Salernitana in A, riconoscimento da parte del sindaco Napoli

"Momento di gioia che inorgoglisce tutti noi"

foto Massimo Pica

Redazione Irno24 14/05/2021 0

"Una giornata tanto attesa quella di oggi per Salerno e la sua squadra. Lo Stadio Arechi ospiterà la cerimonia (a porte chiuse) per la promozione in Serie A della Salernitana. Per l'occasione, consegnerò un riconoscimento per ringraziare la squadra granata, la sua dirigenza e lo staff tecnico. Sono certo che tutta la città sarà idealmente presente a questo momento di gioia che inorgoglisce tutti noi.

Purtroppo, a causa del Covid, non si potrà festeggiare come la circostanza meriterebbe. È necessario un ulteriore sforzo per contenere i contagi, rispettando le norme. Confido nel senso di responsabilità e rigore di ognuno di noi. Avremo modo di far sentire alla Salernitana la nostra vicinanza e gratitudine quando le circostanze lo permetteranno". Lo scrive il sindaco Napoli.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 26/05/2021

Addio a Tarcisio Burgnich, vinse tutto con l'Inter e nel '92 allenò la Salernitana

Il mondo del calcio dice addio a Tarcisio Burgnich, la "Roccia". E' scomparso all'età di 82 anni. Fu difensore della Grande Inter di Angelo Moratti ed Helenio Herrera, con cui vinse praticamente tutto. Prese parte a quella che fu ribattezzata la "partita del secolo", la semifinale Italia-Germania 4-3 ai Mondiali del '70, segnando anche la rete del momentaneo 2-2 nei tempi supplementari.

Oltre vent'anni dopo, da allenatore, nel campionato 91-92, fu chiamato a guidare la Salernitana dopo l'esonero di Simonelli. Burgnich fece un ottimo lavoro, risollevando la squadra e centrando il 5° posto alla pari con Ischia e Catania.

"L’U.S. Salernitana 1919 e la Salerno sportiva tutta - si legge in una nota del club - si stringono attorno al dolore che ha colpito il mondo del calcio italiano per la scomparsa di Tarcisio Burgnich, campione indiscusso che allenò i granata nella stagione 1991/92".

Leggi tutto

Redazione Irno24 12/05/2021

L'imprenditore Snichelotto: "Pronto a dare una mano per acquisizione Salernitana"

Mentre si rincorrono le voci sul possibile assetto societario della Salernitana, in vista del prossimo campionato di serie A e alla luce della norma che vieta la multiproprietà, va registrato l'appello dell'imprenditore Luigi Snichelotto, presidente AssoMiMe (Mezzogiorno Italia Mediterraneo Europa):

"Una grande gioia rivedere la Salernitana tornare in serie A dopo più di 23 anni. Un’emozione, un orgoglio per tutti noi: cittadini, tifosi, sportivi, istituzioni, imprese. Una gioia fortissima che, per un attimo, ha trasportato la mente lontana dalle difficoltà che hanno attraversato tutti noi negli ultimi 15 mesi, fatti di restrizioni, chiusure e sacrifici indescrivibili. È un legame inscindibile con la città di Salerno.

Sono arrivato a Salerno molto giovane ed ho imparato ad amarla, a riconoscermi e ad identificarmi in una città che mi ha accolto, strettamente intrecciata con la storia familiare di mia moglie. La Salernitana in Serie A è un bene per tutti e di tutti, dei tifosi e dell’intero territorio. Un club calcistico in Serie A porta con sé significati e connotazioni differenti: può voler dire attrarre, ospitare, ristorare. L’intero territorio salernitano e regionale vedrebbe, così, una nuova possibilità di ripresa e sviluppo. Senza considerare il rafforzamento della nostra identità cittadina, provinciale e regionale in un Meridione che da troppi anni attende opportunità di riscatto.

Salerno è una città meravigliosa, sanguigna, fatta di gente coraggiosa ed operosa. Quindi, penso e propongo una riflessione, spero non troppo utopica, non conoscendo i termini economici e valutativi della cessione, che ritengo molto onerosi ed alla portata di soli pochi facoltosi, e lo faccio in punta di piedi e nel totale rispetto dell’attuale proprietà del club e di tutta la sua famiglia, a cui vanno riconosciuti i meriti di questo storico traguardo.

In sintesi, penso che si potrebbe considerare la possibilità di una partecipazione collettiva dal territorio, per creare tutti insieme un gruppo di persone che possano mettere le proprie disponibilità per raggiungere una cifra che possa consentire l’avviamento e il consolidamento di questa operazione, aiutati da ottime banche locali e presenti in tutto il territorio e, non ultime, le istituzioni che governano il territorio.

Una sorta di azionariato diffuso, con regole, meccanismi ed aspetti organizzativi e gestionali da definire, tutto ciò cercando di recuperare quello spirito di partecipazione sportiva che ci fu insegnato storicamente e che negli ultimi decenni si è andato sempre più sbiadendo, lasciando il posto al denaro e alla speculazione che oramai la fanno da padrone in troppi campi dell’intelletto umano. La Salernitana porterà in alto il nome di Salerno, della Campania e del Meridione favorendo lo sviluppo economico, spero per lungo tempo. Sono pronto e propongo un progetto di ampio respiro che cerchi di fare della Salernitana un team competitivo, con una formula 'solidale'.

Per questo lancio un appello a tutti gli altri imprenditori salernitani e campani a creare una cordata tesa all’acquisizione del club: tutti insieme, per rilevare la società. Creare una rete di imprenditori, senza scopi speculativi, ma spinti solo dal senso di responsabilità. Un network fondato sul concetto di solidarietà, di vicinanza alla città, per restituire ai territori parte del sostegno che ciascuno di noi riceve da essi. Un team coeso, per fare in modo che la vittoria non vada dispersa con possibili acquisizioni estere (come spesso accade nel mondo del calcio), ma rimanga ancorata alla città, al territorio, per preservare l’identità collettiva e la storia della Salernitana. Io ci credo. Chiedo agli imprenditori di crederci per dar vita a una cordata virtuosa che possa disegnare il futuro della Salernitana. Insieme possiamo farcela".

Leggi tutto

Redazione Irno24 03/06/2020

Nel fine settimana del 21 Giugno riparte la B, Salernitana all'Arechi col Pisa

Assemblea di Lega B in videoconferenza. Via libera, come richiesto dalla Federazione, alle 5 sostituzioni da distribuire in un massimo di tre momenti durante la gara e stilate inoltre le date del calendario per la ripartenza del campionato, prevista per il weekend del 21 giugno con il recupero della 6a di ritorno fra Ascoli e Cremonese fissato il 17 giugno. La Salernitana affronterà all'Arechi il Pisa.

Tre i turni infrasettimanali, il 30 giugno, il 14 luglio e il 28 luglio, ultima giornata di regular season il primo agosto, inizio dei playoff il 4 agosto e finale di ritorno il 20. Playout, infine, il 7 e il 14 agosto. Previsti orari pre-serali e serali, che saranno comunicati insieme alla programmazione gare delle prime giornate.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...