Covid-19, la circolare ai Prefetti sulle misure della "fase 2"

Obiettivo è trovare un equilibrio tra la salvaguardia della salute e le restrizioni

Ministero dell'Interno (fonte sito istituzionale)

Redazione Irno24 03/05/2020 0

On line le indicazioni operative relative al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) 26 aprile 2020 su contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Ne dà notizia il sito del Ministero dell'Interno. Le principali misure, in vigore su tutto il territorio nazionale da domani 4 maggio, sono illustrate nella circolare del capo di Gabinetto ai prefetti del 2 maggio 2020.

L'obiettivo del nuovo quadro di regole è trovare un punto di equilibrio tra la salvaguardia primaria della salute pubblica e l'esigenza di contenere l'impatto delle restrizioni sulla vita dei cittadini, tra il sostegno al riavvio del sistema economico produttivo e la sicurezza dei lavoratori.

LA CIRCOLARE

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 08/08/2020

I truffatori non vanno in ferie, come difendersi dai raggiri informatici

Nell’ultimo periodo gli Istituti di credito sono entrati nelle nostre abitudini quotidiane per le operazioni di home banking. E’ importante però - raccomanda la Polizia Postale - non abbassare mai la guardia per proteggere i tuoi dati bancari come il PIN dei canali diretti e delle carte, il numero della tua carta di credito e del tuo cellulare. Basta prestare alcune attenzioni alle tue attività online.

Prima di tutto, ricordati che: gli Istituti di credito non ti contattano mai via telefono, email o sms per chiederti di fornire o confermare i tuoi dati bancari o personali. Le credenziali per l’accesso (Numero Cliente, PIN o OTP) potrebbero essere richieste soltanto nel caso in cui sia tu a contattare la Banca. Diffida sempre di chi lo fa, anche se si tratta di imprese, istituzioni o persone che ti sembrano familiari. Inoltre, ti ricordiamo che gli Istituti di credito non utilizzano WhatsApp per le comunicazioni ai propri clienti.

Un altro aspetto fondamentale è saper riconoscere i tentativi di truffe informatiche, ecco alcuni esempi di frodi e minacce.

PHISHING: è una tipologia di frode online molto frequente, messa in atto da malintenzionati che contattano gli utenti tramite telefonate, e-mail, SMS, WhatsApp, o finte PEC che chiedono di fornire o confermare i dati bancari e personali: al destinatario viene richiesto di fornire o confermare dati come Numero Cliente e PIN dell’account bancario, codici di sicurezza della carta di credito o altre informazioni personali. Una volta acquisiti questi dati, i malintenzionati possono utilizzarli per effettuare operazioni fraudolente.

SIM SWAP: il tuo numero viene trasferito su un’altra sim per appropriarsi dei tuoi dati di accesso bancari ed altro.

SITI BANCARI FALSI: tramite una mail vieni indirizzato verso un sito fraudolento del tuo Istituto bancario per rubare le tue credenziali e dati bancari.

MONEY MULING: con una proposta di lavoro online, via mail o di personam il tuo conto corrente diventa canale di riciclo di denaro illecito.

TRUFFE SUL TRADING: tramite una telefonata ricevi ottime proposte di investimento, peccato però che le chiamate arrivino dai truffatori.

CARTE DI CREDITO E ACQUISTI ONLINE: basta un’email, una telefonata o un sito e-commerce falso per effettuare acquisti non voluti.

Leggi tutto

Redazione Irno24 22/03/2020

Conte firma il decreto, ecco l'elenco delle attività che proseguono

Domenica 22 Marzo, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DPCM che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

Sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 1. Le disposizioni del presente decreto producono effetto dal 23 Marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 Aprile 2020.

Leggi tutto

Redazione Irno24 03/01/2021

Campagna malware "Emotet", l'avviso della Polizia Postale

E’ in corso una massiccia campagna di diffusione del malware “EMOTET” attraverso mail che sembrerebbero provenire da caselle riconducibili al dominio @istruzione.it, con un allegato in formato Zip protetto da password (presente nel testo della mail), da scaricare. Lo rende noto la Polizia Postale.

Il trojan ha diverse finalità tra cui, in via prioritaria, l’accesso a contatti ed informazioni personali anche di tipo bancario. Si consiglia: di non scaricare allegati; di tenere sempre aggiornato il proprio antivirus; di effettuare una scansione dei propri dispositivi; di modificare le credenziali di accesso ai servizi online utilizzati.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...