Bollettino Campania 28 Marzo, 170 positivi su 1086 tamponi

In totale 1752 tamponi positivi su 11679

Redazione Irno24 29/03/2020 0

Questo il bollettino emesso dall'Unità di Crisi della Regione Campania nella tarda serata di Sabato 28 Marzo. Sono stati esaminati 1086 tamponi, di cui 170 sono risultati positivi. Il totale dall'inizio dell'emergenza parla di 11679 tamponi effettuati, di cui 1752 positivi.

Ecco la ripartizione in dettaglio delle analisi del 28 Marzo

  • Ospedale Cotugno di Napoli: esaminati 426 tamponi di cui 73 positivi
  • Ospedale Ruggi di Salerno: esaminati 242 tamponi di cui 16 positivi
  • Ospedale Moscati di Aversa: esaminati 25 tamponi, nessuno positivo
  • Ospedale Moscati di Avellino: esaminati 117 tamponi, di cui 21 positivi
  • Ospedale San Paolo di Napoli: esaminati 63 tamponi di cui 16 positivi
  • Az. Osp. Federico II di Napoli: esaminati 67 tamponi di cui 13 positivi
  • Ospedale Santa Maria della Pietà di Nola: esaminati 62 tamponi di cui 11 positivi
  • Az. Osp. San Pio di Benevento: esaminati 25 tamponi di cui 10 positivi
  • Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno: esaminati 59 tamponi di cui 10 positivi
Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 15/05/2020

Da Lunedì in Campania sarà possibile raggiungere le seconde case

"In Italia si sta ragionando come l'epidemia non esistesse più - afferma il Governatore De Luca nell'appuntamento in streaming del Venerdì - c'è un crollo generale, psicologico e politico, che va dalle istituzioni ai cittadini. Forse era inevitabile, dopo 2 mesi di chiusura, forse no. Tutta una serie di iniziative hanno contribuito a far scomparire dall'orizzonte la preoccupazione del contagio. Sta di fatto che ad oggi abbiamo un quadro preoccupante: la mancanza generale di controllo in tutta Italia.

In Campania seguiremo la nostra linea: riaprire tutto, ma per sempre. Dobbiamo fare alcune verifiche per capire dopo il 18 cosa succede. Dal 4 sono arrivate dal Nord in Campania quasi 25mila persone, 2mila sono in isolamento, non sappiamo quale sarà l'evoluzione del contagio. Faremo un controllo attento per garantire le massime condizioni di serenità. Manterremo l'impedimento di entrare in Campania, almeno per questo mese, se non per motivi di lavoro e salute. Le misure di controllo, in caselli e stazioni, rimarranno in vigore almeno fino alla fine di Maggio.

La fase 2 è quella più difficile perchè abbiamo mille interessi in campo da governare, senza fare 'ammuina'. L'ammuina la fanno al Nord, il rigore lo facciamo al Sud. Una inversione dei ruoli, sembra impossibile ma è così. Qui la situazione epidemiologica è sotto controllo. Dal 1° Maggio abbiamo un'oscillazione fra 9 e 20 positivi al giorno, con un livello importante di tamponi fatti, 131mila. Oggi la Campania è la regione più efficiente d'Italia. Ma anche la più difficile per densità abitativa. Se perdiamo il controllo in Campania, ci avviamo verso l'ecatombe. Chiedo il doppio di prudenza e senso di responsabilità. Rinnovo l'appello all'uso della mascherina (obbligatoria in Campania, ndr) e alla distanza sociale.

Se dovessimo aprire Lunedì con le attuali linee guida nazionali, il 70% dei ristoranti non potrà aprire. La Campania vuole aprire tutto, ma per arrivare a questo è necessario approvare - a livello regionale - misure diverse, meno restrittive. Per quanto riguarda i ristoranti, ad esempio, vogliamo puntare ad avere la distanza di 1 metro (e non di 2) spalla a spalla, collocando pannelli protettivi (in materiale non poroso) fra un tavolo e l'altro.

E' bene prendersi 2-3 giorni di tempo in più per consentire ai ristoratori di attrezzarsi e permettere alla Regione di approvare misure più flessibili. Dal 18, intanto, ripartono le attività di barbieri, parrucchieri, centri estetici, il tennis e le gare di ippica e moto senza pubblico.

Per le spiagge avremo incontri nei prossimi giorni per trovare anche in questo caso soluzioni più flessibili. La costa campana non è quella emiliana o veneta. Stiamo studiando misure che consentano una ripresa ragionevole, nella sicurezza ma anche con redditività economica degli operatori. Dal 18, inoltre, sarà possibile andare nelle seconde case entro i confini della Campania e sarà consentita la mobilità all'interno della regione".

Leggi tutto

Redazione Irno24 07/03/2021

Bollettino 7 Marzo, in Campania 2560 positivi su oltre 24mila test

L'unità di crisi regionale ha diffuso, come avviene ogni giorno da quasi un anno, il bollettino relativo ai contagi da Covid in Campania. Il bollettino riguarda il 7 Marzo 2021 ma il riscontro temporale, va sempre ricordato, si riferisce alle ore 23:59 del giorno prima (6 Marzo 2021).

- Positivi del giorno: 2560
- Tamponi del giorno: 24393
- Deceduti del giorno: 13
- Guariti del giorno: 385
- Posti letto di terapia intensiva occupati: 145
- Posti letto di degenza occupati: 1396

Leggi tutto

Redazione Irno24 16/10/2020

De Luca: "Oggi 1261 positivi, ci vorranno almeno 20 giorni per gli effetti delle decisioni"

Nel corso dell'appuntamento settimanale in diretta streaming, il Governatore De Luca ha annunciato il bollettino campano del 16 Ottobre: ci sono 1261 nuovi positivi su circa 14mila tamponi. "Quello che decidiamo - ha spiegato De Luca - oggi avrà effetto fra 20 giorni, ma queste decisioni vanno prese oggi. Ai concittadini chiedo di comprendere che le decisioni vengono prese dopo aver riflettuto, confrontato e parlato con tutte le persone responsabili. Quando decidiamo, lo facciamo nell'interesse delle nostre famiglie. E' nostro dovere farlo, e farlo oggi.

Non abbiamo chiuso le scuole, non si blocca la didattica ma diventa a distanza per non avere affollamenti e contenere l'onda di contagio. Era una delle misure necessarie da prendere. Con questi numeri non c'è una priorità, devi prendere 3-4 decisioni che ti aiutano a contenere. E' l'insieme delle decisioni che produce risultati. Consentite aperture fino a mezzanotte per ristoranti, pizzerie e bar che offrono posti a sedere in condizioni di sicurezza. Le attività che non hanno posti a sedere, che lavorano per asporto, ti danno la bevanda e questo determina assembramenti davanti al locale e nelle strade, saranno vietate.

La Movida deve essere bloccata, abbiamo una percentuale di irresponsabili che continua a non capire le cose fondamentali: se vogliamo evitare di chiudere l'Italia è indispensabile usare la mascherina e lavarsi sempre le mani. Decine di ragazzi e ragazze hanno la mascherina sul collo e parlano a mezzo metro di distanza. Ad Halloween, immensa idiozia e stupida americanata che abbiamo importato, un monumento all'imbecillità, si chiude tutto dalle ore 22 e sarà coprifuoco".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...