Salerno Pulita, Bennet nei quartieri per migliorare condizioni di lavoro e servizio

Campagna di ascolto da parte del neo amministratore unico

Redazione Irno24 09/06/2021 0

Questa mattina, accompagnato dai responsabili dei settori tecnico e raccolta-spazzamento, Luca Oliva, Pasquale Memoli e Christian Cannavale, a partire dalle ore 5, il neo amministratore unico di Salerno Pulita, Vincenzo Bennet, ha effettuato una campagna di ascolto tra i dipendenti della società Salerno Pulita, impegnati sul territorio per la raccolta dei rifiuti, per comprendere le loro difficoltà al fine di un miglioramento delle condizioni di lavoro ed anche per innalzare, ulteriormente, la qualità del servizio reso alla città di Salerno.

“Ho avuto modo di riscontrare - ha dichiarato Bennet - che, spesso, piccole leggerezze dei cittadini provocano mille difficoltà agli stessi operatori: nel percorso cittadino ho, infatti, appurato che numerose autovetture private, nel corso della notte, vengono lasciate in parcheggio dinanzi alle campane per la raccolta del vetro. Un fatto banale che, però, provoca disagi agli operatori impegnati nello svuotamento ma anche agli altri cittadini che sono costretti a sopportare file in auto per l’inevitabile traffico che si crea”.

Nel corso della mattinata di ascolto, Bennet ha avuto modo di verificare che numerosi condomini non rispettano le norme per il corretto conferimento nei carrellati dei rifiuti organici e dell’indifferenziato cosicché si creano tante micro discariche notturne, facile preda di cani e gabbiani che fanno scempio dei rifiuti lasciati in strada.

“Si tratta di alcune criticità - ha sottolineato Bennet - che i dipendenti di Salerno Pulita mi hanno segnalato e che, per essere eliminati, richiedono la collaborazione dei cittadini ed un ulteriore sforzo da parte dell’Amministrazione comunale che mi ha già garantita la massima solerzia negli interventi che sono di propria competenza”. “A tal fine - ha concluso Bennet - nelle prossime settimane procederò all’organizzazione di incontri nei singoli quartieri, coinvolgendo i rappresentanti dell’Amministrazione comunale e quelli dei comitati dei residenti per raccogliere sollecitazioni, proposte ed idee per migliorare, sempre di più, il servizio di raccolta dei rifiuti sull’intero territorio comunale”.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 19/06/2020

Traffico di droga, metodo mafioso e ricettazione: 26 arresti fra Salerno, Avellino e Firenze

Nelle prime ore della mattina, nelle province di Salerno, Avellino e Firenze, circa 200 militari del Comando Provinciale di Salerno, supportati dai colleghi del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano (SA) e del Nucleo Cinofili di Sarno (SA), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare - emessa dal GIP del Tribunale di Salerno, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia - nei confronti di 26 indagati (11 in carcere, 9 agli arresti domiciliari e 6 con obbligo di dimora nel Comune di residenza), gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso e della transnazionalità del reato, detenzione e spaccio di stupefacenti, detenzione e porto abusivo di arma, sostituzione di persona, uso di atto falso, falsità ideologica, favoreggiamento personale, ricettazione, minaccia e danneggiamento seguito da incendio.

I provvedimenti scaturiscono da una vasta ed articolata attività d’indagine avviata dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Salerno nel mese di giugno 2017 sotto la direzione e con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia. L’attività è risultata particolarmente complessa poiché molti dei soggetti investigati, per eludere i controlli, non hanno esitato a ricorrere all’intestazione fittizia di schede telefoniche a persone ignare ed all’utilizzo di smartphone di difficile intercettazione per condurre i loro traffici illeciti, venendo comunque scoperti.

L’indagine ha permesso di ricostruire l’esistenza di un’associazione a delinquere, con ruoli e competenze ben definite, dedita alla commissione dei suddetti delitti - con una disponibilità di notevoli quantitativi di cocaina, hashish, amnèsia e marijuana - che vantava un canale di rifornimento privilegiato con l’Albania e con l’Olanda (con circa 2 kg di cocaina sottoposti a sequestro).

