Covid-19, servizi speciali del Comune di Salerno per chi è in quarantena

Riguarderanno la consegna domiciliare della spesa, di farmaci e beni di prima necessità

Redazione Irno24 25/03/2020 0

Il Comune di Salerno, su indicazione del Sindaco, Vincenzo Napoli, e con il coordinamento operativo dell’Assessore alle Politiche Sociali, Nino Savastano, ha predisposto una serie di servizi speciali dedicati alle persone positive al Coronavirus ed alle famiglie in quarantena, nonché alle persone dimesse dagli ospedali ma ancora in stato di osservazione.

Tali servizi saranno coordinati dal Settore Politiche Sociali tramite rigorosi protocolli operativi idonei a garantire la sicurezza del personale, degli operatori, nonché la privacy dei soggetti beneficiari. Riguarderanno in particolare l’assistenza per la consegna domiciliare della spesa alimentare, di farmaci e beni di prima necessità, di alimenti e prodotti per gli animali di compagnia.

Le famiglie e le persone interessate saranno contattate direttamente dal Settore Politiche Sociali che garantirà informazioni e supporto continuativo, in collaborazione con Salerno Solidale ed i rivenditori.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 20/01/2021

Oisma e In Cibum insieme per lanciare una pizzeria gestita da ragazzi autistici

L'Osservatorio Italiano Studio e Monitoraggio Autismo e In Cibum insieme per lanciare un appello: due ragazze e tre ragazzi, residenti tra Battipaglia e Salerno, affetti da autismo, con tanto di diploma dell'istituto alberghiero, e un corso di formazione per diventare pizzaioli professionisti, cercano una sede, per la precisione un locale da trasformare in pizzeria, per dare forma ai loro sogni imprenditoriali.

Una scommessa che fonda le sue radici su un percorso strutturato nel tempo, partendo dagli atelier messi in campo da OISMA Aps, la cui finalità è quella di favorire la collaborazione, il lavoro insieme agli altri - autistici e non - affinché ognuno trovi la propria dimensione di vita. Il passaggio successivo è stato quello di collaborare con la Scuola di Alta Formazione Gastronomica In Cibum, diretta da Mariagiovanna Sansone.

Il docente Valentino Tafuri, Maestro Pizzaiolo, ha seguito i giovani allievi insegnando loro la nobile e antica arte del fare la pizza e guidandoli ad inserirsi in un'organizzazione lavorativa. Durante le lezioni i ragazzi, prima di mettere le mani in pasta, hanno imparato tutto quanto c'era da sapere sulle materie prime e sulla realizzazione dei differenti tipi d’impasto nonché sul corretto utilizzo delle attrezzature.

OISMA Aps e In Cibum hanno deciso di affrontare insieme questa sfida: creare tutti i presupposti per aprire una pizzeria all'interno della quale i ragazzi autistici sono configurati come dipendenti, con tanto di regolare stipendio, attività programmate e organizzate in base alle loro competenze e ai loro tempi di attenzione. Per realizzare tutto questo si pensa di coinvolgere anche le aziende private che vorranno partecipare. Importante sarà il contributo dei volontari dell’OISMA Aps che affiancheranno i ragazzi durante le ore di lavoro e di gestione del locale.

Manca però un tassello: uno spazio che possa trasformare questo progetto in realtà. “Farina del nostro sacco” punta ad essere un locale per la famiglia ma anche per i giovani, un luogo dove stare bene e divertirsi con prodotti ricercati, un locale dai tempi lenti dove non bisogna andare a mangiare una pizza quando si hanno cinque minuti e poi si corre via, ma un locale dove trovarsi e ritrovarsi.

Un luogo “lento”, con prodotti biologici e di altissima qualità serviti con altrettanta qualità. I cinque giovani, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, selezionati da Rosaria Ferrara, referente clinica di OISMA Aps, e seguiti in ogni passaggio da Annalisa Siano, referente tecnica, saranno aiutati anche nell'apertura di un conto corrente necessario per l'accredito dello stipendio.

Leggi tutto

Redazione Irno24 19/05/2021

Salerno, quasi pronta la succursale del Liceo Alfano I all'IPI

La Provincia di Salerno sta per ultimare i lavori di adeguamento dell'ultimo piano dell'ex Istituto provinciale per l'infanzia (IPI) di Salerno in via Mauri. “Gli ambienti sono stati ristrutturati - afferma il Presidente Strianese - per ospitare la succursale del Liceo Statale Alfano I di Salerno.

Sono state ricavate 10 aule, 2 laboratori, una sala professori e un ufficio di segreteria. L'importo complessivo dell'intervento è di circa 200mila euro. L'intervento è stato finanziato con fondi del MIUR (decreto MIUR del 29 luglio 2020, n. 77) ed è coordinato dal settore Edilizia scolastica e Patrimonio”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 29/04/2021

Salerno Pulita ascolta utenti, oli esausti ai centri di raccolta

Fu uno dei suggerimenti che gli utenti diedero nello scorso mese di novembre, rispondendo al sondaggio sulla qualità dei servizi effettuati da Salerno Pulita. Si chiedeva di predisporre dei punti di raccolta per conferire gli oli esausti da cucina. Ebbene si è provveduto, Salerno Pulita ha effettuato una gara per individuare l’operatore economico che provvederà a ritirare e a riciclare gli oli esausti che saranno conferiti dai salernitani.

La ditta fornirà in comodato gratuito i totem per la raccolta degli oli esausti, ce ne ne sono di due tipi: uno in cui deporre la bottiglia, con il tappo ben avvitato, in cui si è raccolto l’olio; l’altro, invece, in cui versare direttamente l’olio raccolto in un contenitore. Le prime due coppie di totem sono state installate nei centri di raccolta “Fratte” e “Arechi” e sono già funzionanti.

Prossimamente, verificato l’andamento della raccolta, Salerno Pulita individuerà, d’intesa con il Comune, altri siti in città in cui installarli. Dovranno essere luoghi protetti per evitare che diventino punti di accumulo di rifiuti o che siano danneggiati da vandali. Salerno Pulita ricorda che si può raccogliere nella bottiglia di plastica o nella tanica solo olio alimentare (di fritture o di conservazione dei cibi in scatola). Raccogliendo quest’olio si proteggono l’acqua e l’ambiente e si contribuisce alla riduzione di CO2 nel settore dei trasporti. Infatti l’olio alimentare correttamente raccolto viene inviato a rigenerazione diventando biodisel.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...