Bollettino 22 Aprile, in Campania 8845 positivi su più di 38mila test

Occupati 39 posti in terapia intensiva

Redazione Irno24 22/04/2022 0

L'unità di crisi regionale ha divulgato il bollettino relativo ai contagi da Covid in Campania. I dati si riferiscono al 22 Aprile 2022, ma è importante precisare che il riscontro temporale non va oltre le ore 23:59 del giorno prima (21 Aprile). Su 38552 tamponi complessivi, i nuovi positivi del giorno sono 8845; occupati 39 posti in terapia intensiva.

IL GRAFICO DI IRNO24 CON LA "CURVA" DEI CONTAGI

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 14/12/2021

Bollettino 14 Dicembre, in Campania 1304 positivi su oltre 40mila test

L'unità di crisi regionale ha divulgato il bollettino relativo ai contagi da Covid in Campania. Il bollettino riguarda il 14 Dicembre 2021, ma è importante sottolineare che il riscontro temporale non va oltre le ore 23:59 del giorno precedente (13 Dicembre).

- Positivi del giorno: 1304
- Tamponi del giorno: 40433
- Posti letto di terapia intensiva occupati: 28
- Posti letto di degenza occupati: 381

Leggi tutto

Redazione Irno24 23/01/2022

Bollettino 23 Gennaio, in Campania quasi 12mila positivi su 88mila test

L'unità di crisi regionale ha divulgato il bollettino relativo ai contagi da Covid in Campania. I dati si riferiscono al 23 Gennaio 2022, ma è importante precisare che il riscontro temporale non va oltre le ore 23:59 del giorno precedente (22 Gennaio).

- Positivi del giorno: 11.868
- Tamponi del giorno: 88.285
- Posti letto di terapia intensiva occupati: 99
- Posti letto di degenza occupati: 1.384

IL GRAFICO DI IRNO24 CON LA "CURVA" DEI CONTAGI

Leggi tutto

Redazione Irno24 04/07/2020

Nella nostra regione si torna a scuola il 24 Settembre

In Campania la scuola inizierà il 24 settembre. Una scelta anticipata da tempo dall’assessore regionale all’Istruzione, Politiche Sociali e Giovanili Lucia Fortini, ma fatta ieri dopo il tavolo con i sindacati e le associazioni di genitori. “Una decisione - dichiara l’assessore - presa con rabbia ed amarezza ma non c’era altra possibilità.

Aprire il 14, come ha suggerito la Ministra, e poi chiudere per la preparazione dei seggi elettorali in vista del voto del 20 e 21 settembre, avrebbe significato mandare i ragazzi a scuola per non più di tre giorni, considerato che in tutti gli istituti l’inizio delle lezioni è sempre scaglionato tra le diverse classi.

E questo non è serio, per i docenti, per gli studenti, per le famiglie. Mai come quest’anno, che ha così profondamente ferito il mondo della scuola, il ritorno tra i banchi deve essere un momento solenne. L’istruzione è un diritto e dunque lo Stato ha il dovere di tutelarlo e di garantirne sempre l’esercizio. Anche prima delle elezioni”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...