Baronissi, completamente riqualificata anche la scuola Cosimato

I lavori hanno riguardato il rafforzamento strutturale dell'immobile

Redazione Irno24 05/01/2021 0

"Dopo tre giorni dalla consegna della Scuola di Aiello, questa mattina abbiamo consegnato alla Dirigente Scolastica, prof.ssa Paola Rosapepe, anche la Scuola Cosimato". Lo fa sapere il sindaco Valiante. "Anche la Scuola di Baronissi capoluogo è stata completamente riqualificata, adeguata alla vigente normativa antisismica e provvista di efficientamento energetico.

I lavori hanno riguardato il rafforzamento strutturale dell’immobile. Nuovi impianti elettrici, idrici, termoidraulici, nuovi pavimenti, infissi interni ed esterni. Consegniamo agli alunni, alle docenti, agli operatori scolastici una scuola più sicura, più funzionale, più vivibile e più attraente.

Un investimento atteso da tanti anni, una data importante per la Scuola e per tutta la città. Tutto pronto per riprendere finalmente le lezioni in presenza fin dal prossimo 11 gennaio".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 20/06/2020

Baronissi, anfiteatro comunale gratuito per gli operatori culturali

L'amministrazione comunale di Baronissi mette gratuitamente a disposizione l'Anfiteatro “Pino Daniele” per tutti gli operatori culturali (cinema, musica, lirica, danza, teatro, laboratori, multimedialità) dal 4 luglio al 27 settembre 2020. La giunta comunale ha deciso di dare un sostegno concreto tutti gli operatori culturali alle prese con la grave emergenza Covid-19.

Le richieste dovranno essere inviate esclusivamente all’indirizzo prot.comune.baronissi.sa@pec.it entro e non oltre le ore 12 del 30 giugno 2020. Eventuali domande pervenute oltre tale data saranno valutate solo in caso di disponibilità della struttura. I soggetti richiedenti dovranno specificare nel dettaglio il programma (con annessa scheda tecnica) che intendono presentare e indicare il periodo nel quale hanno intenzione di svolgere l’evento.

Si precisa che sarà a carico degli organizzatori il rispetto delle misure anti-Covid e in particolare il controllo sul numero degli spettatori che possono accedere all’Anfiteatro, la sanificazione al termine degli spettacoli e l’assunzione della responsabilità civile verso terzi. Nell’ipotesi che gli operatori culturali richiedano l’Anfiteatro nella medesima data si terrà conto dell’ordine di presentazione delle richieste.

Leggi tutto

Redazione Irno24 19/11/2020

Baronissi, Monsignor Farina sarà beato: si attende il decreto di Venerabilità

Monsignor Fortunato Maria Farina, arcivescovo nato a Baronissi l'8 marzo 1881, sarà beato. La Commissione Cardinalizia per le Cause dei Santi si è pronunciata unanimamente favorevole all'eroicità delle sue virtù. È in corso la causa di beatificazione e canonizzazione del Pastore figlio di Baronissi. Ora si aspetta l'emissione da parte del Santo Padre del decreto di Venerabilità.

Mons. Farina ricevette l’ordinazione sacerdotale nel 1904 e divenne parroco della chiesa di S. Agostino a Salerno. Fu vescovo di Foggia per oltre trent'anni: durante il periodo bellico organizzò attività assistenziali per le persone senza casa a causa dei bombardamenti e s'interessò alla ricostruzione della città. Morì a Foggia il 20 febbraio 1954, lasciando fama di santità. Vivo è il suo ricordo a Baronissi.

Leggi tutto

Redazione Irno24 07/04/2021

Ritardi nei vaccini, il sindaco di Baronissi scrive al Prefetto di Salerno

"Signor Prefetto - si legge nella missiva scritta dal sindaco di Baronissi, Valiante - è mio dovere istituzionale oltre che morale rappresentare le molteplici criticità e le numerose difficoltà che connotano il servizio di vaccinazione anti Covid nella nostra Città. Il Comune ha allestito in pochi giorni, e non senza dispendiosi investimenti, un centro di vaccinazione per la popolazione (PVP) seguendo pedissequamente le istruzioni dettate dalla direzione generale dell'ASL.

