Salerno, errato conferimento rifiuti: ancora multe per i locali della movida

"Atteggiamento di completa indifferenza nei confronti delle regole che gli altri cittadini rispettano"

Redazione Irno24 18/06/2022 0

"Questa mattina, da Piazza della Concordia a Via Roma, insieme agli agenti della Polizia Municipale, abbiamo controllato - scrive Salerno Pulita - numerosi sacchi neri, il cui utilizzo è vietato, all'interno dei quali abbiamo trovato di tutto, tranne che la frazione umida la cui raccolta era prevista.

Ci dispiace constatare che, nonostante gli appelli ed i controlli già effettuati nelle settimane precedenti, continua da parte di molti operatori del settore della movida un atteggiamento di completa indifferenza nei confronti delle regole che gli altri cittadini rispettano.

Tra oggi e lunedì verranno notificate altre multe ma, a questo punto, c'è da chiedersi se siano sufficienti a fermare un fenomeno che incide sulle tasche di tutti i salernitani: nel 2021, giusto per dare qualche numero, gli errati conferimenti ci sono costati 3 milioni di euro, che rappresentano un quota molto significativa della spesa totale che il Comune di Salerno affronta per la gestione della raccolta differenziata".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 26/10/2021

Rifiuti in via Canali a Salerno, differenziata impropria di pescherie e ristoranti

Erano in massima parte rifiuti prodotti da ristoranti e pescherie quelli ammassati domenica mattina in via De Canali, davanti alla chiesa di San Crispino e San Crispiniano, all’altezza di San Pietro a Corte, e in largo Barbuti. E’ quanto è emerso dai controlli effettuati ieri mattina, alla presenza di agenti della polizia municipale, dagli addetti alla raccolta di Salerno Pulita.

Dall'apertura delle buste si è verificato che si trattava di resti della pulizia di pesce o di prodotti ittici andati a male contenuti in scatole di polistirolo, oppure di scarti di cucina di ristoranti. Nel caso delle pescherie è bene ricordare che quel tipo di rifiuti non può proprio essere smaltito assieme ai rifiuti urbani ma, al pari di quelli prodotti dalle macellerie, va conferito a specifiche ditte con cui convenzionarsi.

Per quanto riguarda i ristoranti, e anche i bar e le attività produttrici di organico, Salerno Pulita ricorda che nella zona movida il sabato, dalle ore 3 alle ore 9, si conferisce il multimateriale (plastica, lattine, barattoli metallici, contenitori in tetrapak per bevande) e nello stesso giorno, ma dalle 13.30 alle 15, sia l’organico che il cartone. Dalle ispezioni, però, è emerso che la differenziata non viene proprio fatta e che i ristoranti nella stessa busta mettono avanzi di cibo, plastica, lattine, barattoli e finanche vetro. La polizia municipale sta visionando le immagini delle telecamere presenti in zona per tentare di individuare i responsabili.

“Liberarsi in questo modo improprio dei propri rifiuti lede l’immagine della città e i ristoratori, al pari di altre attività commerciali, dovrebbero essere i primi – ha commentato Vincenzo Bennet, amministratore unico di Salerno Pulita – ad evitare che si creino micro discariche perché una città pulita è più accogliente ed attira più visitatori e dunque potenziali clienti”.

Bennet, però, non nasconde le criticità dell’attuale calendario di raccolta dei rifiuti: “Negli ultimi dieci anni il numero delle attività di ristorazione e del food in genere è aumentato in maniera esponenziale, spesso anche in locali di piccole dimensioni, ed è oggettivamente problematico tenere all’interno i rifiuti prodotti il sabato sera e la domenica ed attendere il lunedì pomeriggio per liberarsi dell’organico e addirittura il giovedì per la plastica e le lattine. Si avverte la necessità di rivedere giorni e orari di conferimento e con l’amministrazione comunale stiamo studiando gli eventuali correttivi da apportare”.

Leggi tutto

Redazione Irno24 26/03/2020

Coldiretti Campania: "Il gelo danneggia i campi"

Il crollo delle temperature in queste ore sta causando danni agli ortaggi nei campi e agli alberi già in fiore. L'agricoltura continua a soffrire – comunica Coldiretti Campania – dovendo già fronteggiare la concorrenza di prodotti esteri in tempi drammatici. La scure del gelo e della neve si è abbattuta su piante e verdure in campo, in particolare nelle aree interne della regione.

Una situazione di difficoltà a macchia di leopardo, su cui sono in corso verifiche per quantificare l’entità dei danni. Ma è allarme anche per le api presenti sul territorio nazionale che sono state ingannate dal caldo e sono uscite dagli alveari ed ora rischiano di subire pesanti perdite.

Lo sbalzo termico primaverile ha colpito le campagne dopo un inverno che si è classificato in Italia come il secondo più caldo dal 1800 a livello climatologico facendo registrare una temperatura addirittura superiore di 2,03 gradi rispetto alla media di riferimento che ha favorito il risveglio della natura con l’anticipo delle primizie di stagione che sono andate distrutte.

Nel frattempo, nonostante le difficoltà, prosegue in tutta la regione la disponibilità degli agricoltori con i loro trattori per sanificare le strade contro il Coronavirus.

Leggi tutto

Redazione Irno24 25/01/2022

Operazione contro i furti di indifferenziato, plauso Fp Cgil Salerno

“La Funzione Pubblica Cgil di Salerno plaude all’intervento coordinato egregiamente dall’Amministratore Unico Vincenzo Bennet, dal Capitano Mario Elia della Polizia Locale di Salerno, dal Comandante Rosario Battipaglia e dalla Polizia di Stato. Un intervento necessario dopo mesi di denunce e sollecitazioni che questa Organizzazione Sindacale aveva posto nei confronti del Prefetto, dell’Amministrazione Comunale di Salerno e della Salerno Pulita.

La città il martedì mattina è un inferno, con centinaia di buste di indifferenziato aperte e con il materiale conferito dai cittadini sparso lungo le strade. I lavoratori sono stanchi ed estenuati, proprio perché tale fenomeno rallenta notevolmente il lavoro di raccolta e spazzamento lungo le strade, determinando un sovraccarico non indifferente.

Auspichiamo che tali controlli possano essere replicati nel tempo per risolvere una questione annosa e delicata, a tutela del decoro cittadino e delle attività garantite dai lavoratori” dichiara il segretario Antonio Capezzuto.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...