Impero economico con "schermi" e prestanome, colpo a clan operante nel salernitano

Sequestrati 9 complessi aziendali, 53 appartamenti e 17 garage

Redazione Irno24 29/10/2020 0

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno sta procedendo all'esecuzione di due decreti di sequestro finalizzati alla confisca emessi dal Tribunale di Salerno, Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. I destinatari sono Fabbrocino Francescantonio (classe 1956), nipote di Mario Fabbrocino, e Piccirillo Antonio (classe 1947), ritenuto prestanome del primo, entrambi pluripregiudicati e già sottoposti a misure cautelari di tipo custodiale.

Come è noto, il clan Fabbrocino costituisce una delle organizzazioni criminali di maggiore tradizione della Campania. Già orbitante nella famiglia napoletana di Cosa Nostra, ha successivamente operato nell‘area compresa tra il Nolano ed il Vesuviano, svolgendo numerose attività illecite, tra le quali il traffico di stupefacenti, estorsioni, omicidi. Si tratta di una organizzazione criminale con spiccata vocazione imprenditoriale, operante in vari settori, che ha saputo, nel tempo, reinvestire in attività economiche i profitti illecitamente maturati, anche allo scopo di occultame la provenienza.

Le indagini hanno consentito di accertare l'esistenza di sofisticati meccanismi elaborati al fine di occultare la diretta titolarità delle ricchezze accumulate grazie alle attività illecite svolte dal clan, mediante il ricorso all’intestazione fittizia di quote societarie ed immobili ad otto “prestanome”. Sono stati accertati reimpieghi di somme illecite, nel periodo 2004-2010, per oltre un milione e mezzo di euro.

Gli investigatori sono altresì riusciti a ricostruire l’esatto compendio dei beni accumulati, nonostante i soggetti utilizzati come “schermi”, tutti incensurati, godessero di una posizione imprenditoriale tale da far passare inosservati i cospicui flussi finanziari ed investimenti immobiliari, non lasciando trapelare alcun segnale di irregolarità, dimostrando che Fabbrocino continuava di fatto a gestire la contabilità delle aziende ed a mantenere la titolarità dei beni.

Le società sequestrate, operanti sull’intero territorio della provincia di Salerno, appartengono al settore immobiliare e della grande distribuzione di noti marchi di prodotti alimentari. Alla base dei provvedimenti di sequestro, oltre alla notevole sproporzione tra i redditi dichiarati e le ricchezze riconducibili ai due destinatari, vi è la propensione a delinquere di entrambi i soggetti destinatari della misura, uno dei quali, ancorché ristretto agli arresti domiciliari, pur di non rinunciare alla gestione in prima persona degli affari, incontrava regolarmente, presso la propria abitazione, collaboratori ed agenti della “rete vendite”.

I Finanzieri di Salerno sono riusciti a ricostruire, nel dettaglio, l’intero schema di interposizione fittizia, sottoponendo a sequestro 9 complessi aziendali, 53 appartamenti, 4 villini, 17 garage, 8 appezzamenti di terreno e 16 partecipazioni in società di capitale, per un valore complessivo stimato in oltre 13 milioni di euro. L’amministrazione giudiziaria di tali aziende garantirà la continuità aziendale, salvaguardando cosi i posti di lavoro e i contratti in essere.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 10/05/2021

Salerno, spacciatore minorenne sorpreso nei pressi del Parco Pinocchio

Gli Agenti della Polizia di Stato hanno arrestato un giovane, minore degli anni 18 di età, nella flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di stupefacente. Gli investigatori della Squadra Mobile di Salerno hanno osservato un giovane sospetto, che effettuava consegne di “Crack” nelle vie limitrofe al Parco Pinocchio.

Pertanto, i poliziotti lo hanno sorpreso all’interno del parcheggio attiguo, per un controllo. Il giovane ha provato ad allontanarsi rapidamente e, contestualmente, ha cercato inutilmente di disfarsi di un involucro in cellophane, che nascondeva nell’interno dei pantaloni, lanciandolo in una siepe. Gli Agenti hanno fermato il giovane e recuperato tale involucro, che conteneva 21 dosi di Crack per un peso di circa 4 grammi.

I Poliziotti lo hanno arrestato quindi in flagranza di reato per il reato di spaccio e lo hanno posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori, che ne ha disposto la traduzione presso il Centro di Prima Accoglienza di Salerno.

Leggi tutto

Redazione Irno24 26/05/2021

Salerno, messaggio dell'Arcivescovo sulla tragica scomparsa di Matteo Leone

“Profondamente addolorato per la tragica morte di Matteo Leone, lavoratore portuale di 34 anni, mi unisco con l’affetto e la preghiera al grande dolore della sua famiglia e dei tanti che lo conoscevano, chiedendo con forza che si mettano in campo tutte le energie affinché nei luoghi di lavoro siano sempre garantite le condizioni di assoluta sicurezza e non si debbano ulteriormente piangere persone che, nel compiere dignitosamente la loro fatica quotidiana, debbano, invece, trovarvi ingiustamente la morte.

L’auspicio, certamente da tutti condiviso, è che non ci siano mai più morti sul lavoro, ma tutti ci si deve impegnare sempre di più per far sì che il desiderio diventi la realtà e non rimanga un proposito bello ma inutile”. E' quanto si legge nel messaggio di cordoglio da parte dell'Arcivescovo di Salerno, Mons. Andrea Bellandi.

Leggi tutto

Redazione Irno24 07/11/2020

Il pugile salernitano Socci all'assalto del titolo Welter, l'augurio del sindaco

"In bocca al lupo a Dario Socci, pugile italiano di carriera internazionale e salernitano di nascita, che il 13 novembre a Mantova sfiderà il detentore della cintura di Campione Italiano Welter, il crotonese Tobia Giuseppe Loriga. Ho incontrato Dario questa mattina a Palazzo di Città e a nome mio, dell'amministrazione comunale e della città gli ho rivolto un caloroso in bocca al lupo per questa competizione così importante". Lo scrive il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...