Buoni spesa a Salerno, situazione fluida: prevale l'invio telematico

Raggiunto l'obiettivo di scongiurare assembramenti presso gli uffici

Redazione Irno24 06/04/2020 0

Prosegue con regolarità, a Salerno, l’arrivo delle domande per i buoni spesa alimentari. Il modello adottato dal Comune sta avendo successo: le operazioni, coordinate dal Sindaco Napoli e dall’Assessore Savastano, si stanno svolgendo senza intoppi e la stragrande maggioranza dei richiedenti (seguendo la raccomandazione della Civica Amministrazione) ha inviato l’istanza utilizzando gli strumenti telematici.

Alle ore 13 odierne sono state inviate 1300 domande all’utenza WhatsApp 3341043709 e 900 alla mail fondosolidalecovid19@comune.salerno.it.

Sono invece 600 le istanze consegnate presso i 12 punti di raccolta del Settore Politiche Sociali e del Terzo Settore (cinquanta pratiche mediamente per ogni ufficio). Si sta così raggiungendo il primo intento: assicurare una distribuzione capillare dei moduli e scongiurare assembramenti presso gli uffici.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 02/12/2020

Quartiere Canalone e Università interessate da nuove corse Busitalia

Busitalia comunica, attraverso il proprio sito, che da venerdì 4 e fino al 7 dicembre 2020 verranno attivate le seguenti corse: Linea 1 corsa feriale delle ore 06:20 Dragonea-Canalone; Linea 1 corsa feriale delle ore 07:10 Canalone-Dragonea; Linea 1 corsa feriale delle ore 07:50 Dragonea-Canalone; Linea 1 corsa feriale delle ore 08:40 Canalone-Vietri (iniz. Costiera);

Linea 1 corsa feriale delle ore 11:55 Vietri (Piazza)-Canalone; Linea 1 corsa feriale delle ore 12:40 Canalone-Vietri (Piazza); Linea 1 corsa feriale delle ore 13:08 Vietri (Piazza)-Canalone; Linea 1 corsa feriale delle ore 13:50 Canalone-Dragonea;

Linea 17 corsa feriale Lun-Ven delle ore 08:50 Fisciano Università-Fuorni capolinea; Linea 36 corsa feriale Lun-Ven delle ore 06:35 Vallo della Lucania-Fisciano Università; Linea 36 corsa feriale Lun-Ven delle ore 13:15 Fisciano Università-Vallo della Lucania.

Leggi tutto

Redazione Irno24 22/02/2021

"Questo non è amore", il bilancio della Questura di Salerno con una storia simbolo

"Questo non è amore" è il titolo della campagna permanente di prevenzione lanciata dalla Polizia, con il coordinamento nazionale della Direzione Centrale Anticrimine, al fine di fornire informazioni alle donne in situazione di rischio, che ha evidenziato che i moventi più frequenti dei femminicidi, infatti, sono la lite e i motivi passionali.

La fascia d’età più colpita è quella dai 31 ai 44 anni, ma nei primi 9 mesi del 2020 si è rivelata quella delle donne over 65 che rappresentano il 30% del totale delle vittime, italiane nell’80% dei casi, mentre, tra le vittime straniere, predominano quelle di nazionalità romena, anche in relazione alla maggior presenza sul territorio nazionale.

Anche gli autori di tali reati hanno un’età compresa tra 31 e 44 anni (39%), in prevalenza sono italiani (74%) e solo il 2% sono minorenni; essi utilizzano, in prevalenza, un’arma impropria, come un coltello o un utensile da lavoro (martello, cacciavite), o un’arma da fuoco, l’asfissia/soffocamento/strangolamento, le percosse. L’azione di contrasto nei confronti della violenza di genere, condotta dal Questore di Salerno, si è svolta non solo con gli strumenti repressivi delle investigazioni e denunce, ma anche attraverso le misure di prevenzione, in conformità a quanto stabilito dalla recente Legge n. 69 del 2019 (cd. CODICE ROSSO).

