Conte firma il decreto, ecco l'elenco delle attività che proseguono

Il Premier ne aveva anticipato in diretta facebook Sabato 21

Giuseppe Conte (foto dal sito del Governo)

Redazione Irno24 22/03/2020 0

Domenica 22 Marzo, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DPCM che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

Sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 1. Le disposizioni del presente decreto producono effetto dal 23 Marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 Aprile 2020.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 18/03/2020

Follia a Caserta, sputa sulla frutta al market: individuato e denunciato

E' stato immediatamente individuato e denunciato il giovane casertano che si era filmato, "postando" poi il tutto su Instagram, mentre sputava su della frutta in un supermercato della sua città, accompagnando il deplorevole e folle gesto con la sovraimpressione "Infettiamo".

La Squadra Mobile di Caserta lo ha rintracciato presso la sua abitazione, lo ha accompagnato in Questura e denunciato per procurato allarme e inosservanza ai provvedimenti dell'Autorità. Sequestrato anche lo smartphone.

Leggi tutto

Redazione Irno24 08/05/2021

Razzo cinese, impatto nella notte: Campania fra traiettorie ma possibilità remota

Sulla base degli ultimi dati forniti dall'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), durante il nuovo incontro del tavolo tecnico che si è aggiornato nel pomeriggio di oggi presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, si è ridotta la finestra di incertezza relativa al rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore spaziale cinese “Lunga marcia 5B” previsto per questa notte.

Al momento, le tre traiettorie che potrebbero interessare alcuni settori di 9 regioni centro-meridionali italiane (fra cui la Campania) si collocano tra l’01:00 di notte e le 07:30 del mattino ora italiana. Al tavolo tecnico hanno partecipato anche rappresentanti delle Regioni potenzialmente interessate, per la condivisione di analisi e aggiornamenti sull’evoluzione delle operazioni con i territori e con le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile.

È utile ricordare che resta remota la probabilità che uno o più frammenti possano cadere sul nostro territorio. Tuttavia il tavolo tecnico continuerà a seguire l’evolversi della situazione attraverso i dati disponibili fino all’avvenuto impatto al suolo.

"Eventi di questo tipo - fa sapere la Protezione Civile della Campania - e casi reali di impatto sulla Terra, ed in particolare sulla terraferma, sono assai rari e pertanto non esistono comportamenti di autotutela codificati in ambito internazionale da adottare a fronte di questa tipologia di eventi.

Sulla base delle informazioni rese disponibili dalla comunità scientifica è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti comportamenti di autoprotezione qualora si trovi nei territori potenzialmente esposti all’impatto: è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti. Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e porte vetrate;

i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, determinando anche pericolo per le persone. Non disponendo informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono sicuri i piani più bassi degli edifici;

è poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto; alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all’impatto e contenere idrazina. In linea generale, si consiglia a chiunque avvistasse un frammento di segnalarlo alle autorità competenti, senza toccarlo e mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/10/2021

Sole 24 Ore, indice della criminalità: la provincia di Salerno al 44° posto

La provincia di Salerno è al 44° posto nella classifica del Sole 24 Ore che fotografa le denunce registrate (31053 nel caso salernitano, circa 2842 ogni 100mila abitanti) relative al totale dei reati commessi sul territorio nell'anno 2020.

La graduatoria finale, che vede Milano, Bologna e Rimini ai primi 3 posti, è frutto della combinazione di diversi indicatori, fra cui furti, rapine, omicidi, truffe, usura e contrabbando. Nella classifica complessiva, Napoli è al 14° posto, Caserta al 51°, Avellino al 74° e Benevento al 104°.

L'ANALISI COMPLETA

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...