Polstrada Salerno scopre officina di auto rubate, denunciato il titolare

Rinvenuti 8 motori con numero di serie abraso

Redazione Irno24 03/10/2020 0

Gli uomini del Commissariato di Polizia di Nocera Inferiore e della Stradale di Salerno sono intervenuti in un deposito di San Valentino Torio, adibito a vera e propria officina non autorizzata dove erano presenti autovetture rubate parzialmente smontate nei relativi componenti.

Gli agenti hanno identificato l’utilizzatore del deposito, un 57enne del posto, cogliendolo in possesso di un’auto priva di targa, parzialmente smontata nei pezzi di ricambio e che, dagli accertamenti effettuati, è risultata rubata in provincia di Napoli. Durante l’operazione è stato constatato che il deposito, di circa 90 mq, era fornito di telai ed altre parti di auto, la maggior parte dei quali appartenenti ad utilitarie Fiat.

Nel medesimo deposito, sono stati rinvenuti, inoltre, impianti stereo, tappezzerie, pneumatici, sistemi per l’abitacolo, scatole del cambio e ben 8 motori, 5 dei quali con il numero di serie abraso. Ulteriori accertamenti hanno verificato che i pezzi appartenevano ad auto oggetto di denunce di furto presentate presso gli Uffici di Polizia di Salerno e Napoli. Il 57enne è stato deferito per ricettazione, mentre i depositi e tutto il materiale rinvenuto sono stati sequestrati. Sono in corso ulteriori indagini per identificare eventuali collaboratori del denunciato.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 15/10/2020

"Agriturismi fantasma", frode alla UE: denunciati 3 imprenditori agricoli salernitani

Al termine di un’indagine per il contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno denunciato tre imprenditori agricoli per aver indebitamente percepito fondi europei per un importo che supera i 500mila euro.

Per ottenere gli incentivi, gli indagati, operanti nel salernitano, avevano infatti dichiarato alla Regione, ente responsabile della concessione dei benefici, di aver sostenuto le spese per il rifacimento di vecchi casolari di campagna, che avrebbero, a loro detta, adibito ad alloggi e sale ristorative con cui diversificare ed ampliare l’oggetto delle proprie imprese agricole.

I contributi, stanziati a fondo perduto dall’U.E. per il rilancio dell’agricoltura nell’entroterra, erano appunto destinati alla ristrutturazione di fabbricati rurali, per agevolare l’avvio e l’esercizio di attività agrituristiche, in grado di attirare una maggiore clientela e di portare ad un incremento del fatturato aziendale. Dalla documentazione acquisita e dal confronto con i progetti presentati è subito saltato all’occhio degli investigatori, però, il disallineamento tra quanto attestato dai richiedenti per aggiudicarsi i sussidi e il reale stato di avanzamento dei lavori.

I sopralluoghi delle Fiamme Gialle presso le strutture hanno poi confermato che gli imprenditori - peraltro sprovvisti dei requisiti di “coltivatori diretti”, necessari per l’accesso alle agevolazioni - non avevano rispettato l’impegno assunto di avviare nuovi agriturismi, essendosi limitati a ristrutturare i vecchi ruderi di proprietà per scopi privati (sostanzialmente, sistemare la casa di villeggiatura).

E’ scattata così, dopo le indagini del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Salerno, la segnalazione alla Procura per l’indebita percezione degli aiuti comunitari e la truffa perpetrata ai danni del bilancio dell’Unione Europea. Accanto al procedimento penale, corre parallelo quello amministrativo, che comporta l’obbligo di restituire le somme illecitamente intascate, con in più una pesante sanzione amministrativa. Il tutto, per un ammontare complessivo che raggiunge il milione di euro.

Leggi tutto

Redazione Irno24 03/01/2021

Aggredita giornalista Volpe, aveva chiesto ad avventori bar di mettere la mascherina

"Piena solidarietà, mia e della Civica Amministrazione - scrive il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli - alla giornalista Ketty Volpe, vittima di una brutale aggressione. Ketty Volpe aveva chiesto a due avventori di un bar di indossare la mascherina anti Covid.

