Trattative ferme, sigle sindacali chiedono di essere convocate dai vertici Asl Salerno

Fra i temi l'immediata conclusione di tutti i concorsi attivati

Capezzuto - Antonacchio - Salvato

Redazione Irno24 21/01/2021 0

Un’immediata ripresa delle trattative sindacali, ferme ormai dall’esplosione della pandemia. A chiederlo sono, attraverso una lettera ai vertici dell’Asl, le segreterie provinciali di Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl.

“Riteniamo urgente l’avvio del confronto negoziale su una serie di materie ritenute prioritarie. A tal proposito, anche alla luce dell’attuale situazione, si rappresenta che il 15 dicembre scorso, Aran (l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) e sindacati hanno sottoscritto, in chiave di interpretazione autentica, un protocollo sulla decadenza delle rappresentanze sindacali unitarie nel corso del triennio dalla loro elezione, all’interno del quale si sancisce che, in attesa della rielezione, le relazioni sindacali proseguono comunque con le organizzazioni di categoria firmatarie dei contratto nazionale di categoria”, hanno detto i segretari provinciali Antonio Capezzuto (Cgil Fp), Pietro Antonacchio (Cisl Fp) e Donato Salvato (Uil Fpl).

“Pertanto invitiamo l’Asl a convocare le organizzazioni sindacali che hanno diritto al confronto negoziale, ritenendo tra le priorità da affrontare l’avvio della progressione economica orizzontale, atteso che l’ultima è stata espletata nel 2017 per gli aventi diritto alla data del 31 dicembre scorso; la definizione ed identificazione delle strutture cui applicare i benefici della deliberazione della Giunta Regionale e individuare le strutture, anche alla luce del fatto che sono indennità cumulabili tra loro;

definire la ratifica della regolamentazione sull’orario di lavoro, materia ampiamente discussa, atteso che continuano, su ogni struttura, interpretazioni unilaterali e difformi a quanto previsto dalle norme contrattuali tra cui l’azzeramento ore in eccedenza e la mancata erogazione indennità di turno; definitiva ratifica del Regolamento sui rappresentanti dei lavoratori sulla sicurezza e della mancata individuazione degli addetti al servizio di prevenzione e protezione; rispetto degli accordi sui coordinamenti, così come ratificati tra il 2016 e il 2019;

immediata conclusione di tutti i concorsi attivati, anche per quelli riservati agli interni, a partire dalla conclusione delle procedure in itinere che sono passaggi orizzontali attivati ma fermi da oltre un anno, ma soprattutto quelli per assistenti amministrativi, collaboratori amministrativi e dirigenti dell’aree sanitaria, tecnica, professionale ed amministrativa, atteso che la conclusione delle procedure sarà funzionale a dare un assetto completo e definitivo nell’ambito delle relative strutture.

Appare evidente che in occasione del confronto negoziale, congiuntamente le parti definiranno un elenco di ulteriori materie da affrontare, atteso che sono numerose le problematiche che necessitano di un tavolo di contrattazione per la loro necessaria soluzione”, hanno concluso Capezzuto, Antonacchio e Salvato.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 16/01/2021

Piero De Luca: "Sorpreso da proposta di acquisto dell'ex Tribunale a fini immobiliari"

"Apprendo dagli organi di stampa di una presunta proposta, formulata al Ministero della Giustizia, per l’acquisto dei locali dell’ex Tribunale di Salerno su cui, da mesi, ho promosso e avviato un confronto, con tutte le istituzioni interessate, per la futura destinazione d’uso". Così in una nota l’on Piero De Luca.

"Questa notizia mi ha molto sorpreso perché nel corso degli incontri, di cui mi sono fatto promotore e cui hanno partecipato, tra gli altri, anche il direttore nazionale e i referenti territoriali dell’Agenzia del Demanio, non è mai emersa né questa eventuale proposta di acquisto né la volontà di destinare tale sede storica ad un'operazione immobiliare.

Sul punto, vorrei essere ad ogni modo chiaro. Esprimo la ferma contrarietà ad ogni ipotesi di questo genere, e mi opporrò con forza ad eventuali operazioni speculative ai danni della comunità salernitana. L'ex Tribunale di Salerno è un immobile di notevole rilevanza storica, artistica e culturale.

