Salerno, dal 12 Novembre operativa l'USCA alla piscina Vigor

Svolgerà anche attività di drive-in per i tamponi

Redazione Irno24 11/11/2020 0

"Abbiamo fatto allestire negli spazi della piscina Vigor l'Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA), che sarà operativa da domani, 12 Novembre. L'Usca sarà presente con personale Asl e servirà a monitorare i pazienti sia asintomatici che sintomatici disposti in isolamento domiciliare". Lo scrive il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

"Saranno almeno dieci i medici (in turnazione) impegnati sia nella struttura di via Allende che nelle visite domiciliari - prosegue il primo cittadino - l'USCA sarà attiva tutti il giorni (lunedì-domenica) dalle ore 8 alle ore 20.

La struttura si avvale della collaborazione dell'Esercito che, con personale medico, infermieristico e di supporto, svolgerà attività di drive-in per i tamponi. Il servizio sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 14 (su prenotazione da parte dei medici di base o dell'Unità operativa di Prevenzione Collettiva)".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 27/07/2020

Lavori Enel in diverse strade di Salerno per migliorare qualità e servizi

Il Comune di Salerno ha richiesto a E-Distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione in Italia, di procedere al collegamento alla rete di nuove aree nel centro cittadino. Per rispondere a questa esigenza la società elettrica effettuerà lavori sui propri impianti che interesseranno a partire da questa settimana le vie Dalmazia, Memoli, De Granita, Paglia e Manganario.

Una volta conclusa questa prima fase, il prosieguo dei lavori interesserà via Santi Martiri Salernitani e via Marino fino a raggiungere la pista ciclabile del lungomare Trieste e piazza della Libertà dove è prevista la realizzazione di un nuovo centro di smistamento dell'energia elettrica, in grado di assicurare un aumento di potenza disponibile per la città tale da garantire il miglioramento della qualità del servizio elettrico per circa 12.500 clienti di Salerno. Questi lavori saranno seguiti da attività di rifacimento del manto stradale nelle zone interessate.

Leggi tutto

Redazione Irno24 22/02/2021

"Questo non è amore", il bilancio della Questura di Salerno con una storia simbolo

"Questo non è amore" è il titolo della campagna permanente di prevenzione lanciata dalla Polizia, con il coordinamento nazionale della Direzione Centrale Anticrimine, al fine di fornire informazioni alle donne in situazione di rischio, che ha evidenziato che i moventi più frequenti dei femminicidi, infatti, sono la lite e i motivi passionali.

La fascia d’età più colpita è quella dai 31 ai 44 anni, ma nei primi 9 mesi del 2020 si è rivelata quella delle donne over 65 che rappresentano il 30% del totale delle vittime, italiane nell’80% dei casi, mentre, tra le vittime straniere, predominano quelle di nazionalità romena, anche in relazione alla maggior presenza sul territorio nazionale.

Anche gli autori di tali reati hanno un’età compresa tra 31 e 44 anni (39%), in prevalenza sono italiani (74%) e solo il 2% sono minorenni; essi utilizzano, in prevalenza, un’arma impropria, come un coltello o un utensile da lavoro (martello, cacciavite), o un’arma da fuoco, l’asfissia/soffocamento/strangolamento, le percosse. L’azione di contrasto nei confronti della violenza di genere, condotta dal Questore di Salerno, si è svolta non solo con gli strumenti repressivi delle investigazioni e denunce, ma anche attraverso le misure di prevenzione, in conformità a quanto stabilito dalla recente Legge n. 69 del 2019 (cd. CODICE ROSSO).

In tale direzione, il Questore di Salerno ha emanato, nel periodo 1° gennaio 2020/2021, 18 ammonimenti per stalking e 52 per violenza domestica ed avanzato al Tribunale di Salerno, 17 proposte di sorveglianza speciale con applicazione dell’obbligo di soggiorno nei confronti di altrettanti soggetti resisi responsabili dei predetti reati in danno di familiari e/o donne conviventi o ex conviventi.

Ecco un breve racconto di una storia simbolo del dolore che queste donne (e spesso i loro figli) devono subire all’interno delle famiglie: D.M.G., 33enne resosi responsabile di numerosi episodi di maltrattamenti in danno della madre la quale, quasi quotidianamente subiva la violenza psichica e fisica del figlio che, a seguito di discussioni per futili motivi, dava in escandescenza cercando di colpirla e danneggiando la casa, noncurante della presenza della sorella disabile. Più volte, per sfuggire a tali maltrattamenti, la donna era stata costretta ad allontanarsi dalla propria abitazione e ad attendere l’arrivo delle Forze dell’Ordine nelle abitazioni dei vicini.

Allo stesso modo, nel corso degli ultimi anni, il soggetto si è reso responsabile del medesimo reato in danno della compagna convivente nonché madre delle sue due figlie, la quale, ripetutamente e per futili motivi – quali ad esempio l’accusa infondata di avere altre relazioni sentimentali – veniva percossa riportando talvolta lesioni per le quali doveva ricorrere alle cure sanitarie. A carico di D.M.G. è stata irrogata la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale per la durata di anni tre.

Anche a tutela dell’integrità fisica e morale dei minori il Questore di Salerno ha rivolto una particolare attenzione: in tale ambito, ha irrogato la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno per la durata di anni cinque a carico di I.A., 49enne salernitano, responsabile del reato di detenzione di materiale pedopornografico.

Per avvicinare le proprie vittime, pubblicizzava attraverso profili social la propria attività di assistenza ai minori portatori di disabilità e di doposcuola per bambini delle scuole elementari, riuscendo finanche a collaborare con associazioni che organizzano campus estivi. Più volte sottoposto ad indagini, sia in ambito nazionale che internazionale, veniva deferito all’A.G. per essere stato trovato in possesso di ingente quantitativo di materiale pedopornografico che provvedeva a divulgare attraverso i social network.

Leggi tutto

Redazione Irno24 01/12/2020

Salerno, riunione in Prefettura: maggiori controlli in strutture per anziani e cantieri

Prosegue, in provincia di Salerno, l’attivita di monitoraggio e controllo coordinata della Prefettura e finalizzata ad assicurare il rispetto delle prescrizioni introdotte per il contenimento e il contrasto alla diffusione del Covid. Fin dalle prime fasi della gestione emergenziale, il Prefetto Russo ha avviato una serie di controlli che hanno riguardato strutture residenziali per anziani, cantieri edili e aziende operanti in diversi settori.

L’evoluzione della situazione epidemiologia, con l’avvicendarsi di prescrizioni che sono mutate in base alle esigenze derivanti dagli scenari che si stanno susseguendo anche a livello provinciale, hanno indotto il Prefetto a convocare una riunione di coordinamento in cui si è deciso di rimodulare i dispositivi di servizi in atto, con il supporto delle Forze di Polizia agli organi deputati alla vigilanza.

Saranno intensificati i controlli, peraltro già in atto, presso le strutture sanitarie con lo scopo di supportare le stesse in questo delicato momento, attraverso ogni azione possibile volta al rispetto dei protocolli adottati dal Governo e con attività repressiva laddove venissero riscontrate evidenti violazioni.

Inoltre, nella consapevolezza del difficile momento che stanno vivendo le aziende e gli operatori economici, che hanno già mostrato in passato grande senso di responsabilità, attenendosi alle misure imposte, continueranno i servizi di prevenzione e vigilanza a garanzia del rispetto delle basilari norme di distanziamento sociale e dell’uso dei dispositivi di protezione.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...