Salerno Pulita, riammodernato impianto per produzione compost

Il 31 gennaio la presentazione dei lavori effettuati, sarà presente anche il Governatore De Luca

Redazione Irno24 29/01/2024 0

Mercoledì 31 gennaio, alle 9:30, saranno presentati da Salerno Pulita i lavori effettuati per riammodernare l’impianto per la produzione di compost dai rifiuti organici e per ripristinare la produzione di energia elettrica.

All’incontro, nella sede dell’impianto in via A. De Luca, nella zona industriale di Salerno, saranno presenti il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, l’amministratore unico di Salerno Pulita, Vincenzo Bennet, e l’assessore comunale alle Politiche ambientali, Massimiliano Natella.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 27/12/2023

Salerno Pulita attiva il "chatbot" a supporto degli utenti

Salerno Pulita arricchisce la sua offerta informativa agli utenti. Al numero verde 800 809 303, al centralino aziendale (089 285 94 22) e ai social, aggiunge ora un chatbot. Si tratta di un software, già utilizzato da primarie aziende nazionali di servizi, che simula ed elabora le conversazioni umane scritte, consentendo agli utenti di interagire con i dispositivi digitali come se stessero comunicando con una persona reale.

In pratica, l’utente che vuole un’informazione può andare sul sito di Salerno Pulita e nella home page, in basso a destra, troverà l’icona di una mano che saluta. Cliccandoci sopra, si aprirà una schermata e all’utente sarà chiesto come potergli essere d’aiuto.

Innanzitutto, saranno proposte alcune opzioni, tra queste: i calendari per il conferimento, i Centri di raccolta comunale Fratte e Arechi, la prenotazione degli ingombranti, le segnalazioni e i reclami, la card di Salerno Pulita, gli eventi e la Tarip. L’utente sceglierà, sempre cliccandoci sopra, l’opzione che gli interessa e troverà la risposta che gli serve. Se, invece, tra le opzioni proposte non trova quella che gli occorre, potrà scrivere la domanda e avrà una risposta in orario di ufficio.

Leggi tutto

Redazione Irno24 02/10/2021

Ricavi quadruplicati per i comuni che portano il vetro a Ecoambiente Salerno

Conferire il vetro a Ecoambiente Spa sarà più vantaggioso per i Comuni dell’Ato Salerno. E’ di ieri infatti la notizia che il Consorzio recupero vetro, a seguito di analisi qualitative, ha riconosciuto il passaggio dalla fascia E alla fascia B al vetro che viene portato all’impianto di Battipaglia gestito dalla società operativa dell’Ente d’ambito.

In concreto questo significa che, in base all’accordo Anci-Conai, la tariffa applicata per il vetro da avviare al riciclo passa da 9 € a 39,27 €. Un prezzo più che quadruplicato, suscettibile di un ulteriore aumento se solo si riuscirà a ridurre la percentuale della cosiddetta “frazione fine impura”, che le analisi fatte eseguire dal Co.Re.Ve. hanno stabilito essere del 16,58%, mentre non dovrebbe superare il 15%, altrimenti il prezzo pieno riconosciuto per la fascia B sarebbe già di 56,10 € a tonnellata.

“Messi a posto i conti - spiega Vincenzo Petrosino, presidente di Ecoambiente - ora ci stiamo concentrando anche sugli aspetti qualitativi del ciclo dei rifiuti. Quella del vetro era considerata un’attività residuale, noi ci abbiamo investito e i risultati stanno arrivando. I Comuni introiteranno maggiori risorse che potranno destinare a migliorare il servizio o a ridurre la Tari. Questo risultato va ad aggiungersi a quello perseguito all’impianto di Sardone, dove, con una gestione più attenta, siamo riusciti a ridurre di 5 euro a tonnellata i costi per i Comuni che conferiscono l’umido”.

Il passaggio dalla fascia E alla fascia B è stato raggiunto grazie ad un’attività di pretrattamento del vetro conferito all’impianto TMB di Battipaglia. Quattro addetti di Ecoambiente eliminano le frazioni estranee visibili, in particolare buste di plastica e tappi metallici, di plastica o sughero. I Comuni che attualmente conferiscono il vetro a Ecoambiente sono 40, tra cui Eboli e Battipaglia.

Nei primi 4 mesi del 2021 sono state trattate 3mila tonnellate mala società pubblica punta ad incrementare sensibilmente i quantitativi. Nelle convenzioni con i Comuni è stabilito che per la prima delle quattro fasce di qualità previste sarà corrisposto il 40% della tariffa applicata da Co.Re.Ve., in pratica circa 16 euro a tonnellata indipendentemente dalle oscillazioni del prezzo di mercato del vetro.

Leggi tutto

Redazione Irno24 10/05/2021

Bandiera Blu 2021, nel salernitano 13 riconoscimenti

Ottimo risultato per la Campania in occasione dell'assegnazione della Bandiera Blu 2021. La nostra regione, infatti, conquista 19 "vessilli", con largo contibuto del salernitano, che se ne aggiudica addirittura 13. Nel dettaglio: Agropoli (Licina, Lungomare San Marco, Torre San Marco, Trentova, Spiaggia libera Porto); Ascea (Piana di Velia, Torre del Telegrafo, Marina di Ascea); Capaccio (Licinella, Varolato/La Laura/Casina D’Amato, Foce Acqua dei Ranci); Camerota (Cala Finocchiara e San Domenico); Casal Velino (Lungomare/Isola, Dominella/Torre);

Castellabate (Lago Tresino, Marina Piccola, Cala Pozzillo/San Marco, Punta Inferno, Ogliastro); Centola [Marinella, Palinuro (Porto/Dune e Saline)]; Montecorice (Baia Arena, Capitello, Agnone, San Nicola); Pisciotta (Ficaiola, Torraca/Gabella, Fosso della Marina, Petracciaio, Marina Acquabianca); Pollica (Acciaroli, Pioppi); Positano (Spiaggia Grande, Arienzo, Fornillo); San Mauro Cilento (Mezzatorre); Sapri (San Giorgio, Cammarelle); Vibonati (Villammare, Santa Maria Le Piane, Oliveto).

La Bandiera Blu Fee è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 nell’Anno europeo dell’Ambiente e che viene assegnato ogni anno in 73 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei. Bandiera Blu è un eco-label volontario per la certificazione di qualità ambientale delle località turistiche balneari. L’obiettivo principale del programma è promuovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per l’ambiente.

Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione è considerata un criterio imperativo, solo le località le cui acque sono risultate eccellenti possono presentare la propria candidatura. Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...