresso anche in merito ad un lockdown nazionale, che chiederà al Governo: "I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di provvedimento parziale. È necessario chiudere tutto, fatte salve le categorie che producono e movimentano beni essenziali (industria, agricoltura, edilizia, agro-alimentare, trasporti). E' indispensabile bloccare la mobilità tra regioni e intercomunale. Non si vede francamente quale efficacia possano avere in questo contesto misure limitate. In ogni caso la Campania si muoverà in questa direzione a brevissimo".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...