Operai senza casco a Matierno, l'affondo Filp Cisal: "Si continua a trascurare sicurezza"

"Per l’emergenza sanitaria non si possono tralasciare il resto dei problemi"

Redazione Irno24 10/04/2021 0

"Non sono bastate cinque vittime sui luoghi di lavoro in questi primi mesi del 2021 in provincia di Salerno. Mentre in prefettura si 'gioca' a fare i simposi sul nulla, le istituzioni non fanno rispettare le più elementari norme di sicurezza sui luoghi di lavoro alle aziende a cui affidano le proprie attività di manutenzione. Succede ancora una volta a Salerno, dove il Comune autorizza altri lavori alla pubblica illuminazione in totale insicurezza.

In piena emergenza sanitaria, con il lavoro che andrebbe salvaguardato, si tratta di uno schiaffo ai tanti operai messi a rischio da una politica scellerata. Spero che i dirigenti della Prefettura si sveglino da questa fase di perenne stand-by, iniziata con la pandemia, e facciano qualcosa di concreto. Bene le misure sulle vaccinazioni Covid e le attività per frenare i contagi in provincia. Ma esiste anche chi va avanti con difficoltà, chi ha ancora un lavoro ed è costretto a operare in condizioni davvero indegne".

Così Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, denuncia il caso di un operaio sprovvisto di caschetto di protezione mentre è intento a lavorare a diversi metri di altezza per la manutenzione alla rete di pubblica illuminazione a Salerno, in via degli Etruschi, nella frazione Matierno.

“Sarò ripetitivo, ma spero che il sindaco e l’intera classe politica che amministra il Comune di Salerno possano prendere le distanze da un’immagine che nel 2021 fa davvero rabbrividire - ha detto - Celebriamo le vittime di incidenti sul lavoro e poi non evitiamo che si operi senza le più elementari norme di sicurezza. So già che sentiremo usare il solito politichese che il Comune non ha responsabilità e che è colpa della ditta.

Per questo mi auguro che il sindaco Napoli possa chiedere la revoca dell’appalto per quella che deve ritenersi una grave inadempienza. Per l’emergenza sanitaria non si possono tralasciare il resto dei problemi. Infine, mi chiedo anche cosa stia facendo l'opposizione in consiglio comunale. Al netto delle tribune politiche a pagamento, dove pontificano cercando di giocare al 'Monopoli' per le prossime elezioni, la loro presenza è impalpabile. E questo i salernitani lo hanno capito".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 03/10/2021

Comunali, affluenza Domenica ore 23: Salerno 46%, Fisciano 53%, Siano 61%

In crescita rispetto al primo rilevamento l'affluenza alle urne a Salerno città, dove alle 23 di Domenica 3 Ottobre ha votato il 32.23% degli aventi diritto (pari a 52276 elettori su 112319). Alle ore 19 aveva votato il 32.23%, l'equivalente di 36198 elettori su 112319.

A Fisciano e Siano, comuni della Valle dell'Irno chiamati ad eleggere il primo cittadino, alle 23 di Domenica ha votato, rispettivamente, il 53.43% (36.94% alle 19) e il 60.73% (il 46% alle 19) degli aventi diritto. Considerando Salerno e provincia, l'affluenza di Domenica ore 19 si attesta al 47.44% (34.40% alle 19).

I DATI A SALERNO E PROVINCIA

Leggi tutto

Redazione Irno24 19/08/2020

Finta mail dall'Inps su divergenze pagamenti per sottrarre dati sensibili

E’ in corso un tentativo di truffa tramite mail di phishing finalizzata a sottrarre fraudolentemente dati sensibili, con la falsa motivazione che sono state trovate divergenze sui pagamenti dei contributi previdenziali. Lo rende noto la Polizia Postale.

Trattandosi di mail dal contenuto inaffidabile ed ingannevole, è consigliabile non dare alcun seguito, non cliccare su link e non fornire alcun dato personale. Si ricorda che le informazioni sulle prestazioni Inps sono consultabili esclusivamente accedendo direttamente dal portale www.inps.it e che l’Inps, per motivi di sicurezza, non invia in nessun caso mail contenenti link cliccabili.

Leggi tutto

Redazione Irno24 13/09/2021

Stabilite due fasce orarie per l'ingresso a scuola a Salerno e provincia

Nella mattinata odierna si è nuovamente riunito il “tavolo di coordinamento scuole/trasporti”, convocato dal Prefetto Russo – in modalità “videoconferenza” – in linea di continuità con la riunione svoltasi la scorsa settimana.

All’esito dell’odierna riunione, si è concordato di effettuare un'ulteriore modifica, tenendo conto del ritorno alla didattica “in presenza” al 100%, secondo la quale l’ingresso a scuola degli alunni è stato articolato in due fasce orarie: ore 8:00, il 50% della popolazione studentesca, e ore 9:00 con l’ulteriore 50%, eliminando ogni riferimento alla distribuzione delle classi nelle rispettive fasce orarie demandato all’autonoma valutazione del singolo scolastico.

Le aziende di trasporto intervenute hanno manifestato la massima disponibilità a garantire i servizi secondo il nuovo riparto e ad adeguarsi in corso d’opera agli aggiustamenti che si riterranno necessari. Il Prefetto ha ribadito che l’attenzione sulla problematica è alta e che il “tavolo” continuerà a monitorare l’evoluzione della situazione.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...