Intimidazioni a familiari Grassadonia, la condanna della Salernitana

La moglie sui social: "Nostra figlia aggredita con spintoni e calci"

Redazione Irno24 09/05/2021 0

"L’U.S. Salernitana 1919 - si legge sul sito ufficiale della società - stigmatizza e condanna i comportamenti intimidatori ed offensivi messi in atto in queste ore da qualcuno nei confronti dei familiari dell’allenatore del Pescara Calcio, il signor Gianluca Grassadonia. Una partita di calcio, pur se importante e decisiva, resta tale e non può scatenare simili manifestazioni di violenza verbale. Tutto deve restare nell’ambito della vicenda sportiva e sul rettangolo di gioco.

Purtroppo, questa è anche la conseguenza di un clima costruito ad arte per generare odio da personaggi di basso calibro che puntualmente pubblicano sul web false notizie. Ci risulta, infatti, da fonti certe che il signor Grassadonia nella sua conferenza stampa non abbia mai fatto alcun riferimento alla Salernitana né parlato della gara in programma lunedì.

Purtroppo, mentre l’U.S. Salernitana 1919 compie il suo massimo sforzo per provare a raggiungere uno storico obiettivo e regalare un’immensa gioia ai suoi tifosi c’è ancora chi infanga il nome del club e della città con manovre subdole ispirate da interessi meramente personali".

Sui social, la moglie dell'allenatore ha scritto: "Dopo cinque giorni di minacce e insulti dirette alla nostra famiglia, la follia consumatasi questa sera è intollerabile. Nostra figlia, appena diciottenne, è stata minacciata e aggredita con spintoni e calci affinché il papà 'capisca'. Tutto questo per una partita di calcio.

Ci auguriamo che questi criminali, ben lontani dall'essere tifosi, vengano identificati al più presto, anche perché questa è la prima volta in cui il bersaglio della violenza è stato un componente della nostra famiglia. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno mostrato solidarietà in queste ore così tristi e concitate, ma ci sembra chiaro, ora più che mai, che la nostra vita continuerà lontano da Salerno. Ci auguriamo che civiltà e rispetto possano divenire prerogativa di tutti".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 14/01/2022

La Salernitana risolve con Fabiani e Bianchi, intanto altri due giocatori positivi

L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver risolto consensualmente il rapporto con il sig. Angelo Fabiani e con il Sig. Alberto Bianchi. Ringraziandoli per il lavoro svolto in questi anni, la Società augura loro le migliori soddisfazioni professionali. Inoltre, il sodalizio granata fa sapere che, a seguito di ulteriori controlli, altri due calciatori sono risultati positivi al Covid-19.

Leggi tutto

Redazione Irno24 24/08/2020

La Salernitana prende dall'Empoli il nazionale albanese Veseli

L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver raggiunto l’accordo con l’Empoli per il trasferimento a titolo definitivo in granata del difensore classe '92 Frederic Veseli. Il calciatore ha firmato un contratto fino al 2022. Veseli è nato in Svizzera ma è naturalizzato albanese: proprio con la nazionale dell'est Europa ha disputato finora una trentina di partite. A livello di club - oltre alle quasi 100 presenze con l'Empoli - ha vestito le maglie di Port Vale, Lugano e Le Mans.

Leggi tutto

Redazione Irno24 12/09/2022

Gol annullato in Juve-Salernitana, Aia: "Camera non fruibile agli arbitri"

In relazione al contestatissimo episodio del 3-2 annullato a Milik in Juventus-Salernitana, da cui è venuta fuori una baruffa mediatica clamorosa, l'Associazione Italiana Arbitri ha emesso un comunicato per porre la parola fine alla vicenda, soprattutto dopo la diffusione sul web di un video che mostrerebbe Candreva ultimo uomo a tenere in gioco Bonucci.

"L'organo tecnico della Can ha visionato le immagini messe a disposizione del Var e dell'Avar per la gara in oggetto, non riscontrando alcuna corrispondenza con il video in questione. L'organo tecnico della Can ha anche chiesto espressamente alla società che fornisce il servizio tecnologico per la Var se la camera in questione, definita tattica, fosse a disposizione degli addetti al Var per la gara disputata allo Juventus Stadium.

La risposta che veniva fornita è che la camera non era a disposizione del Var e pertanto non era fruibile dagli arbitri. Con questo precisato siamo convinti di aver fatto chiarezza sull'episodio occorso".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...