Maxi sequestro di mascherine non a norma al porto di Salerno

I prodotti irregolari all'interno di un container proveniente dalla Cina

Redazione Irno24 22/10/2020 0

Nei giorni scorsi, durante le ordinarie attività di controllo finalizzate al contrasto dei traffici illeciti, i Funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Salerno ed i Finanzieri del Comando Provinciale hanno sequestrato, all’interno del porto, oltre 500mila mascherine protettive, non potendone confermare i requisiti essenziali di salute e sicurezza stabiliti dalla normativa europea.

I prodotti irregolari, rinvenuti all’interno di un container proveniente dalla Cina, erano destinati ad una società laziale di commercio all’ingrosso; lo smercio è stato però impedito dall’intervento delle Fiamme Gialle della 2a Compagnia di Salerno, impegnate in un’attenta analisi dei rischi riguardante la vendita dei dispositivi di protezione, proprio in ragione della delicata funzione assolta da questi presidi individuali nell’attuale fase di emergenza sanitaria.

Sono state rinvenute, durante l’ispezione, centinaia di scatole contenenti mascherine protettive modello “FFP2” che, a prima vista, sembravano del tutto a norma, essendo munite del previsto marchio “CE”, obbligatorio per la commercializzazione e l'utilizzo nel territorio dell'Unione Europea. I successivi approfondimenti hanno però portato i militari ed i Funzionari doganali a scoprire la falsità della marcatura “CE” apposta.

L’attestazione di conformità, alla quale è subordinata l’applicazione del marchio comunitario, era stata sì rilasciata dal competente organismo europeo (il cd. ente “notificato”), ma quest’ultimo aveva espresso quel parere positivo con riferimento ad una partita di mascherine chirurgiche. Si trattava, quindi, di dispositivi del tutto diversi da quelli bloccati in dogana. L’azione congiunta dei militari e dei Funzionari doganali ha condotto al sequestro penale dell’intero lotto di merce, un totale di 552mila dispositivi di protezione, del valore di quasi un milione e mezzo di euro, impedendone l’immissione sul mercato.

Su delega della Procura di Salerno, le ricerche per ricostruire la filiera distributiva sono proseguite con interventi presso tre punti vendita della società importatrice, a Roma e provincia, nonché presso la sua sede legale, a Latina, dove i Finanzieri ed i Funzionari doganali hanno trovato ulteriori 116 mascherine, in questo caso del tutto sprovviste dei certificati di conformità. Il titolare dell’impresa importatrice è stato denunciato per vendita di prodotti industriali con segni mendaci e rischia fino a due anni di carcere, oltre alla multa fino a 20mila euro.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 20/08/2020

Non vuole pagare e aggredisce poliziotti al supermercato, arrestato a Salerno

Gli Agenti della Polizia di Stato hanno arrestato in flagranza di reato, a Salerno, una persona ritenuta responsabile di lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale. Gli Agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso, nel corso dell’attività di controllo del territorio, nel pomeriggio di ieri, 19 Agosto, a seguito di chiamata al 112, sono intervenuti presso un supermercato cittadino della LungoIrno per una segnalazione di un soggetto violento.

Giunti sul posto, gli agenti hanno sorpreso un giovane che, all’interno del supermercato, pretendeva di non pagare una bottiglia di birra, adducendo di non avere il denaro necessario per acquistarla. Inoltre, lo stesso iniziava ad inveire e minacciare uno degli addetti del supermercato.

L’equipaggio della Volante ha proceduto all’identificazione dell’uomo, che tuttavia ha reagito scompostamente andando in escandescenza, minacciando ed oltraggiando gli operatori in divisa con frasi ingiuriose. Subito dopo lo stesso giovane, di robusta corporatura e di alta statura, ha provato a guadagnarsi la fuga spintonando gli agenti ma è stato bloccato immediatamente dalla pattuglia. Ha collaborato anche un altro agente della Polizia che, libero dal servizio, si trovava già all’interno del supermercato al momento dei fatti. Nella circostanza, uno degli agenti delle Volanti ha riportato leggere contusioni.

Il soggetto è stato accompagnato in Questura per l'identificazione: si tratta di un 20enne nigeriano con numerosi precedenti, irregolare sul territorio nazionale. L’uomo è stato arrestato e posto a disposizione del pubblico ministero che ne ha disposto la traduzione in carcere, in attesa del rito di convalida.

Leggi tutto

Redazione Irno24 19/02/2021

Salerno, GdF sequestra più di 80mila articoli di Carnevale contraffatti

In occasione del Carnevale, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno ha intensificato i servizi per il contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale, predisponendo un apposito piano di controlli, che ha portato al sequestro di oltre 110.000 prodotti non a norma.

Nel corso degli interventi, le Fiamme Gialle hanno individuato gli “anelli deboli” di alcune filiere distributive dell’Agro nocerino-sarnese e del salernitano, che vendevano oggettistica di vario genere priva del marchio “CE” e della necessaria descrizione in lingua italiana.

Solo nel capoluogo, in due distinte operazioni, sono stati cautelati circa 82.000 tra vestiti, maschere, cappelli e giochi, come pure detersivi e prodotti per l’igiene e la cura della persona, senza alcuna indicazione in ordine alla provenienza ed alle essenziali caratteristiche merceologiche. Risultati analoghi sono stati conseguiti anche nel Cilento.

I militari hanno immediatamente provveduto al ritiro dal mercato dei prodotti, potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori, sottoponendo a sequestro amministrativo un totale di oltre 110 mila pezzi, che con la vendita al dettaglio avrebbero fruttato diverse migliaia di euro. I titolari degli esercizi coinvolti sono stati intanto segnalati alla Camera di Commercio di Salerno, competente per l’irrogazione della specifica sanzione amministrativa, che può arrivare fino a 30.000 euro.

Leggi tutto

Redazione Irno24 09/11/2020

Ok a prolungamento pista Aeroporto, il sindaco di Salerno: "Volàno ripresa economica"

"In un momento così difficile arriva un'ottima notizia che porterà un importante contributo economico ed occupazionale e aiuterà la ripresa di tanti comparti a Salerno e provincia. La positiva pronuncia del Consiglio di Stato consente, finalmente, di procedere ai lavori di allungamento della pista dell'Aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi.

L'attesa decisione conferma la validità di tutto il procedimento amministrativo, sotto gli aspetti ambientali, logistici ed economici. Adesso al lavoro, senza perdere un minuto, per completare quest'opera strategica per Salerno, la Campania e l'Italia.

Questo scalo, integrato nel sistema aeroportuale campano realizzato dalla Regione, sarà uno dei volani della ripresa economica del nostro territorio e più in generale dell'Italia nel comparto turistico, manifatturiero ed agroalimentare. E' una fase tremenda, ma noi non ci facciamo abbattere e continuiamo a lavorare per le imprese, il lavoro e le famiglie". Lo dichiara in una nota il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...