La compagine criminale gravitava attorno alle figure di spicco di Alfredo Cuozzo e Sabato Di Lascio, entrambi pluripregiudicati per stupefacenti e gravi reati contro la persona, i quali, assurti a veri e propri manager del gruppo, promuovevano e dirigevano l’associazione avvalendosi del metodo mafioso, che palesavano sul territorio di Acerno attraverso una serie di gravi minacce (tra cui l’incendio di autovetture), tese ad allontanare spacciatori e organizzazioni rivali.

L’attenzione degli inquirenti è stata rivolta anche al noto pluripregiudicato Ciro Persico, referente dello storico gruppo delinquenziale del centro storico salernitano (recentemente arrestato nell’ambito di una vasta operazione antidroga, che ha permesso di smantellare un gruppo criminale di 38 persone), chiamato - grazie al suo ascendente criminale - a sostenere le attività di spaccio ad Acerno di Dany Dell'Angelo, divenuto contendente del duo Cuozzo-Di Lascio.

Un ulteriore filone investigativo ha riguardato il “broker” salernitano Fiorenzo Parotti, il quale, pur non essendo organico al sodalizio in esame, ne ha condiviso i canali di rifornimento, a dimostrazione di una collaborazione di più ampio spettro nell’ambito del mercato degli stupefacenti in provincia. Oltre ad essere in contatto con gli stessi fornitori albanesi, Parotti è risultato più volte essere sia fornitore di cocaina che cliente di stupefacenti del tipo leggero a favore del gruppo acernese. Il fatturato mensile dell’impresa criminale si aggirava intorno ai 100mila euro.

Leggi tutto

Redazione Irno24 12/02/2021

Obbligo di pneumatici invernali su strade salernitane più interessate dalla neve

Nel weekend e per metà della prossima settimana si prevede un brusco calo delle temperature, con possibilità di accumulo di neve e ghiaccio sulle strade provinciali e regionali. Il territorio salernitano, come tutta la Campania, a partire da domani sabato 13 febbraio, sarà interessato da un intenso vortice di bassa pressione, che, interagendo con aria molto fredda di origine artico-continentale, genererà un’acuta fase di maltempo caratterizzata da copiose nevicate fino a quote di bassa collina o localmente di pianura.

“È necessaria molta cautela - dichiara il Presidente della Provincia, Michele Strianese - e ricordo a tutti il rispetto delle ordinanze 1029 e 1030, dello scorso novembre, con le quali la Provincia di Salerno ha disposto, ai sensi del Codice della Strada, l’obbligo di pneumatici invernali sulle strade provinciali statisticamente più interessate dalle precipitazioni nevose, oltre che da formazione di ghiaccio nel periodo invernale.

L’obbligo è in vigore fino al 30 aprile 2021. Le ordinanze in questione, adottate dal settore Viabilità e Trasporti, diretto da Domenico Ranesi, danno le indicazioni necessarie per la tutela della sicurezza sulle nostre strade, specie nelle aree più interne, di collina e montagna".

Leggi tutto

Redazione Irno24 28/11/2020

Polstrada Salerno incrementa i controlli, multato autista bus senza mascherina

Allo scopo di arginare l’emergenza in atto, sono stati potenziati i controlli da parte della Polizia Stradale, sia sulla viabilità ordinaria extraurbana che su quella autostradale. In tale ottica, la Polstrada di Salerno, su impulso del Questore e d’intesa con la Direzione Compartimentale Campania e Basilicata, ha predisposto dispositivi di controllo finalizzati a verificare la legittimità degli spostamenti in osservanza dei DCPM e dei DPR emanati per il contenimento dell’epidemia da Covid-19.

Tali dispositivi, oltre l’effetto dissuasivo a spostamenti indiscriminati e illegittimi, hanno consentito di sottoporre a controllo un elevato numero di utenti. In tale contesto, è stato sanzionato il conducente di un veicolo adibito al trasporto pubblico di linea, perché, nonostante i passeggeri a bordo, guidava senza fare uso dei prescritti strumenti di protezione individuale.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...