Bollettino Covid 17 Ottobre, la Campania conta altri 1410 positivi

Occupati 75 posti di terapia intensiva su 110

Redazione Irno24 17/10/2020 0

L'unità di crisi regionale ha diffuso, come avviene quotidianamente da molti mesi a questa parte, il bollettino relativo ai contagi da Covid-19 in Campania. Il bollettino riguarda il 17 Ottobre ma il riscontro temporale, bisogna sempre ricordarlo, fa riferimento alle ore 23:59 del giorno prima (in questo caso 16 Ottobre).

Positivi del giorno: 1410 (Asintomatici: 1343 - Sintomatici: 67)
Totale positivi: 24433

Tamponi del giorno: 14704
Totale tamponi: 751931

Deceduti del giorno: 0
Totale deceduti: 499

Guariti del giorno: 74
Totale guariti: 8254

Posti letto di terapia intensiva occupati: 75
Posti di terapia intensiva disponibili: 110

Posti letto di degenza occupati: 817
Posti letto di degenza disponibili: 840

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 25/06/2020

Fortini: "Piano scuola Miur irricevibile"

“Il Piano Scuola è irricevibile, nel merito e nel metodo”. L’assessore regionale all’Istruzione, Politiche Sociali e Giovanili della Campania Lucia Fortini boccia il documento del Miur. “Abbiamo lavorato anche di notte ma il tempo che ci è stato dato per esaminare e discutere le linee guida attese da mesi era veramente troppo poco, abbiamo chiesto una proroga di 24 ore prima di sottoporlo alla Conferenza Stato Regioni per l’accordo.

Quanto al merito - chiarisce Fortini - non ci sono, nel piano, indicazioni chiare sui tempi, i ruoli e le responsabilità. La posizione della Campania resta dunque molto critica e rigida: abbiamo presentato richieste di emendamenti su questioni per noi irrinunciabili. Innanzitutto l’incremento di organico di fatto per il personale docente e ATA. E’ assurdo, infatti, immaginare il potenziamento dell’organico facendo ricorso a volontari, esperti e associazioni: così si mortifica la didattica, a scuola servono docenti e l’organico va potenziato. Figure esterne possono affiancarlo ma mai sostituirlo.

Chiediamo quindi la proroga, a partire dal primo settembre, di tutti i contratti in essere, per il personale docente e non docente, fino a nuova nomina. Per quanto riguarda il ruolo e le responsabilità degli enti locali - che devono essere espressamente indicati - è inoltre fondamentale stabilire i tempi in cui fare la ricognizione delle criticità e mettere in opera le soluzioni. Ancora, i fondi: servono ulteriori fondi per la formazione e per l’edilizia, visto che la copertura economica per interventi di manutenzione sottrae fondi all’acquisto di DPI e altre forniture e servizi per la ripresa dell’attività didattica previste dalla nota ministeriale 1033 dello scorso 29 maggio, e per l’acquisto di arredi, banchi monoposto e armadi. A tutt’oggi, inoltre, manca una definizione di edilizia leggera”.

Quanto alla data del ritorno a scuola, l’assessore regionale ribadisce che per la Campania, ferma restando la data del voto fissata al 20 e 21 settembre, non potrà essere prima del 23 settembre. A partire dalla fine di agosto, poi, verrà eseguito lo screening con tamponi su tutto il personale scolastico docente e non docente, una popolazione di circa 100mila persone. Si tratta del secondo step di controlli, dopo quelli già eseguiti sul personale coinvolto negli esami di maturità che la Regione Campania, unica in Italia, ha deciso per garantire lo svolgimento in sicurezza dell’attività scolastica.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/06/2020

In Campania 17 nuovi positivi, tensione alle stelle ai palazzi Cirio di Mondragone

Comincia effettivamente a destare preoccupazione la vicenda Mondragone, per quanto riguarda l'epidemia di Coronavirus nella nostra regione. L'Unità di Crisi segnala che giovedì 25 giugno in Campania i nuovi positivi sono addirittura 17, su poco meno di 2mila tamponi analizzati.

Ma la stessa Unità ha precisato che i dati si riferiscono comunque alle ore 22 del giorno precedente. In ogni caso, per quanto riguarda l'emergenza Mondragone, complessivamente finora (dall'inizio dello screening il 20 Giugno) sono stati esaminati 727 tamponi, di cui 43 positivi.

Nel quartiere della località casertana dove alloggiano i cittadini bulgari, ai palazzi Cirio, si è scatenato il malcontento della popolazione, che è in presidio pressochè costante. Tensione alle stelle, anche perchè alcuni dei bulgari avevano provato a violare la quarantena. La Polizia è impegnata ad evitare che la situazione possa degenerare. Il Governatore De Luca ha chiesto ed ottenuto l'esercito.

Leggi tutto

Redazione Irno24 27/06/2020

Campania torna a zero contagi, De Luca: "Focolaio spento con misure tempestive"

Dopo la comprensibile apprensione legata alla vicenda della comunità bulgara di Mondragone, la Campania torna a sorridere. Il bollettino di sabato 27 giugno indica quota zero alla voce nuovi positivi, segno che il focolaio casertano è stato circoscritto e neutralizzato e dunque il bilancio Covid torna ad essere quello tranquillizzante dei giorni scorsi, immediatamente precedenti alla rilevazione dei positivi di Mondragone. Nel dettaglio, l'Unità di Crisi comunica che sono stati eseguiti 3151 tamponi, di cui come detto nessuno positivo, che porta il totale a 276025.

"Per quanto riguarda il focolaio di Mondragone - afferma il Governatore De Luca - nelle cinque palazzine messe in quarantena i casi positivi sono tutti stati trasferiti in strutture sanitarie, e la signora che ha partorito la settimana scorsa, nella struttura ginecologica Covid realizzata al Policlinico Federico II. Cioè in tutte e cinque le palazzine oggi non vi è nessun abitante positivo.

Continuerà nei prossimi giorni lo screening per gli abitanti nelle aree contigue. Sino ad ora, sui 400 tamponi processati - dei circa mille cui si sono sottoposti volontariamente i cittadini - nessun caso positivo. La quarantena durerà fino al completamento dei 14 giorni, nel corso dei quali nessuno dovrà entrare o uscire dalle palazzine in questione.

Al termine della quarantena si ripeteranno i tamponi su tutti i 750 residenti per avere e dare il massimo delle garanzie di sicurezza. Sono state create con misure tempestive e rigorose le condizioni per spegnere immediatamente il focolaio, anche grazie all’intervento massiccio delle forze dell’ordine e dell’Esercito da me richiesto già lunedì scorso".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...