Uil Fpl Salerno chiede chiarezza ad Asl e Ruggi sui precari del Covid

"È urgente che le risorse assegnate alle Regioni siano messe a profitto per la stabilizzazione"

L'ospedale Ruggi di Salerno

Redazione Irno24 04/10/2022 0

Non è la prima volta che la Uil Fpl Salerno accende i riflettori sui precari del Covid: infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici, medici, farmacisti, professionalità disilluse dall’attesa del miraggio della stabilizzazione. È urgente che le risorse assegnate alle Regioni, frutto degli stanziamenti previsti dal Governo, siano finalmente messe a profitto per raggiungere l’obiettivo della stabilizzazione per i precari della Sanità. La linea è stata già tracciata.

"Negli incontri, svoltisi con i consulenti tecnici alla Sanità del Governatore campano e le Parti Sociali, si è deciso di procedere alla stabilizzazione di tutti i precari della Sanità, con la condivisione di un protocollo - linea guida - da applicare su tutto il territorio regionale", hanno detto Donato Salvato, segretario provinciale della Uil Fpl, e Salvatore Matteo, referente del coordinamento territoriale della Uil Fpl Salerno.

"Si è convenuto, altresì, di creare un tavolo permanente di lavoro tra i consulenti tecnici e le organizzazioni sindacali, per monitorare su tutto il territorio campano l'applicazione uniforme della suddetta piattaforma condivisa. Nonostante, da quasi tre mesi, sia stato delineato il percorso, la situazione è in stallo, e solo alcune Aziende hanno avviato il processo di risoluzione del precariato sanitario.

In provincia di Salerno, mentre l’Asl ha da poco emanato il bando per la stabilizzazione, l’Azienda ospedaliera Ruggi, che comunque annovera una pletora di precari, ha semplicemente avviato la procedura di ricognizione, ma, di fatto, continua a restare inerte.

Alla dirigenza di queste Aziende ci rivolgiamo, chiediamo azioni consequenziali, processi rapidi e trasparenti, funzionalità operativa. La situazione pandemica degli ultimi anni ha evidenziato, ancor di più, la carenza di personale impiegato nelle strutture sanitarie regionali; l’avvio delle procedure di stabilizzazione richiede concretezza, competenza, volontà e lungimiranza. Sono coinvolti migliaia di lavoratori precari; valorizziamo e non disperdiamo le professionalità acquisite”.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 16/08/2022

Rispoli: "Salerno senza vigili per garantire il servizio d'ordine all'Arechi"

"Domenica scorsa, dalle 15 in poi, Salerno è rimasta senza polizia municipale in città. Le pattuglie sono state tutte concentrate allo stadio. È finita l'emergenza: il concetto è questo. Se dobbiamo penalizzare l'intera città per un evento prevedibile, come quello di una gara di serie A, non si capisce che ruolo abbia la polizia municipale. Per intenderci parliamo della legge 121, che regola le competenze tra le varie forze di polizia. Questa legge assegna alle forze di polizia statale le competenze dell'ordine pubblico e della pubblica sicurezza. In questo contesto la polizia municipale che ruolo ha? Così, la città viene sguarnita.

Questo perché la polizia municipale ha una competenza specifica in termini di difesa del territorio per quanto riguarda l'edilizia abusiva, difesa del territorio per quanto riguarda il rilascio dei rifiuti, difesa del territorio per le attività relative all'infortunistica stradale. Ora che noi veniamo utilizzati tutti allo stadio, la città sguarnita è una cosa gravissima". Così Angelo Rispoli, segretario della Csa provinciale, denuncia quanto accaduto in merito al servizio d'ordine della polizia municipale in occasione di Salernitana-Roma, prima gara del campionato di serie A, disputata allo stadio Arechi domenica scorsa.

