Salerno, ai Barbuti "Non ti pago" nell'adattamento di Fornario

Appuntamento per il 5 Agosto alle ore 21:15, ingresso 10 euro

Rodolfo Fornario (foto da facebook)

Redazione Irno24 03/08/2022 0

Venerdì 5 agosto, alle ore 21:15, in largo Santa Maria dei Barbuti, nel centro storico di Salerno, nell’ambito della XXXVII edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival”, la Compagnia Arcoscenico porterà in scena “Non ti pago”, di Eduardo De Filippo, per la regia e l’adattamento di Rodolfo Fornario.

In scena: Roberto De Angelis, Giusy Esposito, Daniele Alfieri, Rosaria La Femina, Alfredo Venosi, Melina Tagliamonte, Aldo Flauto e Luca Fantarella, Teresa Ruggiero, Claudio Ardia, Massimo Rinaldi, Maria Grazia Testa, Natascia Sica. Organizzazione generale Antonella Quaranta. Ingresso 10 euro.

Spiega il regista Fornario: "Ci siamo avvicinati a questo testo con la dovuta attenzione; come tanti testi eduardiani, molti ne conoscono le battute a memoria e quindi è doveroso avere la giusta cura nel metterlo in scena. A modo mio, pur non toccando l’impianto drammaturgico, mi sono divertito nel mettere in scena una caratterizzazione un tantino 'fuori registro', giusto per sorprendere, piacevolmente, gli spettatori".

La storia è conosciuta. Ferdinando Quagliolo, proprietario di un banco lotto a Napoli, è ossessionato dal gioco del lotto stesso; il suo aiutante, “Aglietiello”, gli dà manforte in questa sua ricerca della combinazione vincente. Un suo dipendente, Mario Bertolini, innamorato di sua figlia Stella, è invece terribilmente fortunato e continua a collezionare vincite su vincite. Il giorno in cui Bertolini vince una quaterna milionaria, si scatena tutta l’invidia e la gelosia di Ferdinando. Di qui l’intreccio che porta al lieto fine della vicenda.

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 14/12/2021

Salerno, "La fortuna con l'Effe maiuscola" apre la rassegna "Te voglio bene assaje"

Giovedì 16 dicembre 2021 prende il via a Salerno la nuova edizione della rassegna teatrale “Te voglio bene assaje” con un classico della commedia partenopea, quel lavoro a quattro mani firmato Eduardo De Filippo e Armando Curcio che riesce a mettere insieme il dolce-amaro della vita.

E così quando alle 21 il sipario del Teatro delle Arti a Salerno si aprirà le sorti della famiglia Ruoppolo torneranno a vivere per riprendere il filo di quel racconto che tutti conoscono con il titolo di “La fortuna con l’Effe maiuscola”. Inserita da Eduardo nella raccolta intitolata “Cantata dei giorni pari” fino al 1962 per essere poi sostituita da “Ditegli sempre di sì”, è senza dubbio un immortale.

Nelle note di regia Gaetano Stella, che è in scena da protagonista, scrive: “Una commedia dalle due anime che ho cercato di rispettare, una commedia, che ha un enorme carico di dolore individuale, familiare e sociale, ma che strappa risate non ridanciane ma di duro umorismo, quell’ironico divertimento che ci dona la “realtà” quando, paradossalmente supera la fantasia”.

“La Fortuna con l’Effe maiuscola” è il primo degli spettacoli in cartellone, voluti da Serena Stella che della rassegna firma la direzione artistica. Il secondo titolo in cartellone è “Omaggio a Peppino De Filippo”, il 28 gennaio 2022; l’11 febbraio ci sarà “Nel giallo dipinto di giallo” di Lello Marangio & Lucio Pierri; il 18 marzo sarà la volta di “Don Felice in mezzo ai guai” per la regia di Ugo Piastrella ed il 21 aprile chiuderà la cinquina “O vico e Tuledo 'e notte”, due atti unici di Raffaele Viviani per la regia di Matteo Salsano.

Leggi tutto

Redazione Irno24 06/02/2020

"Io sono una farfalla" al Teatro Nuovo di Salerno

Venerdì 7 Febbraio alle ore 21 parte la X edizione di "Atelier Spazio Performativo", rassegna a cura di Artestudio & Teatro Grimaldello. "Io sono una farfalla", lo spettacolo inaugurale, è in programma al Teatro Nuovo di Salerno (Via Laspro, 10) e nasce in collaborazione con l'Ex Asilo Filangieri di Napoli, il Teatro "Il Giullare" di Salerno e il Teatro Grimaldello.

Drammaturgia firmata da Antonio Stoccuto, regia di Antonio Grimaldi, entrambi anche protagonisti della scena. "Io sono una farfalla" è una sensibile, visionaria narrazione di una storia appartenente ad una donna transessuale. Una storia vera, narrata da una fonte (E.) lasciata anonima per privacy.

Il lavoro nasce dall'esigenza dell'autore di attraversare il complesso universo dell'identità di genere e dal suo incontro con E., che fornisce la base di lavoro e di drammaturgia allo spettacolo: diari personali, aneddoti, storie di vita vissuta. In scena solo una panchina rossa: qui il sogno e l'incubo appaiono lo schema più adatto ad accogliere le tematiche affrontate nella drammaturgia.

Al centro c’è l'affascinante, fragile, sincera figura di E., che scopre la sua identità, rinasce e dà inizio alla nuova vita. Essa somiglia a tutti noi, uomini e donne di questo e di tutti i tempi, soli quanto lei: al di là della mancata coincidenza tra sesso biologico e identità di genere, distruggiamo la vita fuori e dentro di noi continuamente durante le nostre crisi d'identità, generando una transazione di noi stessi che abbatte i conflitti tra personalità e identità.

E., interpretata da Stoccuto, fugge dalla violenza umana e si arricchisce di tutte le sfumature per una nuova genesi. Ad accompagnarla nel mutamento c'è la madre, dai caratteri tenebrosi, che assume un ruolo violento e punitivo. Un innamorato, con tratti di soave dolcezza, capace di trasportare in un mondo fiabesco la scena, coniuga invece la linea sottile tra amore e morte, volo e baratro. I ruoli della madre e dell'innamorato sono affidati all’interpretazione di Grimaldi, artista alla soglia di una maturità espressiva che sorprende.

Biglietto 12 euro, ridotto studenti 10 euro. Info e prenotazioni 347 4016291 - 331 8029416 - 089 220886.

Leggi tutto

Redazione Irno24 09/12/2020

Gran debutto per "Feste al Massimo", più di 30mila visualizzazioni

Buona la prima per "Feste al Massimo", il cartellone di spettacoli on line che il Teatro Verdi di Salerno, con il sostegno della Regione, propone per tutto il mese di dicembre 2020. La diretta streaming de "Il Maestro di Cappella" di Domenico Cimarosa, diretto da Paolo Bordogna con l'Orchestra Filarmonica "Giuseppe Verdi" di Salerno, ha totalizzato sulle varie piattaforme oltre 30mila visualizzazioni.

"Un risultato straordinario - dichiara il Sindaco Napoli - che dimostra il successo di una modalità di fruizione originale dell'arte che contribuisce a creare una comunità tra i concittadini e coloro che visitavano Salerno in questi giorni di festa". Il prossimo appuntamento, Venerdì 11 dicembre alle ore 20, è il "Concerto per Violino e Orchestra": dirige Jacopo Sipari, violino solista Salvatore Quaranta, accanto a loro l'Orchestra Filarmonica “Giuseppe Verdi” di Salerno

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...