Solofra, denunciato 50enne per gestione illecita di rifiuti pericolosi

In azione i Carabinieri Forestali di Serino

Redazione Irno24 10/10/2020 0

I Carabinieri Forestali di Serino hanno denunciato un 50enne ritenuto responsabile dell’illecita gestione di rifiuti pericolosi. Gli operanti, nell’ambito delle verifiche sulle attività conciarie finalizzate ad accertare la corretta gestione dei reflui e del ciclo rifiuti per il contrasto dell’inquinamento del Torrente Solofrana, procedevano al controllo di una conceria di Solofra, accertando lo smaltimento illecito di rifiuti costituiti da imballaggi contaminati da sostanze pericolose (prodotti chimici per la lavorazione delle pelli). Alla luce delle evidenze emerse, per il legale rappresentante dell’opificio è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura di Avellino.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 27/07/2022

Solofra, rimodulato il dispositivo di traffico nella galleria Monte Pergola

In merito al dispositivo di traffico attualmente in vigore all’interno della galleria ‘Monte Pergola’ del Raccordo Autostradale 2 “di Avellino”, a seguito delle numerose richieste pervenute dalle Associazioni di categoria degli autotrasportatori ed in particolare del comparto delle Aziende Conserviere, è stato rimodulato il transito veicolare nel tratto interessato dai lavori.

Il nuovo dispositivo di circolazione sarà attivo tra Serino e Solofra, esclusivamente nel periodo compreso tra mercoledì 3 agosto e venerdì 2 settembre 2022, nella fascia oraria tra le 10.00 e le 14.00, dal lunedì al venerdì, ad esclusione dei giorni prefestivi e festivi (compreso il 15 agosto) e prevede: l’estensione della libera circolazione nel tunnel – esclusivamente in direzione Salerno – anche a tutti i mezzi pesanti, ad eccezione di quelli che trasportano merci pericolose o infiammabili; contestualmente, per imprescindibili motivi di sicurezza, nella medesima fascia temporale, l’interdizione totale del transito in direzione Avellino, con deviazione della circolazione lungo percorsi alternativi individuati in loco.

Per garantire l’accoglimento delle richieste pervenute dal territorio, Anas si è adoperata, tra le altre cose, anche nella implementazione della segnaletica e nei presidi del personale su strada; il nuovo dispositivo di transito resterà comunque soggetto ad eventuali nuove verifiche o valutazioni da parte degli Enti Competenti, al fine di garantire la mitigazione dei disagi. Nelle altre fasce orarie, nei giorni di sabato e domenica, e nei giorni festivi, il transito tornerà ad essere regolamentato secondo il dispositivo di traffico ad oggi in vigore.

Leggi tutto

Redazione Irno24 06/03/2021

Solofra, chiarimenti del Comune su centro vaccinale Via Melito

La somministrazione del vaccino anti Covid-19 agli anziani over 80 presso il Centro Vaccinale di Solofra - rende noto il Comune - è di competenza esclusiva dell’Asl Avellino, che contatta direttamente i soggetti interessati (e le eventuali “riserve”) prenotatesi sulla piattaforma regionale.

Al Comune di Solofra compete esclusivamente l’allestimento logistico e la custodia del Centro Vaccinale di Via Melito. La sospensione delle attività vaccinali presso il Centro Vaccinale di Solofra, come degli altri centri irpini, è stata disposta dalla stessa Asl Avellino (nota prot. 8003 del 01.03.2021). La ripresa delle attività sarà tempestivamente comunicata alla cittadinanza.

Leggi tutto

Redazione Irno24 24/01/2021

Scarico abusivo nel torrente Solofrana, denunciato titolare di industria conciaria

I Carabinieri della Stazione Forestale di Monteforte Irpino (AV) hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino il responsabile legale di un'industria conciaria di Solofra, ritenuto responsabile di gestione illecita di rifiuti pericolosi e scarico abusivo.

A seguito di segnalazione al 112 per acque di colore scuro che si immettevano nel torrente “San Vito” (affluente del “Solofrana”), i militari hanno accertato che le stesse erano provenienti da una sovrastante industria conciaria. Nello specifico, dall’ispezione visiva delle aree esterne all’opificio e di pertinenza dello stesso, i Carabinieri costatavano che una delle vasche a cielo aperto, adibite ad una prima raccolta delle acque reflue del ciclo industriale, risultava piena di liquido di colore nero;

esso, attraverso due fori presenti nel muro perimetrale di confine dell’insediamento produttivo, veniva scaricato nel sottostante vallone in forza dell’immissione nella stessa vasca di acque verosimilmente chiare, atte a provocare la tracimazione e la fuoriuscita delle acque reflue in essa presenti, ossia la miscelazione/diluizione ed il consequenziale sversamento nell’alveo del vallone.

Pertanto i Carabinieri hanno proceduto al sequestro del sistema di scarichi abusivi nonché al campionamento istantaneo con il prelievo delle acque reflue presenti nella vasca per i successivi accertamenti analitici a cura dell’ARPAC competente.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...