In tale direzione, il Questore di Salerno ha emanato, nel periodo 1° gennaio 2020/2021, 18 ammonimenti per stalking e 52 per violenza domestica ed avanzato al Tribunale di Salerno, 17 proposte di sorveglianza speciale con applicazione dell’obbligo di soggiorno nei confronti di altrettanti soggetti resisi responsabili dei predetti reati in danno di familiari e/o donne conviventi o ex conviventi.

Ecco un breve racconto di una storia simbolo del dolore che queste donne (e spesso i loro figli) devono subire all’interno delle famiglie: D.M.G., 33enne resosi responsabile di numerosi episodi di maltrattamenti in danno della madre la quale, quasi quotidianamente subiva la violenza psichica e fisica del figlio che, a seguito di discussioni per futili motivi, dava in escandescenza cercando di colpirla e danneggiando la casa, noncurante della presenza della sorella disabile. Più volte, per sfuggire a tali maltrattamenti, la donna era stata costretta ad allontanarsi dalla propria abitazione e ad attendere l’arrivo delle Forze dell’Ordine nelle abitazioni dei vicini.

Allo stesso modo, nel corso degli ultimi anni, il soggetto si è reso responsabile del medesimo reato in danno della compagna convivente nonché madre delle sue due figlie, la quale, ripetutamente e per futili motivi – quali ad esempio l’accusa infondata di avere altre relazioni sentimentali – veniva percossa riportando talvolta lesioni per le quali doveva ricorrere alle cure sanitarie. A carico di D.M.G. è stata irrogata la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale per la durata di anni tre.

Anche a tutela dell’integrità fisica e morale dei minori il Questore di Salerno ha rivolto una particolare attenzione: in tale ambito, ha irrogato la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno per la durata di anni cinque a carico di I.A., 49enne salernitano, responsabile del reato di detenzione di materiale pedopornografico.

Per avvicinare le proprie vittime, pubblicizzava attraverso profili social la propria attività di assistenza ai minori portatori di disabilità e di doposcuola per bambini delle scuole elementari, riuscendo finanche a collaborare con associazioni che organizzano campus estivi. Più volte sottoposto ad indagini, sia in ambito nazionale che internazionale, veniva deferito all’A.G. per essere stato trovato in possesso di ingente quantitativo di materiale pedopornografico che provvedeva a divulgare attraverso i social network.

Leggi tutto

Redazione Irno24 21/05/2020

Spari in centro a Salerno il 5 Maggio, arrestato un 40enne

A conclusione di attività di indagine, gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile hanno eseguito un’Ordinanza Applicativa di Misura Cautelare in Carcere, emessa dall’Ufficio del G.I.P. presso il Tribunale di Salerno, nei confronti di un 40enne residente a Salerno, ritenuto responsabile di aver portato in luogo pubblico un’arma ed aver esploso colpi d’arma da fuoco in direzione della parte offesa più colpi di pistola, minacciandola di morte.

I fatti fanno riferimento alla serata del 5 maggio, nel centro cittadino di Salerno, quando la persona offesa, mentre si trovava a bordo della sua autovettura, nei pressi della sua abitazione, fu avvicinata da una persona a lui conosciuta, giunta a bordo di uno scooter, e fatta oggetto di minaccia mediante l’esplosione di diversi colpi di pistola.

Subito dopo, l’autore del fatto fuggiva a bordo dello scooter e la parte offesa si poneva al suo inseguimento nel vano tentativo di bloccarlo. In quei frangenti l’autore della minaccia esplodeva altri due colpi di pistola, uno dei quali si conficcava nel parabrezza anteriore dell’autovettura.

Le immediate indagini, esperite dalla Squadra Mobile e dagli agenti della Squadra Volanti, riuscivano a ricostruire il fatto di reato e individuarne l’autore. In seguito al rintraccio di questi e alla successiva perquisizione, eseguita anche presso l’abitazione, erano rinvenuti 6 proiettili calibro 7,65.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...