Traffico di droga, metodo mafioso e ricettazione: 26 arresti fra Salerno, Avellino e Firenze

Maxi operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno

Redazione Irno24 19/06/2020 0

Nelle prime ore della mattina, nelle province di Salerno, Avellino e Firenze, circa 200 militari del Comando Provinciale di Salerno, supportati dai colleghi del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano (SA) e del Nucleo Cinofili di Sarno (SA), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare - emessa dal GIP del Tribunale di Salerno, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia - nei confronti di 26 indagati (11 in carcere, 9 agli arresti domiciliari e 6 con obbligo di dimora nel Comune di residenza), gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso e della transnazionalità del reato, detenzione e spaccio di stupefacenti, detenzione e porto abusivo di arma, sostituzione di persona, uso di atto falso, falsità ideologica, favoreggiamento personale, ricettazione, minaccia e danneggiamento seguito da incendio.

I provvedimenti scaturiscono da una vasta ed articolata attività d’indagine avviata dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Salerno nel mese di giugno 2017 sotto la direzione e con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia. L’attività è risultata particolarmente complessa poiché molti dei soggetti investigati, per eludere i controlli, non hanno esitato a ricorrere all’intestazione fittizia di schede telefoniche a persone ignare ed all’utilizzo di smartphone di difficile intercettazione per condurre i loro traffici illeciti, venendo comunque scoperti.

L’indagine ha permesso di ricostruire l’esistenza di un’associazione a delinquere, con ruoli e competenze ben definite, dedita alla commissione dei suddetti delitti - con una disponibilità di notevoli quantitativi di cocaina, hashish, amnèsia e marijuana - che vantava un canale di rifornimento privilegiato con l’Albania e con l’Olanda (con circa 2 kg di cocaina sottoposti a sequestro).

La compagine criminale gravitava attorno alle figure di spicco di Alfredo Cuozzo e Sabato Di Lascio, entrambi pluripregiudicati per stupefacenti e gravi reati contro la persona, i quali, assurti a veri e propri manager del gruppo, promuovevano e dirigevano l’associazione avvalendosi del metodo mafioso, che palesavano sul territorio di Acerno attraverso una serie di gravi minacce (tra cui l’incendio di autovetture), tese ad allontanare spacciatori e organizzazioni rivali.

L’attenzione degli inquirenti è stata rivolta anche al noto pluripregiudicato Ciro Persico, referente dello storico gruppo delinquenziale del centro storico salernitano (recentemente arrestato nell’ambito di una vasta operazione antidroga, che ha permesso di smantellare un gruppo criminale di 38 persone), chiamato - grazie al suo ascendente criminale - a sostenere le attività di spaccio ad Acerno di Dany Dell'Angelo, divenuto contendente del duo Cuozzo-Di Lascio.

Un ulteriore filone investigativo ha riguardato il “broker” salernitano Fiorenzo Parotti, il quale, pur non essendo organico al sodalizio in esame, ne ha condiviso i canali di rifornimento, a dimostrazione di una collaborazione di più ampio spettro nell’ambito del mercato degli stupefacenti in provincia. Oltre ad essere in contatto con gli stessi fornitori albanesi, Parotti è risultato più volte essere sia fornitore di cocaina che cliente di stupefacenti del tipo leggero a favore del gruppo acernese. Il fatturato mensile dell’impresa criminale si aggirava intorno ai 100mila euro.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 09/09/2021

Porta a porta in pandemia, encomio per operatori di Salerno Pulita

"Questa mattina abbiamo consegnato un encomio agli operatori di Salerno Pulita che nel lungo periodo della pandemia hanno effettuato, con grande senso di responsabilità e umanità, il servizio di raccolta porta a porta per quanti si trovavano in quarantena.

A loro va il nostro ringraziamento per aver svolto questo compito con zelo, attenzione ed empatia, anche mettendo a repentaglio la propria salute, pur rispettando tutti i dispositivi di sicurezza. Era doveroso ringraziarli per quanto hanno fatto e stanno facendo in questo periodo durissimo, che speriamo ora di lasciarci definitivamente alle spalle". Lo scrive il Sindaco Napoli sui social.

Leggi tutto

Redazione Irno24 13/09/2021

Arrestato 42enne che derubò cancelliera alla Cittadella Giudiziaria di Salerno

Questa mattina, personale della Polizia Giudiziaria, Aliquota Polizia di Stato, ha arrestato Pietro Immediata, 42enne di Montecorvino Rovella, in relazione al "furto aggravato con destrezza" commesso il 18 Agosto 2021 ai danni di una cancelliera della Cittadella Giudiziaria di Salerno.

In base alle indagini, scattate dopo la denuncia della persona offesa, l'uomo sottrasse il portafogli dalla borsa della donna, lasciata incustodita sulla scrivania della sua postazione.

La verifica dei registri di accesso alla Cittadella e delle immagini delle telecamere di videosorveglianza dei negozi limitrofi ha permesso di appurare che l'uomo si era introdotto in Tribunale alle 10:50 da Via Dalmazia, uscendo dalla stanza della malcapitata (la 314) con in mano un portafogli da donna, poi abbandonato nei pressi di una vicina farmacia, dopo essersi impossessato della somma di 70 euro.

L'uomo non è nuovo a tali reati: gli accertamenti della Polizia hanno rivelato che a Gennaio e Febbraio 2021 aveva derubato un'impiegata dell'Ospedale Ruggi e un Magistrato della medesima Cittadella.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/11/2020

Salerno, lo Stadio Arechi illuminato per omaggiare Maradona

Anche Salerno vuole rendere omaggio a Diego Armando Maradona, scomparso oggi per un arresto cardiorespiratorio. L'assessore allo Sport del Comune, Angelo Caramanno, ha simbolicamente acceso le luci dello Stadio Arechi per ricordare "un genio del calcio, un mito d'oggi, un'icona pop entrata nella storia. Stasera ricordiamo il calciatore, la leggenda. È stato un fenomeno sociologico, un personaggio amato da tutti, al di là della maglia che indossava".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...