La giusta richiesta ha scatenato la reazione violenta dei due avventori, che hanno colpito la donna. Un episodio delinquenziale ed incivile che dovrà esser punito severamente. Saremo al suo fianco per un pieno accertamento dei fatti e la conseguente sanzione a carico dei due responsabili. Un affettuoso saluto anche al marito Enzo Todaro, Presidente AGS, che era in sua compagnia al momento dell'accaduto".

Leggi tutto

Redazione Irno24 27/08/2020

Salerno, tavolo in Prefettura sul trasporto pubblico in vista del ritorno a scuola

Si è insediato stamane, 27 agosto, il “tavolo permanente” costituito dal Prefetto di Salerno Francesco Russo per affrontare il tema del trasporto pubblico locale in vista della prossima riapertura delle scuole e della necessità di riorganizzare i servizi di trasporto tenendo conto dell’incremento di passeggeri e nel rispetto delle misure anti-Covid.

Il confronto ha visto coinvolti tutti i principali interlocutori: la Regione, rappresentata dal Presidente della IV Commissione Trasporti Luca Cascone, il Comune e la Provincia e di Salerno - presenti il Sindaco Napoli, accompagnato dal Comandante della Polizia Municipale Vecchione, e il Dirigente del settore Viabilità della Provincia Ranesi - i vertici aziendali di BUSITALIA, SITA, COSAT e SCAI-Gruppo Buonocore e le Organizzazioni Sindacali di categoria FILT-CGIL, FIT-CISL, UIL-Traporti, UGL e FAISA-CISAL.

In un clima di serena collaborazione e con l’obiettivo comune di non lasciarsi trovare impreparati nelle prossime settimane, le aziende che gestiscono i servizi di trasporto e le sigle sindacali hanno espresso la comune preoccupazione dovuta all’incertezza per la ripresa delle attività didattiche. In particolare, è emerso che la provincia di Salerno ha fatto registrare, in tempi recenti, un notevole incremento nei flussi di studenti che si muovono quotidianamente, anche da province confinanti come l’area napoletana/vesuviana, in direzione degli Istituti scolastici e dei principali Atenei campani, con il raggiungimento, in tempi ante-Covid, della soglia di “pieno carico” sugli autobus.

Pertanto, qualora le attività scolastiche/universitarie dovessero riprendere con le ordinarie modalità, potrebbero verificarsi delle difficoltà per le aziende nel soddisfare la domanda pienamente e senza disagi all’utenza.

Al riguardo, il Presidente Cascone, nel sottolineare come il tema sia oggetto di costante confronto in sede di Conferenza Stato-Regioni, dove si stanno formulando diverse ipotesi per consentire la ripresa in sicurezza delle attività didattiche - tra le quali la possibilità di avvalersi del “Noleggio con Conducente” (NCC) per assicurare servizi di trasporto aggiuntivi, differenziare gli orari di ingresso/uscita nelle scuole, utilizzare dei “separatori” all’interno dei bus per rispettare il distanziamento sociale - ha assicurato la massima attenzione e disponibilità della Regione sull’argomento, preannunciando una prossima riunione con i gli Enti Locali, le Aziende e le Organizzazioni sindacali.

Il Sindaco Napoli, a proposito della diversificazione degli orari di accesso alle scuole, ha ampliato l’oggetto della discussione estendendolo anche agli orari di accesso agli uffici/luoghi di lavoro e alla necessità di conciliare i diversi aspetti per venire incontro alle esigenze dei nuclei familiari. Il Prefetto Russo, nel raccogliere i contributi dei presenti, ha sottolineato che “sin dalla ripresa delle attività produttive nella fase 2 dell’emergenza Covid il tema dei trasporti ha rappresentato uno degli argomenti più complessi da affrontare.

Ora, nell’imminenza del nuovo anno scolastico, occorre adottare tutte le misure necessarie a garantire una gestione controllata sia dei flussi di viaggiatori, attraverso l’introduzione di sistemi di prenotazione, sia degli orari di accesso alle scuole e agli uffici pubblici”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...