Gli "archi normanni", l'acquedotto medievale di Salerno

Romani e diavoli non c'entrano con le reali origini storiche

Federica Garofalo 06/02/2021 0

Molti pensano che l’imponente acquedotto che svetta tra via Velia e via Arce, volgarmente detto “Ponte dei Diavoli”, sia romano. I Romani, però, non c’entrano nulla, e nemmeno i diavoli che la leggenda vuole lo abbiano costruito in una sola notte, sotto il comando del mago Pietro Barliario. In realtà sono la testimonianza di una città, Salerno, che fin dall’Antichità era nota per essere particolarmente ricca di acque, le cui sorgenti sgorgavano dalle pendici del monte Bonadies e confluivano nel mare affiancando il fiume Irno.

Oggi, molti di questi antichi torrenti sono scomparsi, ma la toponomastica segnala ancora la loro presenza: Fusandola, Lama, Rafastia, Canalone, Mercatello, Mariconda. Tutta questa abbondanza di acqua, e di acqua particolarmente ricca di sali minerali, ha permesso il sorgere di luoghi termali fin dall’antichità romana, e le cui testimonianze sono ancora visibili ad esempio tra San Pietro a Corte e Palazzo Fruscione, e presso l’ex monastero di San Nicola della Palma, ma è stata anche causa di inondazioni e alluvioni che hanno devastato più volte la città, come ad esempio tra IV e V secolo.

Contrariamente a quanto si pensi, la tecnologia di canalizzazione delle acque, e il suo utilizzo per i bagni, non scompare affatto con l’Impero romano. Anzi, in età longobarda, in modo particolare tra X e XI secolo, i documenti ci mostrano che queste falde alimentano canali e mulini, in particolare nella zona orientale di Salerno, per svariate attività economiche, la più famosa delle quali è quella legata alla produzione della ceramica.

Non solo, le carte longobarde ci mostrano fontane e bagni, questi ultimi molto numerosi in città, la maggior parte inclusi in monasteri come quello di San Benedetto e quello San Lorenzo, che le fonti ci dicono addirittura servito da due sorgenti; anche il palazzo di Arechi (San Pietro a Corte) ne è abbondantemente fornito, così come i palazzi nobiliari, come possiamo riscontrare ancora in documenti di XII secolo.

Tra X e XI secolo, durante il regno di Guaimario III e Guaimario IV, Salerno gode di una importanza politica di tutto rispetto, come capitale di un principato che arriva ad estendersi fin quasi alla Calabria, e di una grande vitalità economica, cui si accompagna una fervente espansione edilizia.

È a quest’epoca che risale la prima porzione dell’acquedotto, come attesta un documento del 994; lavoro che sarà poi completato in età normanna, quando, soprattutto dopo la conquista di Salerno da parte di Roberto il Guiscardo nel 1076, lo sviluppo edilizio riprenderà più forte che mai, con la costruzione del Duomo e di Castel Terracena, tanto da cambiare volto alla città. Il poeta Gabriele d’Annunzio, dunque, non aveva tutti i torti a chiamare l’acquedotto “archi normanni”.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 16/08/2021

Napoli: "Bel Ferragosto a Salerno, trend positivo continuerà nei prossimi giorni"

Tanta gente in spiaggia e nei parchi, tutto esaurito nelle strutture ricettive, pienone nei ristoranti e nei locali pubblici, visitatori nelle mostre e nei siti d'arte. Un bel Ferragosto a Salerno, città bella ed accogliente.

Ed il trend positivo continuerà nei prossimi giorni con un bel beneficio per l'economia locale ed il lavoro. La nostra comunità riparte alla grande valorizzando le proprie potenzialità. Grazie alle donne ed agli uomini che in queste torride giornate sono al lavoro per garantire ai concittadini, ai turisti ed ai visitatori delle giornate di piacevole relax e svago.

Rinnovo a tutti l'appello a comportamenti responsabili ed al rispetto delle prescrizioni anti Covid. Abusi e violazioni saranno individuati e puniti. E' quanto si legge su profilo social del Sindaco Napoli.

Leggi tutto

Redazione Irno24 28/11/2021

Allerta meteo prorogata, domani scuole chiuse a Salerno

A causa del perdurare dell'allerta meteo Arancione sulla Campania, fino alle 18:00 di domani, lunedì 29 novembre, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ha disposto per la giornata di domani la sospensione delle attività didattiche di tutti gli istituti scolastici e di tutti i servizi educativi all'infanzia, oltre alla chiusura di parchi, ville, giardini comunali, impianti sportivi e del cimitero comunale.

Leggi tutto

Redazione Irno24 06/07/2021

Salerno, eseguiti lavori di impermeabilizzazione al "Trani"

La Provincia di Salerno ha eseguito presso l'IIS Trani di Salerno i “lavori di manutenzione degli edifici scolastici per aumentare i livelli di sicurezza e fronteggiare l’emergenza da Covid” previsti per le scuole ricadenti nell’Area Centro Nord.

“Al Trani di Salerno - dichiara il Presidente Strianese - abbiamo concluso i lavori di impermeabilizzazione del terrazzo di copertura. Anche questo intervento fa parte dell’appalto complessivo finanziato con fondi del Ministero dell'Interno di cui all'art. 106 del D.L. 34/2020, per un importo pari a 1 milione di euro.

Le attività sono coordinate dal settore Edilizia scolastica e Patrimonio, diretto da Angelo Michele Lizio, con il supporto del consigliere provinciale delegato all’edilizia scolastica, Antonio Sagarese. Per noi è prioritaria la fruizione in sicurezza degli ambienti scolastici con l’obiettivo di tutelare il fondamentale diritto allo studio per i nostri ragazzi”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...