La discussione avviata in questi mesi mira proprio ad individuare la più appropriata valorizzazione funzionale di questo luogo che ha un inestimabile pregio simbolico e testimoniale per tutta la città. Ribadisco, quindi, la volontà di proseguire nel percorso avviato per definire la migliore destinazione d’uso agli spazi dell’ex Tribunale nell'interesse dell'intero territorio”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 23/11/2020

Dal parrucchiere in altro Comune, Prefetto Salerno accoglie istanza CNA

Lo spostamento tra Comuni per recarsi dal proprio parrucchiere è possibile anche in provincia di Salerno. Con una nota ufficiale, il Prefetto di Salerno ha, infatti, comunicato che, "in considerazione dell’attualità della problematica ed in risposta alle sollecitazioni della CNA, tenuto conto della evoluzione dell’interpretazione della disposizione in questi giorni, si ritiene di poter condividere l’orientamento secondo cui sono possibili spostamenti al di fuori del comune di residenza o domicilio e abitazione per recarsi nei saloni di barbieri e parrucchieri in comuni contigui, previo appuntamento e limitatamente all’ipotesi in cui, nel proprio comune, non siano presenti esercizi attivi o quando risulti comprovata, mediante attestazione attraverso il modulo di autocertificazione, maggiore convenienza economica di analoghe attività presenti nel comune vicino".

Proprio su nuovo sollecito della CNAdi Salerno - riferisce la Confederazione stessa - alla luce di differenti interpretazioni della norma, sua Eccellenza Francesco Russo ha rivisto la disposizione relativa agli spostamenti tra comuni per andare dal parrucchiere nelle zona rossa. Ci si può recare dagli Acconciatori e Barbieri in comuni contigui per ragione di convenienza economica. La comunicazione è già partita dalla Prefettura indirizzata a tutte le forze dell’ordine.

"Siamo grati al Prefetto per aver modificato la disposizione iniziale perché è un momento terribile per tanti artigiani - ha dichiarato Lucio Ronca, presidente provinciale Cna Salerno - il Prefetto ha saputo interpretare la nostra istanza avvenuta anche a seguito della richiesta di chiarimento direttamente al Governo, perché non potevano fermarci e soprattutto avevamo necessità di mettere ordine e fare chiarezza".

Leggi tutto

Redazione Irno24 09/03/2020

Questionario obbligatorio per chi arriva a Salerno dal Nord

Il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, Vista l’ordinanza n. 8 dell’8.3.2020 del Presidente della Giunta Regionale della Campania. Richiamate le “Indicazioni operative per i Comuni” di cui alla nota prot. 149567 dell’8.3.2020 dell’Unità di Crisi Regionale assunta al prot. Generale dell’Ente il 9.3.2020 al numero 48258. Ripetuti i contenuti della predetta ordinanza del Presidente della Giunta Regionale della Campania qui di seguito sintetizzati:

Tutti gli individui che abbiano fatto ingresso, o faranno ingresso, in regione Campania dai territori di cui all’art. 1 del DPCM 8/3/2020, a partire dal 7/3/2020 e fino al 3/4/2020 hanno l’obbligo di:

  1. comunicare tale circostanza al Comune e al medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta o all’operatore di sanità pubblica territorialmente competente
  2. osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario per 14 giorni dall’arrivo, con divieto di contatti sociali
  3. divieto di spostamento e viaggi
  4. rimanere raggiungibile per l’eventuale attività di sorveglianza
  5. in caso di comparsa dei sintomi, avvisare immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o operatore di sanità pubblica territorialmente competente

E’ fatto, altresì, obbligo ai concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e autostradale di acquisire e fornire alle forze dell’ordine, e alla scrivente unità di crisi regionale, ai comuni e alle AA.SS.LL. I nominativi dei viaggiatori provenienti dalle aree di cui al DPCM 8/3/2020. Il mancato rispetto degli obblighi di cui sopra è punito ai sensi dell’art. 650 c.p. , come previsto dall’art. 3, comma 4, del d.l.23/2/2020 n. 6.

A questo link il questionario obbligatorio rivolto a:

  1. tutti coloro che hanno già fatto, o che faranno, ingresso nei comuni del territorio della Regione Campania a far data del 7-03-2020 e fino al 3-04-2020, provenienti dai territori individuati dal DCPM 08/03/2020
  2. tutti coloro che risultano negli elenchi dei viaggiatori provenienti dalle aree in argomento, trasmessi dai concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e autostradale ai sensi dell'O.P.G.R.C. n. 8/2020.

La scheda di rilevazione dati è inviabile ai seguenti indirizzi di posta elettronica: dip.prevenzione@pec.aslsalerno.it protezionecivileCOVID19@comune.salerno.it

Le informazioni del caso saranno fornite ai cittadini contattando i seguenti numeri della Protezione civile del Comune di Salerno: 089/663111 - 089/753822 - 089/663122 - 089/663120 - 089/663154 - 3459124387

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...