Impero economico con "schermi" e prestanome, colpo a clan operante nel salernitano

Sequestrati 9 complessi aziendali, 53 appartamenti e 17 garage

Redazione Irno24 29/10/2020 0

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno sta procedendo all'esecuzione di due decreti di sequestro finalizzati alla confisca emessi dal Tribunale di Salerno, Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. I destinatari sono Fabbrocino Francescantonio (classe 1956), nipote di Mario Fabbrocino, e Piccirillo Antonio (classe 1947), ritenuto prestanome del primo, entrambi pluripregiudicati e già sottoposti a misure cautelari di tipo custodiale.

Come è noto, il clan Fabbrocino costituisce una delle organizzazioni criminali di maggiore tradizione della Campania. Già orbitante nella famiglia napoletana di Cosa Nostra, ha successivamente operato nell‘area compresa tra il Nolano ed il Vesuviano, svolgendo numerose attività illecite, tra le quali il traffico di stupefacenti, estorsioni, omicidi. Si tratta di una organizzazione criminale con spiccata vocazione imprenditoriale, operante in vari settori, che ha saputo, nel tempo, reinvestire in attività economiche i profitti illecitamente maturati, anche allo scopo di occultame la provenienza.

Le indagini hanno consentito di accertare l'esistenza di sofisticati meccanismi elaborati al fine di occultare la diretta titolarità delle ricchezze accumulate grazie alle attività illecite svolte dal clan, mediante il ricorso all’intestazione fittizia di quote societarie ed immobili ad otto “prestanome”. Sono stati accertati reimpieghi di somme illecite, nel periodo 2004-2010, per oltre un milione e mezzo di euro.

Gli investigatori sono altresì riusciti a ricostruire l’esatto compendio dei beni accumulati, nonostante i soggetti utilizzati come “schermi”, tutti incensurati, godessero di una posizione imprenditoriale tale da far passare inosservati i cospicui flussi finanziari ed investimenti immobiliari, non lasciando trapelare alcun segnale di irregolarità, dimostrando che Fabbrocino continuava di fatto a gestire la contabilità delle aziende ed a mantenere la titolarità dei beni.

Le società sequestrate, operanti sull’intero territorio della provincia di Salerno, appartengono al settore immobiliare e della grande distribuzione di noti marchi di prodotti alimentari. Alla base dei provvedimenti di sequestro, oltre alla notevole sproporzione tra i redditi dichiarati e le ricchezze riconducibili ai due destinatari, vi è la propensione a delinquere di entrambi i soggetti destinatari della misura, uno dei quali, ancorché ristretto agli arresti domiciliari, pur di non rinunciare alla gestione in prima persona degli affari, incontrava regolarmente, presso la propria abitazione, collaboratori ed agenti della “rete vendite”.

I Finanzieri di Salerno sono riusciti a ricostruire, nel dettaglio, l’intero schema di interposizione fittizia, sottoponendo a sequestro 9 complessi aziendali, 53 appartamenti, 4 villini, 17 garage, 8 appezzamenti di terreno e 16 partecipazioni in società di capitale, per un valore complessivo stimato in oltre 13 milioni di euro. L’amministrazione giudiziaria di tali aziende garantirà la continuità aziendale, salvaguardando cosi i posti di lavoro e i contratti in essere.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 12/02/2021

Salerno, da Coldiretti 3mila kg di prodotti made in Italy ad associazioni solidali

Continua la maratona di solidarietà Coldiretti. Saranno distribuiti, sabato 13 febbraio, i pacchi solidali con il meglio della produzione agricola nazionale alle associazioni "L'abbraccio", Casa Nazareth, Onmic, Sant'Andrea dell'Annunziatella, Salerno accoglie, Mensa San Francesco, Cooperativa Insieme e Associazione Quartiere Ogliara. Sono tremila chili di prodotti made in Italy che andranno alle famiglie salernitane in difficoltà.

“L’iniziativa di solidarietà è promossa dagli agricoltori – spiega il direttore Enzo Tropiano – per aiutare a combattere le nuove povertà e offrire ai più bisognosi attraverso il valore della ‘restituzione’. Coldiretti ha voluto dare un segno concreto di solidarietà degli agricoltori verso le fasce più deboli della popolazione colpite dalle difficoltà economiche. Purtroppo la crisi legata al Covid ha fatto aumentare il numero di persone in difficoltà e le problematiche per imprese e famiglie. Con questi pacchi sosteniamo le fasce più colpite dall’emergenza”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 30/08/2020

Sabato sera di controlli a Salerno, disposta chiusura per paninoteca

Nel quadro dei consueti controlli del fine settimana a Salerno, che in linea generale non hanno portato a rilevare particolari irregolarità, le forze dell'ordine hanno proceduto alla chiusura per 3 giorni di una paninoteca, dove sono state riscontrate violazioni riguardo le normative anti Covid. Un altro locale è stato sanzionato perchè carente nella parte informativa da sottoporre ai clienti sempre in materia di norme anti contagio. In tutto sono stati controllati circa 30 esercizi.

Leggi tutto

Redazione Irno24 29/06/2020

Una card sconti per la spesa al mercato Coldiretti di Sant'Apollonia

Una card che mette in rete commercio salernitano, Mercato Campagna Amica Sant’Apollonia, Comune di Salerno e Teatro dei Barbuti. E’ stata presentata questa mattina, 29 giugno, a Palazzo di Città l’iniziativa “Teatro NaturalMente”, una card sconto del 20% per effettuare dieci spese presso il mercato coperto Coldiretti di Sant'Apollonia.

I buoni spesa, oltre ad essere distribuiti a tutti gli spettatori della storica rassegna teatrale dei “Barbuti”, saranno in distribuzione presso le attività commerciali del centro cittadino. Sono già 150 i commercianti che hanno aderito all’iniziativa, promossa per contribuire a risollevare il comparto salernitano, duramente penalizzato dal forzato periodo di lockdown.

Spiega il direttore di Coldiretti Salerno, Enzo Tropiano: “E’ assolutamente necessario fare rete in un periodo come questo di post emergenza; la card è un piccolo ma significativo gesto per ripartire”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...