"Voglio un mondo pulito", raccolti 3 kg di mozziconi sul Corso di Salerno

Volontari chiedono al Comune l'installazione di posacenere e cestini

Redazione Irno24 29/05/2021 0

"La situazione delle cicche di sigarette sul corso di Salerno, è agghiacciante. Le cicche in foto sono state raccolte dalla stazione fino a piazza Portanova; 3,1 Kg sembra poco, ma non lo è per dei rifiuti che pesano si e no 0,03 grammi. Chiediamo urgentemente all’amministrazione di non far finta di nulla e installare posacenere e più cestini per la città.

Noi invece cosa possiamo fare? Possiamo acquistare un posacenere portatile (costa davvero poco) e svuotarlo a casa senza inquinare. È ora di cambiare e dobbiamo farlo adesso". Lo scrivono i volontari di "Voglio un mondo pulito" sui social, dopo la raccolta di mozziconi effettuata lungo Corso Vittorio Emanuele.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 29/09/2022

Plastica nella giornata dell'umido, sanzioni a Salerno in zona Irno

Mattinata di controlli, ieri, sul corretto conferimento dei rifiuti nelle zone di Via Vinciprova, Via Settimio Mobilio e Via Irno: insieme agli agenti della Polizia Municipale, il personale di Salerno Pulita ha accertato alcune irregolarità, come il conferimento di plastica ed altro materiale nella giornata riservata alla raccolta dell'umido.

I trasgressori, alcuni condomini privati ma anche alcune attività commerciali, sono stati sanzionati. Il numero delle violazioni, grazie ai controlli e ad una accresciuta sensibilità dei cittadini, sta diminuendo, ma l'attenzione nei confronti dei trasgressori resta sempre alta.

Leggi tutto

Redazione Irno24 08/11/2021

Ecosistema Urbano 2021, l'immobilismo delle città: Salerno scende al 94° posto

Più auto in circolazione e un crollo quasi uniforme nell’utilizzo del trasporto pubblico. Livelli di smog e di perdite lungo la rete idrica che rimangono preoccupanti. Poche note positive che poco incidono sul trend complessivo: tra tutte, l’aumento della raccolta differenziata e dei chilometri di piste e infrastrutturazioni ciclabili.

Nel 2020 segnato dall’emergenza pandemica, i capoluoghi italiani non migliorano le loro performance ambientali: se è vero, infatti, che il Covid-19 colpisce anzitutto le città, modificandone contorni, regole e indirizzi, le emergenze urbane evidenziate negli anni precedenti rimangono le medesime e riflettono un sostanziale immobilismo nelle politiche improntate alla sostenibilità, seppur con qualche importante eccezione e best practice cui guardare per tracciare la rotta del cambiamento su scala nazionale.

È il quadro che emerge dal rapporto Ecosistema Urbano 2021, realizzato da Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore e presentato questa mattina in diretta streaming sui siti di Nuova Ecologia e Sole 24 ORE, sul canale YouTube e sulla pagina LinkedIn di Legambiente.

Il report, pubblicato sul Sole 24 Ore di oggi, prende in considerazione 105 capoluoghi e tiene conto di 18 indicatori riguardanti sei componenti (aria, acque, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia) per stilare una classifica delle performance ambientali delle città: a fronte di un punteggio massimo teorico di 100, la media percentuale totalizzata dai centri urbani nel 2020 rimane ferma al 53,05%, identica a quella della scorsa edizione.

Soltanto Trento supera l’80 percento (84,71%), confermandosi in testa alla classifica generale con un miglioramento delle performance nell’uso di suolo e nelle concentrazioni di NO2 e PM10, un aumento della raccolta differenziata e delle infrastrutture ciclabili; al secondo posto troviamo Reggio Emilia (77,89%) che aumenta lo spazio dedicato ai pedoni e alla ciclabilità (prima in assoluto per piste ciclabili equivalenti) e il numero di alberi piantumati; il gradino più basso del podio è occupato da Mantova (75,14%) che migliora le performance sulla qualità dell’aria, diminuisce le perdite della rete idrica e aumenta la differenziata.

La città di Salerno si colloca nei bassifondi della graduatoria, al 94° posto nazionale su 105 città prese in considerazione (nel 2020 era al 77° posto); Napoli poco più su, pressochè stabile al 91° posto (al 90° nel 2020). Benevento si attesta in 57esima posizione (nel 2020 era 60esima), Caserta in 66esima (nel 2020 era 95esima) e Avellino in 74esima (era addirittura 31esima nel 2020).

LA CLASSIFICA COMPLETA

Leggi tutto

Redazione Irno24 29/04/2022

Ancora rifiuti di ogni tipo nell'umido, l'invito di Salerno Pulita a rispettare la differenziata

"Se vi capita di vedere, per strada, dei sacchetti di rifiuti fuori dall'orario di raccolta, non si tratta di una distrazione dei nostri operatori. Nostro malgrado, anche se in percentuale ridotta, ci sono ancora dei cittadini che all'interno dei contenitori per la raccolta della frazione umida gettano rifiuti di ogni tipo.

E' chiaro che questi sacchetti non possono essere inseriti nella frazione organica, altrimenti ne comprometterebbero la qualità. E' per questo che vi invitiamo ad essere sempre attenti al calendario della raccolta differenziata. Grazie a tutti per la collaborazione". Lo scrive la società Salerno Pulita sui social.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...