Pellet con sostanze cancerogene, sequestrate 20 tonnellate

Indagine scaturita in Irpinia, merce arrivava al porto di Salerno tramite società egiziana

Redazione Irno24 23/04/2020 0

Nella mattinata odierna una vasta operazione di polizia giudiziaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, è stata portata a termine dai militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Avellino. L’operazione è scaturita dalla esecuzione di un decreto, adottato dalla Procura della Repubblica di Benevento, avente ad oggetto diverse perquisizioni domiciliari e a sedi societarie costituenti una intera rete commerciale ramificata sul territorio nazionale.

In Campania sono state interessate tutte le province, per un totale di 18 sedi perquisite dai NIPAAF (Nuclei investigativi di polizia agro-ambientale e forestale) dei Gruppi CC Forestali territorialmente competenti. Sono state sottoposte a sequestro confezioni - in buste da 15 kg - di pellet contaminato e pericoloso per la salute pubblica, per un quantitativo complessivo di prodotto in corso di esatta quantificazione ma non inferiore a 20 tonnellate.

Due, finora, sono le persone indagate a piede libero, che dovranno rispondere, e potranno nel prosieguo dimostrare la loro estraneità ai fatti, di illecita gestione (commercio ed intermediazione) di rifiuti pericolosi, adulterazione di sostanze pericolose, frode in commercio e vendita di prodotti industriali con segni mendaci. Sono i risultati di una laboriosa indagine, durata diversi mesi, coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, che ha avuto inizio con il rinvenimento, a seguito di un controllo mirato dei Carabinieri della Stazione forestale di Summonte (AV), in un esercizio commerciale di Atripalda, gestito da soggetti di nazionalità cinese, di buste di pellet che mostravano delle anomalie sia in quanto al contenuto, sia all’etichettatura.

Dalle indagini successive è risultato che il pellet proveniva da una azienda di Flumeri (AV), con sede legale a Mirabella Eclano (AV), costituente lo snodo principale di distribuzione per i rivenditori del centro-sud. Dalle analisi chimiche sono emerse tracce di vernici e gesso, presenza di sostanze pericolose come fluoro e formaldeide, valori di cloro, zolfo e ceneri molto superiori ai valori limite, nonché elevata presenza di piombo.

Ciò a testimoniare che il pellet non era stato ottenuto da pura massa legnosa, bensì da legni già usati e trattati per la realizzazione di prodotti (es. infissi, mobilio) arrivati a fine vita e pertanto classificabili come rifiuti di legno contenenti sostanze pericolose, che andavano destinati allo smaltimento in appositi impianti e non al riscaldamento domestico, con grave rischio sia ambientale che sanitario, specie in caso di uso prolungato. In particolare la formaldeide è stata indicata dallo IARC (Agenzia Internazionale sulla Ricerca del Cancro) tra i composti del gruppo I (cancerogeni certi).

La merce contaminata proviene dall’estero attraverso una società esportatrice di nazionalità egiziana ed arriva in Italia tramite un’altra società egiziana di trasporto in container via mare, con terminal al porto di Salerno. Le buste di pellet pericolose poste in commercio e destinate agli impianti civili di ignari consumatori, sulla scorta di certificazioni di qualità inesistenti, vengono poste in commercio ingannevolmente come prodotti di alta qualità, mentre si tratta di rifiuti pericolosi. Il giro di affari complessivo di tali traffici ammonta a circa 2 milioni di euro. Gli investigatori da tempo avevano concentrato attenzione su questa tipologia di merci per l’impatto sull’inquinamento atmosferico legato anche ai prodotti della combustione negli impianti civili.

NOTA STAMPA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BENEVENTO

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 19/11/2020

Manutenzione raccordo SA-AV, chiusura carreggiata Sud fino al 7 Dicembre

Lungo il tratto iniziale del tracciato dell’Autostrada A2 (tratto ex raccordo Sa-Av), Anas ha in corso lavori di manutenzione straordinaria per l’adeguamento e la riqualificazione delle barriere di sicurezza stradali bordo ponte e spartitraffico centrale. La decretata “Zona Rossa” per la Campania e, quindi, le attese riduzioni dei volumi di traffico veicolare, offrono condizioni di opportunità per la riqualificazione dei guard-rail anche nel tratto stradale compreso fra lo sbocco (lato Salerno) della Galleria Cologna (Km 5,200 circa) e la loc. Stella del Comune di Pellezzano (Km 5,800 circa).

Per l’esecuzione di questi lavori, fino al 7 dicembre 2020 è stata programmata la chiusura della carreggiata Sud dell’autostrada A2 fra i Km 4,700 e 6,000, con istituzione del doppio senso di circolazione (una corsia per senso di marcia) sulla adiacente carreggiata Nord.

La decisione è stata adottata a seguito dell'istruttoria svolta dalla Prefettura di Salerno con il coinvolgimento del comune capoluogo, dei comuni di Baronissi, Fisciano, Mercato San Severino e Pellezzano e degli organi di Polizia Stradale, all'esito della quale è stata condivisa la necessità di procedere nel più breve tempo possibile alla realizzazione di interventi che rispondono alla prioritaria esigenza della sicurezza in un'arteria strategica per la provincia di Salerno.

Leggi tutto

Redazione Irno24 27/12/2020

Il sindaco di Salerno: "Vaccino arma decisiva ma restiamo prudentissimi"

"La vaccinazione anti Covid è un'arma importantissima per prevenire ulteriori contagi e debellare la pandemia. Salerno sarà in prima linea anche per questa ulteriore battaglia". Lo scrive il sindaco Napoli. "Il Comune fornirà ogni utile supporto logistico, nel rispetto delle indicazioni della Regione e delle Autorità Sanitaria, per lo svolgimento della campagna vaccinale.

Sono certo che ancora una volta i nostri concittadini daranno prova di grande senso civico e responsabilità sottoponendosi, come me appena sarà il mio turno, al vaccino. Rinnovo altresì l'invito a rispettare ancora più fermamente tutte le norme igienico-sanitarie e le distanze sociali per riuscire finalmente a vincere la guerra contro il Covid-19".

Leggi tutto

Redazione Irno24 16/12/2020

Comune di Salerno e Liceo Tasso ottengono Premio "Principessa Sichelgaita"

Giovedì 17 dicembre, alle ore 11.00, presso il Palazzo di Città, sarà consegnato al Comune di Salerno il Premio Internazionale “Principessa Sichelgaita” promosso dallo Studio Legale Internazionale Incutti, per lo sviluppo urbanistico e per le opere pubbliche d’alto valore ingegneristico ed architettonico che hanno elevato la città a livello “europeo di sviluppo”.

Il premio, una scultura bronzea della principessa longobarda-normanna, sarà attribuito a pari merito anche al Liceo Classico Tasso per le sue tradizioni storiche, per la vitalità attuale, per la formazione d’allievi di valore, per i docenti di prestigio ed elevata cultura.

L’incontro, al quale prenderanno parte, insieme ai promotori, il Sindaco Napoli e l’Assessore De Maio, si terrà in forma virtuale in osservanza delle norme anti-Covid. Vi si potrà assistere accedendo al link dedicato.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...