Salerno, "bolle" su pavimento in gomma del sottopasso di via Santi Martiri

Ci scrive un lettore: "Si è creato un percorso accidentato in cui è molto facile incespicare"

Redazione Irno24 23/10/2023 0

Da un nostro lettore, residente a Salerno, in via Dalmazia, ci arriva la segnalazione (accompagnata dalla foto che pubblichiamo) dello stato di precarietà in cui versa la pavimentazione in gomma che ricopre uno dei due tratti pedonali del sottopasso di via Santi Martiri.

"Fra la gomma e il cemento sottostante - fa notare il lettore - sono presenti delle grosse bolle d'aria che ostacolano il cammino, creando un percorso accidentato in cui è molto facile incespicare. E' già da un po' di tempo che il tratto interessato si presenta in queste condizioni".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 22/06/2023

Salerno, lo stato di abbandono delle piante sul Trincerone Est

Ci arriva un'altra segnalazione in redazione, questa volta dalla zona di via Diaz, centro di Salerno. Un nostro lettore, infatti, sottolinea lo stato di totale incuria ed abbandono in cui versano le piante e le aiuole del Tricerone Est, recentemente inaugurato dal Comune.

"La vegetazione è tutta completamente secca e trascurata - si legge nella mail, cui vengono allegate le foto che vedete - e coi primi caldi estivi diventa potenziale ricettacolo di insetti e animali indesiderati. Inoltre, al di là del discorso igienico, non è uno spettacolo certamente bello a vedersi, in un punto centralissimo della città che nelle intenzioni dell'amministrazione doveva essere preposto al tempo libero e allo sport".

Leggi tutto

Redazione Irno24 17/01/2022

Non può raggiungere l'Usca perchè senza auto, odissea di una madre salernitana

Riceviamo e pubblichiamo quanto è stato segnalato alla nostra redazione. "Scrivo per raccontare l’odissea vissuta in quest’ultima settimana da una giovane madre salernitana. La donna, residente a Salerno, madre di due bambini, rispettivamente di 3 e 6 anni (con quest’ultimo affetto da serie patologie), risultata positiva ad un test Covid effettuato in data 8 gennaio 2022, si è ritrovata completamente abbandonata al suo destino.

Dopo aver contattato invano Polizia municipale, Polizia, Carabinieri, Asl, Usca, Guardia medica, Protezione civile, Croce verde, Croce rossa, Croce bianca, Medico di base, nonchè gli svariati numeri nazionali messi a disposizione per fronteggiare l’emergenza, si trova ad oggi a non aver ricevuto ancora il benché minimo aiuto. La donna è confinata in casa da una settimana con tutto il nucleo familiare, marito compreso (unico a lavorare); non essendo automuniti, è impossibilitata a recarsi all’Usca coi bambini per effettuare i tamponi di rito.

L’unico aiuto concreto per questa famiglia è venuto da un prete della parrocchia di Capriglia, che non ha esitato a portare di persona alla famiglia medicinali e beni di prima necessità. Voglio precisare che la persona in questione non richiede aiuti economici o materiali ma solo l’assistenza che le spetterebbe di diritto: l’assistenza domiciliare o in alternativa qualcuno che possa aiutarla a recarsi all’Usca.

La donna e i suoi bimbi hanno necessità di effettuare al più presto il tampone per poter ritornare ad una vita normale: aggiungo che il bimbo affetto da patologie, a causa di questa diffusa inefficienza del sistema, ha perso preziosi giorni di scuola e di terapie riabilitative in centri specializzati. Il paradosso è che le persone in possesso di automobile (si presume, dunque, abbienti) possono accedere gratuitamente ad un servizio (tamponi dell'Usca) che ai non automuniti è interdetto".

Leggi tutto

Redazione Irno24 27/11/2022

Salerno, una microdiscarica fra via Laurenzi e via Zottoli

Numerosi lettori ci hanno segnalato l'esistenza di una "microdiscarica" fra Via Laurenzi e Via Zottoli, a Salerno, zona della città non lontana dalla sede Asl di via Nizza e dalla Cittadella Giudiziaria. A supporto della segnalazione, pubblichiamo anche una foto.

I residenti ci fanno sapere che le precipitazioni delle ultime settimane hanno intriso d'acqua il materiale depositato, "espandendolo" e rendendo dunque la situazione più problematica. Nel mezzo dei rifiuti, come si vede dall'immagine, campeggia anche la "seduta" di una sedia da ufficio.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...