Il PVP, predisposto presso il Palazzetto dello sport, è rispondente ad ogni misura organizzativa e di sicurezza, conta 8 box vaccinali destinati al servizio non soltanto dei cittadini residenti ma anche della comunità della Valle dell'Irno. Un potenziale notevole che, se organizzato adeguatamente, risponderebbe sicuramente alle esigenze, con il rispetto dei tempi dettati dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Presidente della Regione.

Il PVP di Baronissi ha visto l'apertura ufficiale lo scorso 13 marzo; in circa tre settimane, ha processato un numero di vaccini - e non soltanto per la mancata o scarsa fornitura di siero - certamente inadeguato, incongruo e insoddisfacente. Il personale sanitario messo a disposizione dal Distretto 67 di Mercato San Severino - cui è stata affidata la responsabilità organizzativa - non può che garantire, nella migliore delle ipotesi, l'apertura di 3-4 box vaccinali per un solo turno giornaliero, eccetto che nelle giornate di sabato e domenica; il personale sanitario comandato dal Distretto è infatti impegnato, nel turno antimeridiano, nelle routinarie attività di competenza.

In tale ambito il Comune di Baronissi ha dato e continua a dare ogni disponibilità all'ASL fornendo tutte le risorse necessarie, anche umane, cioè volontari che prestano la propria attività, senza alcun onere economico, preposte ai 4 box di accettazione del PVP. Ha fornito altresì alla Direzione generale dell'ASL un elenco di medici - per lo più pensionati - che volontariamente hanno dato disponibilità al servizio, anche gratuitamente; ha fornito un elenco di circa venti infermieri del presidio ospedaliero Fucito di San Severino disposti a prestare la propria opera al PVP di Baronissi in un turno giornaliero, avvicendando il lavoro ordinario.

Eppure nessuna di queste risorse è stata impiegata, lasciando il servizio in una condizione di lentezza che, in caso di mancata riorganizzazione, non consentirebbe la conclusione delle vaccinazioni - ai soli cittadini di Baronissi - prima di 12-15 mesi. Neppure vi è traccia dei medici di famiglia che pure sono stati - a sentire la stampa - convenzionati per le vaccinazioni. Ed inoltre, malgrado le reiterate richieste alla Direzione generale dell’Asl, alla Direzione sanitaria distrettuale, al Servizio di Prevenzione, non riusciamo a conoscere il numero totale dei vaccini processati, né ovviamente quello delle varie categorie (over 80, 70, operatori scolastici e di polizia, fragili) né riusciamo ad avere informazioni sul numero dei cittadini che non ha richiesto la necessaria registrazione in piattaforma informatica.

Da oltre un mese abbiamo sollecitato il servizio di vaccinazione per gli anziani ospiti della nostra Casa di riposo San Francesco e di processare il vaccino a domicilio a soggetti anziani non deambulanti, eseguito soltanto in minima parte nonostante l'avvenuta registrazione sin dal mese di febbraio. Nulla. Tale situazione di disorganizzazione, di confusione, di incertezza si ripercuote ovviamente sui cittadini sempre più esasperati e preoccupati, il tutto mentre intere famiglie hanno perso il lavoro, commercianti e artigiani rumoreggiano - legittimamente - per aver perso le loro entrate, additando alle Istituzioni i ritardi nella somministrazione dei vaccini che sono, al momento, l'unica via d'uscita dall’emergenza sanitaria ma anche economica.

Signor Prefetto, è solo una parte delle evidenti discrasie che verifichiamo e che, in un contesto di preoccupazione e di tensione sempre più accentuate, sono intollerabili per quanto ci riguarda. Le chiedo, Eccellenza, di convocare un urgente incontro con i rappresentanti della Direzione generale dell’Asl, del Servizio di prevenzione sanitaria, del Distretto sanitario 67, del rappresentate ANCI in seno all’Unità di Crisi regionale, con l'auspicio che si determini al più presto un'inversione di rotta che, nel malaugurato caso non dovesse esserci, porterebbe ad una crisi sempre più generalizzata della nostra comunità".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...