Solofra, migliorano i dati sui contagi: anticipato al 13 Aprile il ritorno in aula

Ordinanza "di revisione" del sindaco Vignola

Redazione Irno24 09/04/2021 0

"Le disposizioni contenute e gli effetti dell'ordinanza sindacale n. 41 del 7 Aprile 2021 - specifica l'ordinanza 42 del sindaco di Solofra, Michele Vignola - avranno termine a partire dalla data del 13 Aprile 2021 e, per l'effetto, in tale data saranno riaperte le scuole".

Inizialmente, la sospensione delle attività didattiche era stata prevista fino al 20 Aprile, ma l'andamento favorevole della situazione dei contagi ha permesso di anticipare di una settimana, spingendo il primo cittadino ad adottare il provvedimento "di revisione".

Potrebbero interessarti anche...

Redazione Irno24 17/05/2021

Solofra, "Maggio dei Libri 2021" nel segno di Dante a 700 anni dalla morte

Con un tributo a Dante, a 700 anni dalla morte, ritorna anche nel 2021 l'appuntamento a Solofra con il "Maggio dei libri", tutti gli eventi saranno disponibili (come nel 2020) su Facebook.

Il programma: Giovedì 20 Maggio ore 18.00, "A spasso con Dante", letture e dialoghi. Lunedì 24 Maggio ore 18.00, "L'amore e le donne", versi di autore; letture a cura delle Associazioni ArTeatro e Miro performers, accompagnamento musicale di Giovanni Masi e Simone Giliberti.

Sabato 29 Maggio ore 17.30, presentazione del libero "21 Settembre 1943 - Un lampo al centro di Solofra", con la partecipazione delle autrici Lucia Petrone e Mimma De Maio.

Leggi tutto

Redazione Irno24 22/10/2020

Posti Covid a Solofra, il sindaco Vignola chiede incontro col Prefetto

"Abbiamo chiesto un incontro urgente con il prefetto - afferma il sindaco di Solofra, Vignola, in un'intervista al TGR Campania - Non ci spieghiamo per quale motivo per soli 37 posti letto Covid ordinari debba essere messo a repentaglio un intero ospedale con la sospensione di tutte le attività. Basterebbe trovare due reparti ad Avellino oppure destinare una struttura esterna come il Maffucci o il terzo piano dell'Ospedale Landolfi che è completamente libero senza chiudere le attività dei reparti in essere".

Dei 103 posti Covid richiesti dal Governatore De Luca, 48 sono ricavabili nel Covid Hospital e 18 nel reparto malattie infettive; gli altri 37 dovrebbero - appunto - essere ricavati all'Ospedale Landolfi di Solofra. Da qui, però, la richiesta del primo cittadino affinchè si trovino soluzioni alternative che non condizionino il funzionamento del nosocomio stesso.

Leggi tutto

Redazione Irno24 28/05/2020

Inquinamento ambientale, denunciati titolari di 5 aziende conciarie di Solofra

Continuano i controlli dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino alle aziende del polo conciario di Solofra, finalizzati al contrasto delle potenziali fonti inquinanti del bacino idrografico del fiume Sarno. Solo nel mese di maggio sono stati effettuati 6 controlli. All’esito degli accertamenti effettuati sono state deferite in stato di libertà 5 persone, in qualità di legali rappresentanti di altrettante aziende conciarie, mentre solo due controlli sono risultati conformi. Sono state elevate anche 5 sanzioni amministrative per un importo complessivo di 12.500 euro.

L’attività, eseguita di iniziativa dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) di Avellino, unitamente ai Carabinieri delle Stazioni Forestale di Serino e Forino, ha permesso di accertare l’illecito smaltimento di imballaggi contaminati da sostanze pericolose nonché di contenitori di sostanze chimiche utilizzate per la lavorazione delle pelli.

Oltre alla denuncia, per i titolari di 4 aziende sono scattate sanzioni amministrative per la mancata annotazione dei rifiuti sul registro di carico e scarico. Un analogo illecito smaltimento di rifiuti è stato accertato anche in una quinta azienda dove l’accesso ispettivo ha permesso altresì di rilevare che dal 2018 la stessa società non provvedeva allo smaltimento/recupero di un ingente quantitativo, pari ad oltre 110 metri cubi di rifiuti, in violazione dei limiti temporali e quantitativi previsti dalla legge.

Tali rifiuti, sottoposti a sequestro, risultavano depositati in maniera non omogenea, miscelati tra di loro e senza indicazione del previsto codice C.E.R. (Codice Europeo dei Rifiuti). Anche per l’amministratore di quest’ultima azienda, oltre alla sanzione amministrativa, è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...