"È la prima volta da 22 anni, che esiste il servizio che termina fino a mezzanotte, che oggi non c'è questo tipo di servizio. Inoltre, per quanto riguarda i punti di crisi, noi abbiamo il lungomare, Largo Campo, piazza Flavio Gioia, che sono fondamentalmente, almeno dai fatti di cronaca, postazioni di spaccio. Mettere pattuglie della polizia municipale non ha senso. Sarebbe giusto che, nel rispetto della legge 121, su questi tre punti sarebbe impiegata l'unità cinofila, le forze di polizia statali, mentre noi ci potremmo concentrare sulla viabilità, sulla difesa del territorio e sull'infortunistica stradale.

La carenza dell'organico è ormai atavica; perché non prendere, visti gli attuali buchi nell'organico, lavoratori a tempo indeterminato part-time con un maxi concorso, magari 100 unità al 30%? Nel frattempo questi giovani verrebbero armati, addestrati e, man mano che noi andremo in pensione, potrebbero aumentare le ore pro-capite fino a raggiungere il tempo pieno. Si parla tanto di disponibilità, ma il dato reale è drammatico ed è che, ad oggi, dopo un anno di assunzioni, i nuovi assunti non hanno ancora i telefoni di servizio.

La situazione della nostra caserma è pietosa. Perché non pensare di utilizzare anche i fondi del Pnrr o altro per una nuova sede? Per intenderci, potremmo tranquillamente riadattare - era una vecchia ipotesi dell'ex sindaco Giordano, ripresa dal successivo, Vincenzo De Luca - l'ex stabile di Soccorso Amico e prendere là dentro un nuovo comando. Se, a questo punto, bisognerà fare un accordo interforze, si potrebbero dividere le tre zone soggette al controllo (lungomare, Largo Campo, piazza Flavio Gioia) fra Polizia, Carabinieri e Finanza; dall'altro lato prevedere, invece, la nostra competenza fino a mezzanotte sulle altre attività, tipo anche infortunistica stradale.

Oggi, un cittadino che paga le tasse ed ha il passo carrabile occupato non avrà il servizio della polizia municipale. Questa appena passata è stata una domenica da incubo. Noi abbiamo offerto anche una prova di dialogo e di confronto con l'amministrazione, tanto è vero che ci siamo dichiarati disponibili a fare lo straordinario elettorale, ma evidentemente questa nostra disponibilità è stata scambiata per arrendevolezza, quindi a questo punto permane il blocco dello straordinario.

Noi onoriamo le firme, anche se il Comune non le onora, tanto è vero che sono stati variati i servizi domenica scorsa, facendoli terminare alle 22; se andrà avanti così dovremo arrivare solo allo scontro. Infine, ringrazio gli agenti perché hanno rinunciato allo straordinario dopo le 22 e hanno onorato il patto sul blocco previsto con i sindacati. Pertanto, hanno lavorato gratis per la collettività".

Leggi tutto

Redazione Irno24 11/11/2022

Salerno, atti osceni in luogo pubblico a Pastena: fermati anziano e straniero

Questo pomeriggio, su segnalazione di un cittadino, personale della Polizia Municipale di Salerno è intervenuto alle spalle del supermercato Carrefour di Pastena (adiacenze Villa Carrara), dove, su una panchina, due uomini, uno di nazionalità italiana e uno di nazionalità marocchina, stavano consumando atti osceni in luogo pubblico.

I due sono stati fermati e condotti al Comando per gli adempimenti del caso. La persona extracomunitaria, priva di documenti, è stata condotta in Questura per il fotosegnalamento.

Leggi tutto

Redazione Irno24 26/05/2022

Sistemi Salerno rassicura su acqua torbida dopo i lavori dei giorni scorsi

Sistemi Salerno fa sapere che, nella fase di ripristino della fornitura idrica, pur in costanza dei requisiti di potabilità, l’acqua che esce dai rubinetti può presentarsi torbida e opalescente. Il fenomeno è naturalmente superabile lasciando scorrere l’acqua dal rubinetto prima di utilizzarla. Il riferimento è alla recente sospensione idrica che ha interessato diversi comuni salernitani, e il capoluogo stesso, dal 23 al 25 Maggio.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...