Rottura di condotta adduttrice, diverse zone di Salerno senz'acqua

Sospensione idrica serale a Torrione e Pastena

Redazione Irno24 11/02/2021 0

L’ASIS, gestore dell’adduttrice dell’acquedotto del Basso Sele, comunica che a causa di improvvisa rottura della condotta, è stata sospesa la fornitura ai serbatoi di Salerno Sistemi a partire dalle ore 05,00 di giovedì 11 febbraio. Salerno Sistemi, per attenuare i disagi all’utenza interessata, sta ricorrendo ad apporti sostitutivi e/o integrativi da altre fonti di approvvigionamento, effettuando manovre sulla rete idrica. Ciò ha consentito, per la giornata odierna, di garantire comunque regolare erogazione su tutta la rete cittadina.

Per preservare volumi utili, e garantire regolare erogazione nelle ore diurne (come già sta avvenendo per la giornata di oggi) si renderà necessario attuare chiusura in orario serale per giovedì 11 febbraio 2021 a partire dalle ore 20,30 e sino alle ore 6,30 di venerdì 12 febbraio alle utenze di seguito elencate: SANT’EUSTACHIO, QUARTIERE ITALIA, QUARTIERE EUROPA, PICARIELLI, SANTA MARGHERITA, PASTENA, PONTE GUAZZARIELLO, TORRIONE, FELLINE, CASARSE, LAURO, VIALE DELLE GINESTRE.

Rimarranno inevitabilmente PRIVE DI EROGAZIONE IDRICA, per l’intera durata dei lavori, le utenze alimentate direttamente con condotta adduttrice dell’acquedotto del Basso Sele: VIA MONTICELLI (parte alta), VIA ZOCCOLI (parte alta), Via S. NICOLA DEL PUMBOLO (parte alta), VIA CIOTOLI (parte bassa). Per queste utenze si sta organizzando un servizio autobotte, già mandato questa mattina nella zona di Via Monticelli (parte alta), per limitare al minimo i disagi.

Nella mattinata di domani venerdì 12 febbraio, Salerno Sistemi, sulla base delle informazioni che perverranno dall’ASIS circa i tempi di ripristino, potrà aggiornare il quadro riepilogativo delle condizioni di fornitura per i giorni seguenti.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 09/04/2022

Salerno, arrestato spacciatore 19enne in zona litoranea

Gli Agenti della Polizia di Stato hanno arrestato un pusher a Salerno. Ieri, infatti, durante alcuni controlli in zona litoranea, gli uomini della Squadra Mobile di Salerno hanno arrestato C.M., classe 2003, per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

In particolare, i poliziotti della Sezione “Falchi” hanno notato alcuni movimenti sospetti di un’autovettura, con a bordo il giovane. A seguito della perquisizione personale, il ragazzo è stato trovato in possesso di 10 dosi di cocaina per un peso complessivo di 5 grammi, pronte per la vendita.

C.F. è stato arrestato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che ne ha disposto la traduzione agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Leggi tutto

Redazione Irno24 21/06/2021

I Comuni di Salerno, Benevento e Capua uniti in nome del popolo longobardo

"I Comuni di Salerno, Benevento e Capua da oggi uniti nella Associazione Temporanea di Scopo 'Principati e Terre dei Longobardi del Sud'. Un'iniziativa ricca di prospettive che ci consentirà di valorizzare questo nostro prezioso retaggio culturale.

Promuovere e far conoscere a cittadini e turisti le vestigia del popolo longobardo nelle nostre città, oltre a rappresentare un momento culturale alto, sarà anche un'importante occasione di marketing territoriale". Lo scrive il sindaco Napoli.

Leggi tutto

Redazione Irno24 15/12/2020

Morte sul lavoro a Salerno, le reazioni di Filca Cisl e Cisal Metalmeccanici

"Basta morti sui luoghi di lavoro, chiediamo dignità per tutti i lavoratori del nostro settore. Per la Filca Cisl Salerno è fondamentale inserire, in merito alla regolarità delle imprese, il discorso della patente a punti unitamente al Durc per consentire di salvaguardare le imprese virtuose, che hanno cantieri dove non si verificano infortuni, con delle premialità con cui potranno partecipare a gare ed aggiudicarsi appalti".

Così Giuseppe Vicinanza, dirigente sindacale della Filca Cisl Salerno, commenta l'ultimo incidente sul lavoro mortale nella zona industriale della città capoluogo, avvenuto nel primo pomeriggio del 14 dicembre presso il deposito ex Pennitalia. La vittima è il 47enne cavese Michele Santoriello.

"In questo modo, le imprese non in regola e che non rispettano i diritti fondamentali dei lavoratori devono essere escluse. Dobbiamo dare dignità a questo settore, non è più possibile commentare queste tragedie. Il lavoratore edile, al pari degli altri lavoratori, deve poter svolgere la sua attività in totale sicurezza. Bisogna promuovere la cultura della sicurezza e diffonderne la necessità. Al contempo vanno intensificati i controlli. I nostri enti bilaterali fanno formazione continua e inoltre sono qualificati e riconosciuti. Auspichiamo che le aziende li utilizzino sempre di più per mettere in sicurezza la vita dei lavoratori", ha concluso Vicinanza.

"L'ennesima morte sul lavoro in provincia di Salerno evidenzia che il Covid ha soltanto anestetizzato il problema, che dunque esiste ed è difficile da estirpare. Siamo vicini alla famiglia di Michele Santoriello. Come Cisal siamo pronti a fornire assistenza legale gratuita alla famiglia se ce ne sarà bisogno". Così Gigi Vicinanza, componente nazionale della segreteria della Cisal Metalmeccanici.

"Vengo deriso dagli altri sindacalisti quando fotografo operai a diversi metri d'altezza senza le opportune misure di sicurezza", ha detto. "Oggi tutti piangiamo l'ennesima morte di un padre di famiglia che non era andato in guerra ma solo a lavorare. Questo nel 2020 succede ancora ed è inaccettabile. Come sindacalista mi auguro che la magistratura accerti le responsabilità di chi doveva vigilare ma non l'ha fatto: dall'imprenditore titolare del cantiere agli Enti che si occupano di vigilare che ci sia la massima sicurezza nei posti di lavoro".

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...